Gioi Cilento, Vineria diVino

Letture: 421
Vineria diVino, Nicola e Paola
Vineria diVino, Nicola e Paola

di Marco Contursi

Uno dei motivi per cui io mi ritengo privilegiato a scrivere di food è che posso conoscere persone come quella di cui fra poche righe vi parlo, persone rare, carismatiche, con una passione per quello che fanno che supera finanche il Male del secolo, o almeno lo tiene a bada.

La conoscenza con Nicola Ferra nasce per caso pochi giorni fa. Vado a comprare un paio di kg di soppressata di Gioi da Raffaello Palladino, titolare del salumificio Gioi, e lui mi invita a prendere un aperitivo. Confesso, pensavo tra me e me, “qui, in un paese bello ma piccolo, se mi va bene ci sarà un crodino e due salatini”. Niente di più sbagliato,nella piazza Andrea Maio, c’è diVino, piccola ma graziosa vineria.

Vineria diVino, bottiglie importanti
Vineria diVino, bottiglie importanti

Entri, e sei subito circondato da bottiglie che spuntano da ogni dove. Dietro al banco c’è lui, Nicola, con la moglie Paola e neanche il tempo di presentarci che già ho due bicchieri avanti: “Dimmi che vino sono?” fa Nicola. Accetto la sfida e sbaglio, magari se erano due prosciutti me la cavavo meglio. E da qui inizia una chiacchierata di due ore, piacevolissima, che spazia dal vino cilentano a quello estero, dalle birre artigianali ai caciocavalli, sempre con il bicchiere pieno innanzi. Bella storia ma uguale a tante, direte voi…..e no!!!! Perché Nicola ha aperto questo locale un anno fa, quando il Mostro l’ha aggredito con una delle sue forme più aggressive e di cui porta le cicatrici addosso.

Vineria diVino, angolo birre
Vineria diVino, angolo birre
Vineria diVino, particolare interno
Vineria diVino, particolare interno

Chiunque altro si sarebbe abbattuto, ma non “Nicola o lione”, come viene chiamato in paese, che anzi, inizia a lavorare al progetto della vineria più deciso che mai aiutato dalla moglie Paola. E poiché è una persona con gli attributi, niente macchina del caffè, per rispetto di buon vicinato col bar della piazza, basterà il vino a mandare avanti il locale seppure in un paese piccolo. Lo tenessero a mente, le decine di bottegai di città che da fruttivendoli aggiungono la vendita del pane, da salumieri quella della frutta e finanche da pescivendoli i polli arrosto (ma come cavolo fate a comprare un pollo allo spiedo in pescheria….).

Vineria diVino, clienti
Vineria diVino, clienti

Passare davanti diVino e non trovarsi con un bicchiere in mano è impossibile, come pure non essere conquistati dalla cultura enologica e dal carisma di Nicola. Che si venga qui per un calice di rosso o per una birra, artigianale o industriale, è un rito da provare almeno una volta. Il mio consiglio? In queste splendide giornate autunnali, andatevi a fare un weekend nel cilento, fate un salto per un aperitivo a Gioi da Nicola, verso le 11.30 che almeno una buona mezzora la vivrete ai suoi tavolini, tra un calice di aglianico e una fetta di soppressata, e poi ritemprati dall’aria buona e dal buon vino, andate a pranzo in uno dei locali della costa tra Agnone e Casal Velino, di cui abbiamo parlato nei mesi scorsi. Ascoltatemi e mi ringrazierete.

Vineria diVino, vini cilentani
Vineria diVino, vini cilentani

 

Vineria diVino, con Nicola
Vineria diVino, con Nicola

“Dovevi conoscermi qualche anno fa – mi dice Nicola- mi mangiavo il mondo”….ti ho conosciuto adesso e ti ringrazio perché me ne fai bere un pezzettino diverso ogni volta che salgo a trovarti fino a Gioi….e mi fai rendere conto di quanto sono fortunato nel poterlo fare.

 

Vineria diVino

piazza Andrea Maio 5/6

Gioi (SA)

Tel 3382651940

11 commenti

  • Giulio Cantatore

    (4 ottobre 2015 - 08:56)

    Nicola e Paola sono persone che vorrei conoscere,Marco non appena vengo in Cilento.

  • Antonio D'Agosto Cibbí

    (4 ottobre 2015 - 09:29)

    Io ci andrò oggi, poi proseguirò per Valle dell’Angelo dal mitico Aly dell’Osteria La Piazzetta…
    Personalmente Gioi Cilento l’ho sempre frequentata e l’ho sempre trovata deliziosa, appena posso ci faccio un salto.

  • Enrico

    (4 ottobre 2015 - 11:21)

    Conoscendoti, so quanto di vero ci possa essere nelle tue parole e l’entusiasmo con cui ci racconti questa esperienza stimola la mia curiosità, che sicuramente mi porterà a visitare questo locale appena mi trovo in zona.

  • Marco Contursi

    (4 ottobre 2015 - 11:54)

    Giulio,ti aspetto

    Antonio a saperlo mi univo,Nicola e poi Aly è un binomio imperdibile

  • Denny Di Motta

    (4 ottobre 2015 - 13:46)

    Chiunque si trovi nel Cilento e’ obbligato a passare da Nicola e Paola,due persone davvero speciali.la loro attivita’ e’ l’unica in tutto il Cilento ad essere riuscita a proporre sul serio la nostra cucina.vi garantisco che trascorrere una serata da loro vi fara’ rinascere,lascierete alle spalle tutta la negativita’.una vera meraviglia,dovete assolutamente andarci!!!

  • arnaldo nese

    (4 ottobre 2015 - 18:06)

    sono contento che vi siete ricordati dei vechi tempi il vino di gioi buna salut

  • arnaldo nese

    (4 ottobre 2015 - 18:13)

    sono a gioi anno 1948 saluti

  • Mondelli Francesco

    (5 ottobre 2015 - 08:06)

    Grazie:non lo conoscevo.Bravo Antonio ad andare da Aly o da qualche altro ristorantino dell’interno. Una volta su,mi scuso con Marco ,ma non capisco perché affrontare un viaggio per la costa:siamo in alta collina e dopo l’aperitivo trovo logico rimanere in zona anche perché ,da Cilentano,credo che la parte più vera nonché sottovalutata sia propio quella interna.FM.

  • Marco Contursi

    (5 ottobre 2015 - 08:23)

    Consiglio i locali della costa,sia perché è molto bello mangiare vicino al mare in questi ultimi scampoli d estate,sia perché ho avuto due esperienze poco felici in due ristoranti della zona interna vicino a Gioi e non è che chissà quanti ce ne siano.Mi hanno però parlato bene di un locale,I Ceranni a Cardile,appena posso vado e relaziono.

  • michele

    (6 ottobre 2015 - 22:03)

    Viva il Cilento!!! Sbaglio ho l’impressione che si respira un’aria nuova???

  • Tony

    (8 ottobre 2015 - 16:56)

    Non mi stupisce per nulla.Conosco Nicola da molti anni, è una forza della natura. Con lui nessuno vince…nemmeno il tumore.
    Era il suo sogno e lo ha realizzato in pieno stile, come è lui e la sua famiglia.
    Caro Marco questa volta hai davvero avuto l’onore di conoscere quel tipo di persone che umilmente, lentamente e silenziosamente…vive la vita con la forza, la tenacia e il rispetto. In altre parole hai conosciuto dei cilentani doc.
    Quanto manca qui a Milano un po’ di questo Cilento!

I commenti sono chiusi.