GARANTITO IGP. Vigneti delle Dolomiti Nosiola e Manzoni bianco 2008 Vignaiolo Giuseppe Fanti

Letture: 62

La Nosiola Giuseppe Fanti

di Franco Ziliani

“Il cibo ed il vino secondo Carlo Macchi, Luciano Pignataro e Franco Ziliani.
Ogni lunedì, i tre blog di Vino Igp (I Giovani Promettenti) offrono ai loro lettori un post scritto a turno dai giornalisti
Carlo Macchi, Luciano Pignataro e Franco Ziliani”.
Me ne convinco sempre più c’è Trentino e Trentino del vino.

C’è quello che non mi piace, rappresentato dalla triade di potenti e talora strafottenti Cantine Sociali che fanno il bello ed il cattivo tempo e danno l’impressione di considerare gli altri soggetti produttivi come delle trascurabili entità  e niente più.
E c’è poi l’altro Trentino, quello che propone agli appassionati curiosi che non si accontentano delle produzioni di massa le cose più interessanti e sfiziose, formato da una rete di piccole realtà di aziende, spesso molto piccole, che si sforzano di fornire un’immagine più autentica della produzione vitivinicola in questa regione attraverso vini che hanno carattere, personalità e sense of terroir, come direbbero gli inglesi.
Rete di aziende che hanno dato vita ad una realtà associativa vitale come l’Associazione dei Vignaioli del Trentino, il cui sito Internet vi invito a visitare – vedete qui.
Vignaioli i cui vini molto spesso occorre andare a cercare in zona, visto che spesso non sono capillarmente distribuiti in tutta Italia, ma che rappresentano delle autentiche scoperte.
Questo anche e soprattutto nel caso di varietà e vini d’interesse locale, insomma quei vini che siamo abituati a definire “autoctoni”.
Oggi non vi segnalerò un solo vino, bensì due, opera di un vignaiolo che opera in una zona bellissima a nord di Trento, eccellente zona di vini bianchi.
Si tratta di un’azienda particolare, quella di Giuseppe Fanti, oggi condotta dal figlio Alessandro, cui storicamente va il merito, riconosciuto da tutti, di aver valorizzato negli anni Cinquanta una delle varietà a bacca bianca più intrinsecamente trentine come la Nosiola, che stava rischiando di scomparire.  Azienda che esordì sul mercato nel 1972 e che da allora ha mantenuto un rigore qualitativo esemplare.
Lo dimostra questa scattante Nosiola (Igt Vigneti delle Dolomiti) annata 2008. Colore paglierino verdognolo di bella luminosità e brillantezza pieno di riflessi, naso di buona fragranza e freschezza, con note di fiori bianchi, agrumi, accenni di nocciola fresca e pesca bianca. L’attacco in bocca é ben secco, vivo nervoso, con acidità che spinge, con nerbo  sapido pieno di energia e carattere con una piacevole nota amara che richiama la mandorla sul finale lungo e diritto.
Diverso e sempre intrigante il discorso sul Manzoni bianco, conosciuto anche come Incrocio Manzoni, ovvero, come potete leggere su questo interessante sito Internet appositamente dedicato a questa varietà – leggete qui -, “il clone più famoso tra quelli ideati e messi a punto dal prof. Luigi Manzoni, preside della Scuola Enologica di Conegliano durante una serie di esperimenti condotti negli anni Trenta sul miglioramento genetico della vite mediante incrocio e ibridazione”.
In altre parole un vitigno nato dall’incrocio tra due varietà nobili come Riesling Renano e Pinot bianco. Un vitigno che trova crescente diffusione nel Nord Est, in provincia di Treviso e Vicenza, ma che in Trentino ha trovato un ambiente particolarmente favorevole.
Questa versione annata 2008 di Alessandro Fanti la considero come una delle più convincenti versioni che abbia sinora incontrato. Colore paglierino vivo dorato multi riflesso, profumi di bella vivacità e definizione, ampi, complessi, ben strutturati, con note di fiori secchi, agrumi, mandorle, accenni di miele e solo una leggera speziatura in evidenza, gusto ben secco,  ma largo, ampio, ben strutturato, ricco di grande soddisfazione, con un’acidità ben calibrata, continuità e nitido sviluppo, grande nerbo ed estrema piacevolezza, da vino, come la Nosiola, di spiccata personalità e carattere. Questo sì che è il Trentino (del vino) che mi piace!

Vignaiolo Giuseppe Fanti
Via Piazza G.N. Della Croce
Pressano di Lavis
telefono e fax 0461 240809
e-mail vignaiolo@virgilio.it

Questo articolo è pubblicato contemporaneamente su
www.winesurf.it

www.lucianopignataro.it
www.vinoalvino.org