Garda, Italia in rosa 2010. I premiati

Letture: 115

di Pasquale Brillante

Chiusa  la terza edizione Italia in Rosa che ha avuto per la prima volta una doppia  sede espositiva: oltre che a Moniga del Garda, la città del Chiaretto, sulla costa lombarda del lago, nell’ormai consueta, affascinante sede del parco di Villa Bertanzi, il  nuovo prestigioso spazio a Lazise, sulla riva veneta del Garda, nella cornice della cinquecentesca Dogana Veneta.

 L’evento è organizzato congiuntamente dai Comuni di Moniga del Garda e di Lazise e dai Consorzi di tutela del Garda Classico presieduto da Sante Buonomo e del Bardolino presieduto da
Giorgio Tommasi , con
la collaborazione di Angelo Peretti  sono  accomunati dalla produzione del Chiaretto, il tipico rosato gardesano ottenuto sulla sponda bresciana del Garda prevalentemente dalla vinificazione “in rosa” delle uve rosse autoctone del Groppello, e sulla costa veronese applicando la medesima tecnica produttiva prevalentemente alle uve rosse della Corvina. Una tradizione, quella del Chiaretto, nata nell’Ottocento proprio a Moniga ad opera di un senatore veneziano, Andrea Molmenti, che aveva preso moglie in riviera e che nella cantine di Villa Bertanzi, al ritorno da un viaggio in Francia, ideò la formula del classico rosé gardesano.

Assieme al Chiaretto, a Moniga del Garda ed a Lazise in degustazione vini rosati di oltre 200 aziende  praticamente di tutte le regioni d’Italia, dall’Alto Adige alla Sicilia, dalla valle d’Aosta alla Puglia. Discreta anche la presenza dei vini Campani. Uno spazio di notevole interesse è  stato quello delle bollicine rosa, che ha proposto  in assaggio il meglio della spumantistica rosata italiana, dalla Franciacorta all’Oltrepò Pavese, dal Garda alle regioni meridionali: un’occasione pressoché unica per avvicinare l’onda lunga dei brut italiani “in rosa”.

Nell’ambito della manifestazione a Monica del Garda il tradizionale trofeo Molmenti, che ha premiato i vini che ha giudizio della commissione tecnica composta da sommelier dell’Ais Lombardia guidati da Nicola Bonera, in base al parametro della piacevolezza.

Interessante  anche il  programma di degustazioni guidate sul vini del Garda e del Bardolino, guidata dall’Ais Lombardia, arricchito per la prima volta anche da approfondimento su alcuni territori tra cui Sicilia,Campania e Abruzzo a cura di giornalisti,sommelier ed esperti del settore.

Per il  trofeo Molmenti i finalisti sono stati :

Cantine Avanzi – Garda Classico (il vino di una notte) Chiaretto 2009
www.avanzi.net

Cantine Sergio Delai  – Garda Bresciano Chiaretto 2009
www.delaisergio.it

Cantine  f.lli Turina –  Garda Classico Chiaretto Fontanamora 2009
www.turinavini.it

Cantine Monte Cicogna – Chiaretto di Moniga – Siclì 2009
www.montecicogna.it

Civielle Cantine della val Tenesi – Pergola chiaretto 2009
www.civielle.com

MonteAcuto – Garda Bresciano Chiaretto LeAli 2009 –
www.montresor.it

Nel mio taccuino personale ho anche evidenziato alcune aziende che mi hanno particolarmente impressionato. Complessivamente la qualità dei vini in degustazione mi è sembrata molto buona.

Vigne San Pietro    
CordeRosa 2009
Ottimo lo spumante rosè prodotto secondo il metodo classico a base di groppello.
www.vignedisanpietro.it

COSTARIPA
Garda Classico Chiaretto Rosamara 2009
www.costaripa.it

LA BASIA  
Garda Classico Chiaretto La Moglie Ubriaca 2009
www.labasia.it

Le Fraghe
Bardolino chiaretto Rodon 2009
Un rosato molto dry, molto piacevole e delicato
www.fraghe.it

Fulvio Benazzoli
Bardolino chiaretto spumante  metodo charmat
www.benazzoli.com

Monte Saline
Bardolino Chiaretto Spumante
Metodo Classico 2007
www.montesaline.com

Cà dei Frati
Riviera del Garda Bresciano Rosa dei Frati 2009
www.cadeifrati.it

La lista completa delle aziende  su  : www.italiainrosa.it  nella sezione espositori.

