Getis rosato 2003 Colli di Salerno igt

Letture: 31

REALE
Uva: per’ ‘e palummo e aglianico tintore
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Note: un rosato più che un rosso, assolutamente fuori moda, straordinario. Una magia di mille bottiglie ottenute da una vendemmia splendida di uve coltivate in un impianto del 1920 a piedefranco con il bicchiere che regala profumi intensi e persistenti di fragole, ciliege, persino gomma arabica in modo intenso e molto persistente. Grandissima eleganza di un vigneto a 500 metri sul livello del mare continuamente battuto dal vento delle gole di Tramonti che da terra spira verso il mare e viceversa. Ecco dunque uno dei gioielli dell’incontro tra Bruno De Concilis e Luigi Reale, un progetto portato avanti senza presunzione ma con determinazione e che comprende un bel bianco, l’Aliseo da uve biancolella, biancazita e pepella e il Cardamone rosso ottenuto dagli stessi vitigni del Getis. Un’antica chiesa rupestre fa da sfondo a questa azienda dove Luigi gestisce da due anni una bella osteria di cui si avvertiva francamente il bisogno in questo comune con tanto di camere con vista. Il Getis è una chicca, l’ennesima esplosione di questa annata 2003 che promette molto bene, ci piace molto il ritorno al rosso non carico, piegato maggiormente sull’eleganza e sui profumi, da poter bere in ogni occasione, dai formaggi freschi ai latticini, dalla cucina dell’orto a quella di mare. Una schiacciata di quel diavolo di Bruno, complice l’enologo Fortunato Sebastiano.

Sede a Tramonti, frazione Gete. Via Cardamone, 75
Tel. 089.856144
Sito: http://www.osteriareale.it
Bottiglie prodotte: 10.000
Ettari: 1 di proprietà e 3 in conduzione
Vitigni: aglianico tintore, piedirosso, biancazita, biancolella, pepella