Garantito Igp: Taurasi 1977 Mastroberardino

Letture: 36
Taurasi 2007

“Il cibo ed il vino secondo Carlo Macchi, Luciano Pignataro e Franco Ziliani.
Ogni lunedì, i tre blog di Vino Igp (I Giovani Promettenti) offrono ai loro lettori un post scritto a turno dai giornalisti Carlo Macchi, Luciano Pignataro e Franco Ziliani”.

Il tempo del vino? Ci sono bottiglie che hanno bisogno di evoluzione per esprimersi al meglio e che però in ogni stadio riescono ad esprimere una completezza circolare.
Altre di cui non si può fare altro che contare gli anni di attesa, lunghi come i minuti di un appuntamento giovanile d’amore (verrà, non verrà?)

L’Aglianico è gretto e inelegante quando esce troppo presto, sprucido come le genti irpine e vulturine che lo lavorano poco aduse al commercio e alle relazioni umane borghesi, ma chiuse nei loro secoli, che dico, millenni, di isolamento montanaro.

Poi però il tempo serve a scoprire le qualità nascoste, la laboriosità e il senso della misura accompagnato da una caustica ironia sulle cose del mondo per quanto riguarda gli uomini, l’ingredibile eleganza del bicchiere, Sottile e forte, quando sono passati, dieci, quindici, vent’anni, trent’anni.

Sinora solo con Mastroberardino è possibile viaggiare oltre i venti anni. Si è spesso parlato del Taurasi 1968, e il mio invito è, quando avete occasione, di profittare e partecipare alle rare verticali che l’azienda organizza in giro per l’Italia nel corso dell’anno.
Noi di recente abbiamo condotto una trama a Vitigno Italia insieme all’enologo Massimo Di Renzo e all’amministratore delegato Dario Pennino.

Allora ci è piaciuto molto il 1977, trentatre gli anni di Cristo, e di cui riporto le note della brava degustatrice Sara Marte: “il 1977 è frutto invece di un’annata definita” la tipica annata irpina” per le forti escursioni termiche tra il giorno e la notte. Fine agosto poi ed inizio settembre furono caratterizzati  da forti piogge. E’ un vino che regala subito un naso di bella complessità, certo meno sconvolgente del precedente 1968. Percepisco delle note di cuoio ed  al palato ci dirigiamo verso  qualche nota medicinale e certamente una bocca di lunga, lunghissima persistenza e profondità. Il tannino c’è, rotondo ma presente”.

Il tempo è l’elemento fondamentale capace di distinguere un grande vino. Motivi commerciali spingono tutti al bicchiere pronto, ma allora bevete Freisa, Nero d’Avola, Piedirosso.
Nessuna pratica enologica potrà invece eguagliare la capacità dell’Aglianico di dialogare con gli anni di regalari sensazioni ancestrali al naso e alla mente.
Il significato storico di queste bottiglie è proprio questo: l’Aglianico regala grandi soddisfazioni, tanto migliori quanto lunga l’attesa di cui sarete stati capaci.
Il resto è ciarpame enologico.
Luciano Pignataro


Questo articolo esce contemporaneamente su :
vinoalvino.org
www.lucianopignataro.it
winesurf.it