I vini in degustazione selezionati da Alma Torretta tra le aziende siciliane presenti sono stati :

Duca di Salaparuta  – Sicilia Corvo rosa 2009
Un rosato dal colore caldo,prodotto con uve a base di nerello mascalese,proveniente dalla provincia di Trapani.Al naso abbastanza complesso dove prevalgono floreale ,fruttato.Al gusto e morbido caldo e di buona persistenza.Un nerello mascalese molto diverso per struttura e freschezza da quello coltivato alle pendici dell’Etna.

Tasca d’Almerita   – Sicilia Regaleali  le Rose 2009
Come il primo  vino questo storico rosato siciliano nato negli anni 70 a base di nero d’Avola e nerello mascalese prodotto con uve provenienti dalla provincia di Agrigento e Caltanissetta .Un vino dal colore  cerasuolo dove  al naso prevalgono le note di ciliegia,e prugna,il gelso nero. Di buona alcolicità . Un rosato tipico della tradizione del sud.
www.tascadalmerita.it

Cavaliere – Etna rosato Millemetri  2009
Il terzo vino prodotto sul versante sud dell’Etna a quota mille, da cui il nome e prodotto con uve nerello mascalese al 100% tutte provenienti da vigne molto longeve a piede franco.Al naso il vino presenta una nota minerale e fresca abbinata ad una  piacevole e  delicato bouquet di  sentori floreali e fruttati.Al gusto e secco caldo e abbastanza morbido di buona freschezza e sapidità. Un rosato molto interessante per la sue elegante alcolicità e mineralità.

Planeta  – Sicilia Rosè 2009
Un rosato dal colore molto scarico, prodotto con uve Shiraz ,’unico dalle tonalità quasi da chiaretto.Prodotto con l’idea di proporlo come vino da spiaggia.Anche la scelta del tappo a vite sulla bottiglia e legate ad una scelta orientata ad un mercato molto giovane.

Paolo Calì  Sicilia rosa 2008
Il vino prodotto con uve provenienti dalla provincia di Ragusa a base di Frappato vinificato in rosato.Il colore cerasuolo  da al naso  profumi tenui e delicati. Al gusto e fresco e profumato di discreta consistenza.

Cossentino  Sicilia Rosa del Sud 2009
L’azienda produce a Partinico tra Palermo e Trapani un rosato fatto a base nero d’avola e merlot.
Dal colore molto carico rosato , al naso si avverte la buona nota alcolica ,il passaggio breve in legno aggiunge alle calde note fruttate di ciliegia variazioni di liquirizia e tabacco appena accennate.Un vino che piacevole ed elegante al gusto.Per l’abbinamento il produttore presente in sala suggerisce un classico Tonno rosso aromatizzato alla mentuccia.
www.cossentino.it

I vini in degustazione guidata per presentare i vitigni campani  selezionati tra le aziende  presenti sono stati:

La Sibilla Pedirosa 2009 –  piedirosso
www.sibillavini.it

Donna Grazia Lacryma christi rosato 2009  – Aglianico e Piedirosso
www.donnagraziavinidelvesuvio.com

Terredora Irpinia Rosanovae 2009  – Aglianico Irpinia
www.terredora.it

Tenuta Cavalier Pepe Irpinia rosato del Varo 2009  –  Aglianico Irpinia
www.tenutacavalierpepe.it

Torre Varano  – Aglianico del Taburno rosato 2009   – Aglianico del Taburno
www.torrevarano.it

Elenco delle altre aziende Campane presenti alla Manifestazione.

CAMPANIA

ANNARUMMA Boscoreale NA
Lacryma Christi del Vesuvio Rosato Terreno Vulcanico 2008
 www.turismoprovinciadinapoli

QUARTUM – CANTINE DI CRISCIO Quarto NA
Campania Quartum rosato 2009
www.cantinedicriscio.it

CANTINE IANNELLA Torrecuso BN
Aglianico del Taburno Rosato 2009
www.cantineiannella.it

GIOACCHINO DE ANGELIS Sorrento NA
 Lacryma Christi del Vesuvio Rosato 2009

FONTANAVECCHIA Torrecuso BN
Aglianico del Taburno Rosato 2009
www.fontanavecchia.info

2 commenti

  • Denny

    (14 giugno 2010 - 08:17)

    Un ottimo assente un Basilicata Rosa Re Manfredi, un ottimo Aglianico vinificato in rosa.
    Carpe Diem

  • Pasquale Brillante

    (14 giugno 2010 - 21:50)

    i vini della basilicata erano presenti, per la lista completa visita il sito http://www.italiainrosa.it

    sono sicuro per che la notte del rosato potra essere presente..Luciano e attento a questi vini…

I commenti sono chiusi.