Brusciano, Taverna Estia: fuga da Napoli nella quiete di una grande cucina dove anche il carciofo è una star da fotografare

Letture: 389
Taverna Estia a Brusciano, tagliatella di calamaro e il suo nero

Brusciano (Na)
Via G. de Ruggiero 108
Tel. 081.5199633
www.tavernaestia.it
Aperto a pranzo e a cena, chiuso martedì e mercoledì
Ferie una settimana a gennaio e due in agosto

Si chiude un anno importante per i fratelli Francesco a Mario Sposito a Taverna Estia: il 2014 ha portato il primo posto ex aequo nella classifica dell’Espresso in Campania e la seconda stella. Il motivo è molto semplice: si tratta di una cucina essenziale, piena di emozioni, capace di rielaborare la tradizione senza limitarsi a citarla e, peggio, restandone troppo condizionati. La linfa vitale nasce dal territorio vesuviano, grande dispensa della città per almeno quattro secoli e dalla scuola che Francesco ha appreso tra Igles Corelli e Alain Passard.

Taverna Estia, taralli e grissini

E allora, perché non prendere l’auto e fuggire dalla folle città di questi giorni per vivere la quiete di una grande cucina? Questo è il nostro suggerimento a tutti gli amanti gourmet, ai curiosi che non si accontentano.

Taverna Estia, scorcio della sala

 

Taverna Estia, il camino acceso

Già dagli starter il divertimento è assicurato.

Taverna Estia, il finger food

 

Taverna Estia, l’alice del finger food

 

Taverna Estia, spugna di piselli del finger food

 

Taverna Estia, alghe croccanti

 

Taverna Estia, pane e focacce

Arriva poi il carciofo arrostito, una esecuzione magistrale, perfetta, che rimanda ai sapori della infanzia per fortuna ancora vivi nelle strade dell’Agro Vesuviano

Taverna Estia, carciofo arrostito e tartufo

Il crudo di carne è una esecuzione perfetta, molto italiana.

Taverna Estia, crudo di marchigiana

Spettacolo e godimento in questo testa coda mare-terra che gioca sulle parole oltre che sui sapori.

Taverna Estia, taratufo & tartufo

 

Taverna Estia, tagliolini (40 tuorli) e tartufo

 

Taverna Estia, pane e mortadella

Divertentissimo il pane e mortadella, con le tagliatelle al pistacchio e la spuma del salume.

 

Taverna Estia, il piccione

Di scuola e perfetto il piccione

Taverna Estia, zucca, liquirizia e mandorla

Nei dolci c’è la migliore sintesi tra la tradizione napoletana e la grandissima scuola francese

Taverna Estia, millefoglie

 

Taverna Estia, il babà

 

Taverna Estia, piccola pasticceria

In sala Mario ha sempre belle soprese dalla sterminata carta dei vini.

Taverna Estia, l’abbinamento di Mario Sposito

In questo momento sicuramente l’esperienza gourme più avvolgente e intensa che si può fare in Campania! Non perdete altro tempo, mettete il navigatore, siete a 15 minuti dal centro di Napoli, ma quando arrivate a via De Ruggiero, girate a sinistra invece che a destra e siete arrivati:-)

2 commenti

  • redrok

    (18 dicembre 2014 - 13:11)

    finalmente… anche Napoli Est è presente!!

  • igles

    (18 dicembre 2014 - 21:33)

    Grandissimi a un passo per essere i n1 in Italia
    Passione sacrificio tenacia creatività MODESTIA bravi ragazzi vi AMO
    Igles

I commenti sono chiusi.