Gli ex comunisti non mangiano più i bambini ma pollo. Ogm?

Letture: 114
Bersani con l’immancabile birretta visto alla maniera di Hopper – photo by OrticaLab

di Leo Ciomei

Tramite infiltrati (ma lo sapete, siamo della vecchia scuola di Federico Umberto d’Amato, ex-direttore della Guida Espresso e spione number one) sono riuscito a sapere che il candidato premier della sinistra, Pierluigi “metafora” Bersani, oggi ha pranzato all’Antico Caffè del Teatro di Marcello, nella via omonima a Roma, menù composto da un gustoso panino con petto di pollo e verdure, non si sa se accompagnato dalla classica birretta o da acqua, lontano dai fasti del ristorante Grano e dalla solitudine dell’Open Baladin.

Teatro di Marcello by night – photo di Girovagandoperroma

La prossima volta, su consiglio di un’amica, gourmet romana, invece del panino al pollo suggerisco di prendere quello, ottimo, al polpettone, più adatto ai tempi e in linea con le alleanze che dovrà subire per formare una maggioranza.

L’interno dell’Antico Caffè del Teatro Marcello

Peccato non avere foto ma un minimo di privacy la vogliamo garantire, mica siamo Dagospia!

Direte: e di tutto questo, chisenef…?  Beh, pensate che il contendente all’ambito (?) trono di Premier nel frattempo probabilmente mangiucchiava un risottino in bianco e un pesce lesso, tutto rigorosamente senz’aglio…

Un commento

  • La nipote di zia Betta

    (29 gennaio 2013 - 12:54)

    Di spalle, con il Borsalino, Berlusconi, che, tra i due, può essere nottambulo.
    Non credo che Bersani viva di notte.

I commenti sono chiusi.