Airola (Bn). Antovin la buona pizza di Alessandro Tirino e la strepitosa Pizzeppola

Letture: 2650
Pizzeria Antovin la margherita con mozzarella di bufala

Via Caudisi 11
Tel. 0823.713970
su Facebook
Aperto la sera
Chiuso il martedì
Pizze da 3,50 a 7 euro

di Tommaso Esposito

Antonietta e Vincenzo Tirino aprirono il ristorante nel 1997 perciò si chiama Antovin.
Due grandi sale con arredo e tovagliato classico, comunicanti e distinte. Oltre un centinaio di posti.

Pizzeria Antovin il dehors
Pizzeria Antovin l’interno

Un arioso e fresco dehors pieno di verde, bello in estate.
Sin dal principio cucina tradizionale, golosa e saporita basata sulle paste fresche e ripiene, sugli gnocchi, sui buoni prodotti dell’orto e sugli animali dell’aia.
Poi Alessandro, il figlio, quando aveva 14 anni, ora ne ha più o meno 30, si mise dietro al bancone, accanto al pizzaiuolo che da Napoli ogni giorno saliva nella valle Caudina, e cominciò a impastare, ammaccare e far pizze
Autodidatta .
Si ispira a Ciro Salvo e ogni tanto va a 50 Kalò, in incognito, per mangiare la Marinara con le scarole. E godere, lui dice.
Gioca con le farine e con gli impasti.
Crea blend tra la Caputo Blu e qualche cugina tipo 00 e 1.
Poco lievito e molta acqua.
Idratazione quasi al 70%, bella maturazione.

Pizzeria Antovin il forno

Il forno non è proprio quello napoletano, ma funziona bene soprattutto con le pampuglie di puro faggio che alimentano la vampa se necessario.
Buoni gli ingredienti principale come l’olio evo di prossimità: Oleificio Russo ad Arpaia; i latticini, fiordilatte e provola, del Caseificio Ciaramella di Airola.
Poi gli ortaggi da corta filiera e il pomodoro di qualche buona azienda.
In carta le pizze tradizionali, qualche innovazione, ma soprattutto l’elogio del territorio tra funghi, patate e maiali che qui non mancano.
Si comincia con la Margherita.

Pizzeria Antovin la pizza classica Margherita

Piena tradizione.
Bella a vedersi, puntinature irregolari come si deve e bel colore biondo dell’impasto.

Pizzeria Antovin l’aveolatura dell’impasto

Ampia alveolatura e sentori di buon pane. Soffice e scioglievole al palato gusto pieno e amalgama totale degli ingredienti. Manca solo il San Marzano Dop con la sua franca, complessa freschezza. Ma si provvederà al più presto in controtendenza col gusto locale che pretende pomodori dal sapore rotondo e piacione.
La pizza Contadina con fiordilatte, porchetta e patate è una bella esplosione di goloso territorio.

Pizzeria Antovin Alessandro Tirino e la Contadina con porchetta fiordilatte e patate

Il maiale è porchettato artigianalmente nel forno ogni giorno.
Local è anche la pizza con i Porcini e provola del Partenio affumicata.
Non solo d’estate nell’arioso spazio all’aperto si addice la caprese.

Pizzeria Antovin Alessandro Tirino prepara la caprese

Alessandro la chiama focaccia, giacché prima si cuoce il disco di pasta e poi si guarnisce con mozzarella di bufala, pomodorini crudi, basilico e olio evo.

Pizzeria Antovin la Caprese

Veramente buona e per nulla focaccia, l’impasto resta notevole anche così.

Pizzeria Antovin Alessandro con la Caprese

Molte le birre artigianali e qualche bella bottiglia irpina suggerita dal maestro di sala Nicola Vitiello.

Pizzeria Antovin birre artigianali alla spina
Pizzeria Antovin Nicola Vitiello e Alessandro Tirino

E infine la bella sorpesa della Pizzeppola un po’ pizza un po’ zeppola.
Naturalmente in carta non solo a San Giuseppe, ma tutto l’anno.

Pizzeria Antovin crema e amarene per la Pizzeppola

Cornicione ripieno di crema pasticcera. Spennellatura con olio evo.

Pizzeria Antovin la crema nel cornicione
Pizzeria Antovin la crema nel cornicione
Pizzeria Antovin l’olio spennellato sul disco

Via nel forno così la vampa fa un poco di fittura.
Poi ancora crema sul disco, amarene e spolverata di zucchero a velo.

Pizzeria Antovin la pizzeppola farcitura
Pizzeria Antovin la pizzeppola quasi pronta
Pizzeria Antovin Alessandro e la Pizzeppola

Si mangia in quattro, ma pure in sei.

Pizzeria Antovin Pizzeppola
Pizzeria Antovin Pizzeppola il trancio da gustare

Ed è veramente buona come la miglior zeppola della tradizione.

10 commenti

  • Giuseppe

    (19 novembre 2014 - 14:02)

    Grande Antovin, veramente una pizza che almeno una volta nella vita bisogna assaggiarla e poi non ne potrete fare piu a meno…….

  • nicola

    (19 novembre 2014 - 15:50)

    Bellissimo locale e pizza straordinaria ci sono stato complimenti a tutti .

  • Alessandro Capotorto

    (19 novembre 2014 - 20:36)

    Finalmente! Lavoro ad Arienzo e ci andrò sicuramente..

  • wincent

    (19 novembre 2014 - 21:13)

    Ci vado con la famiglia e mi sento a casa mia.
    Ci andro’ sempre perche’ si mangia genuino. Locali puliti .Puliti i servizi igienici. Personale cortese .
    D’estate , nel giardino,sembra di stare in vacanza al mare.

  • Pasquale (Airola)

    (19 novembre 2014 - 21:56)

    Mi fa piacere per ANTOVIN che sta avendo un momento di pubblicità positiva. Lo merita tutto.

  • pasquale romano

    (20 novembre 2014 - 18:22)

    grande alessandro e buonissima la pizza!!!

  • patrizia e fabio

    (21 novembre 2014 - 16:12)

    Lo so siamo di parte….ma VAIII ALESSANDROOOO SEI TUTTI NOI!!!!

  • Giancarlo e Anna

    (21 novembre 2014 - 17:10)

    La pizza è strepitosa e digeribilissima.Noi la mangiamo spesso, siamo “quelli del lunedì”: stesso tavolo e accoglienza familiare del simpaticissimo Nicola. Complimenti,siete tutti eccezionali!!!

  • sofia

    (22 novembre 2014 - 00:40)

    Pizza squisita e digeribilissima ,che anche io ,pur avendo problemi di digestione riesco a mangiare x intera senza appesantirmi. Bravi! Complimenti tutti meritati

  • Ginevra A.

    (22 novembre 2014 - 00:49)

    Il locale perfetto: pizza super Buona e digeribile, personale accogliente, locale pulito e prezzi nella norma.

I commenti sono chiusi.