Conca dei Marini, Monastero Santa Rosa per festeggiare il panzer Christoph Bob

Letture: 367
Monastero Santa Rosa, la sala esterna

Via Roma, 2
Tel. 089.8321199
www.monasterosantarosa.com
Sempre aperto, ferie da novembre a marzo

D’obbligo iniziare la settimana estiva con un omaggio al panzer Christoph Bob  che festeggia il quarto titolo mondiale della sua Nazionale. Siamo ormai alla terza stagione di questo posto incantato tra il cielo e il mare, un grande rifugio romantico dove la sera è aperto il ristorante gourmet e si gustano i piatti, semplice ed essenziali di questo giovanotto biondo allievo di Heinz Beck molto amato dai gourmet dopo l’esperienza a Relais Blu.

Monastero Santa Rosa, pane e grissini

La cucina di Christoph in questo monastero meravigliosamente restaurato grazie alla determinazione e all’investimento di Bianca Sharma, è decisamente mediterranea, come tanti nordici travolti dalla sensualità della Terra delle Sirene subisce l’ingluenza del sole e della luminosità. Una cucina molto attenta alle materie prime e alla qualità del cibo.

Monastero Santa Rosa, amouse bouche di scampi e mela verde

Già gli starter sono in linea con questa filosofia: frescheza e leggerezza per iniziare a salivare, non per riempire lo stomaco.

Monastero Santa Rosa, Variazione di alici: arancino su peperoni, la tartare su crema di finocchi, con le puntarelle e la bruschetta

Anche il piatto della variazione di alici è tipico di chi ha scuola alle spalle, sostituendo il pesce alla carne il risultato è sicuro.

Monastero Santa Rosa, vitello di fassona con salsa tonnata, patate al vapore, fagiolini e santoreggia

Già, la carne: si vede che il nostro con questa materia prima è a suo agio. Ma anche in questo caso cerca l’allggerimento, la freschezza, l’immediatezza della materia prima.

Monastero Santa Rosa, riso acquerello con crudo di gamberi, burrata di Andria e polevere di olive

Irrinunciabile il risotto, ben tirato anche se con la clientela del Sud bisogna sempre fare i conti: qui si mangia il riso come i russi mangiano la pasta, scotto.

Monastero Santa Rosa, gnocchetti sardi al ragù di anatra, carciofi e tartufo nero

Ricchi, quasi invernali, questi gnocchetti preparati in casa.

Monastero Santa Rosa, linguine con alici e finocchietto

Ritorno alla leggerezza con l’altro primo.

Monastero Santa Rosa, l’agnello

L’agnello è la tesi di laurea per ogni cuoco.

Monastero Santa Rosa, i vini
Monastero Santa Rosa, pre dessert

 

Monastero Santa Rosa, tortino alle mele con gelato alla vaniglia

La batteria dei dolci è decisamente moderna, fresca, leggera, di sapori intenso e preciso.
Complessivamente è una esperienza molto bella e romantica, con una sala attenta, una atmosfera non ingessata, a conferma della bontà della cucina di autore che molti alberghi hanno scelto di fare su questo versante dei monti Lattari.

Monastero Santa Rosa, dolce con cioccolata

 

Monastero Santa Rosa, dolce