Getis 2005 rosato Colli di Salerno igt

Letture: 24

REALE
Uva: piedirosso, aglianico, tintore
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Ci sono tre regole per imparare a bere. Quali? Semplice: frequentare chi ha un palato migliore del tuo, non frequentare sempre le stesse persone che hanno un palato migliore del tuo altrimenti rischi di essere clonato mentre il bello del vino è proprio nella diversità di opinioni, infine frequentare chi non ne capisce nulla e beve poco. Sono tre punti di vista che ti portano a scoperte che altrimenti non avresti mai fatto seguendo un percorso lineare. Tutti noi abbiamo verificato spesso che un giudizio di una persona poco esperta può essere tagliente ed efficace quanto quello di un esperto degustatore, giacché ciascuno di noi ha comunque una memoria di odori e di sapori organizzata gerarchicamente dall’esperienza. Ed ecco allora cosa può succedere: di avere davanti a te tutti i migliori vini bianchi 2007 della Costiera Amalfitana aperti per essere presi, una tavolata di esperti, editori e curatori di guide, produttori e un amico politico scassaminchia che, fottendosene, chiede un rosato. <Io bevo solo quello>. Scopri così che anche gli amici dell’Acquapazza sono un po’ debolucci in materia avendo solo il mitico ma scontato Five Roses 2007, che dietro l’insistenza per bere campano spunta una vecchia bottiglia di Getis del bravo Gigino Reale (quanta gioia rivedere ieri sera anche il padre), che si apre nonostante tutti predicano la sua morte ossidata e, dunque, di trovarti invece di fronte ad un prodotto ancora fresco e propenso ad una certa complessità olfattiva nonostante sia stato pensato per vivere una sola stagione. Un bicchiere gradevole, zeppo di petali di rosa secchi, scorza di arancio, fragolina sotto spirito al naso, in bocca buon operatore e operaio di grande lena capace di affrontare bene i diversi piatti. Strutturato e lungo. Caldo e vellutato. Irresponsabilmente acido. Tranquilli, non vi inizierò a rompere le palle con il fatto che i rosati vanno bevuti invecchiati, ma scoprire che per quelli campani c’è anche questa possibilità è stata una bella sorpresa. Dovuta ad un astemio. Per giunta politico.

Sede a Tramonti, frazione Gete. Via Cardamone, 75
Tel. 089.856144
Sito: http://www.osteriareale.it
Bottiglie prodotte: 10.000
Ettari: 1 di proprietà e 3 in conduzione
Vitigni: aglianico tintore, piedirosso, biancazita, biancolella, pepella