Deborah Corsi, “two cors is megl che uan”

Letture: 334
Deborah Corsi, Alessandra Veronesi e gli aiutanti di cucina di Deborah

di Raffaella Corsi

E’ impossibile per me slegare il pensiero di Deborah dalla geniale battuta ideata dall’amico sommelier e vignettista Luca Canapicchi pochi gionri prima dell’appuntamento Salotti del Gusto ad Artimino: ‘Two Cors is megl che Uàn’. Adattando il “tormentone” di un fortunatissimo spot, ecco coniato il leit motiv che legherà me e Deborah per sempre! Condividiamo lo stesso cognome ( purtroppo non l’abilità in cucina!) e moltissime altre cose; Deborah mi è piaciuta fin dalla prima volta che l’ho incontrasta, nel suo delizioso ristorante a San Vincenzo di Livorno, splendidamente affacciato sul mare. Un luogo raffinato e accogliente, che la rispecchia in pieno, nel quale assaggiare piacevolmente le sue specialità e degustare ottimi vini; “La Perla del Mare” si chiama, ma ho capito subito che la vera perla è lei, Deborah, chef di innata bravura con un infinita creatività e dolcezza.

la vignetta di Luca Canapicchi (sommelier e fumettista) con Deborah e Raffaella

 

il ristorante La Perla del Mare sulla spiaggia di San Vincenzo di Livorno

Sorridente e garbata, caparbia e testarda come noi “Corsi” sappiamo essere, profondamente amante delle materie prime, del territorio e del suo lavoro; il laboratorio sul pesce azzurro durante Salotti del Gusto ad Artimino l’ha consacrata “fata turchina”…un gioco di parole, ma non solo! Con Deborah tutto è possibile, ed i suoi piatti sembrano davvero creati con la bacchetta magica tanto sono armoniosi ed equilibrati negli abbinamenti e nei sapori. L’ho voluta a Salotti del Gusto perchè è una grande professionista ed una bella persona; per noi contano entrambe le cose alla stessa maniera, tutto il resto è optional!

Deborah durante il laboratorio

Ricordiamo insieme le ore trascorse ad Artimino e ancora una volta constato che l’atmosfera ai Salotti è un qualcosa di unico, che ti coinvolge a 360 gradi. Deborah, con la sua delicatezza, l’ha percepito e questo mi riempie di gioia “Eleganza, professionalità, innovazione, incontro, collaborazione: questi sono gli elementi che custodisco gelosamente della mia esperienza a Salotti del Gusto, un evento unico nel suo genere! Al contrario di tante manifestazioni similari in cui tra colleghi spesso si instaura un clima di sfida e di competizione, a “Salotti” si percepisce armonia; certo, c’è una profonda serietà di fndo, ma allo stesso tempo è tangibile lo spirito di squadra, il sostegno reciproco, che è una cosa rara e per questo ancora più apprezzabile. “Salotti” ti trasmette una sensazione di grande positività che parte innanzitutto da chi ha ideato e realizzato il Circuito; quando si lavora con il sorriso tutto riesce meglio!”.

Avete mai notato che chi sorride davvero lo fa con gli occhi? Deborah sorride con gli occhi e con i suoi piatti, che riescono a trasmettere emozioni. Sempre alla ricerca di innovazione, la sua è una cucina creativa e raffinata che parte da un’attenta selezione delle materie prime. Nel laboratorio a “Salotti del Gusto” Deborah ha proposto un impareggiabile Vegetal Fumè con tartare di trota, un’originale Toast di acciughe e spettacolari spaghettoni tra cielo e mare: “Con le aziende Fattoria del Pesce, Ghezzi, Rustichella si sono instaurate bellissime collaborazioni e di questo devo dire grazie a ‘Salotti del Gusto’.

Vegetal fumè con tartare di trota Fattoria del Pesce

 

il toast di acciughe Ghezzi
Spaghettoni tra cielo e mare

 

Sorbetto al Chinotto di Savona Della Negra

Tra l’altro ho deciso di riproporre il Toast di acciughe nel mio ristorante ‘La Perla del Mare’, riportando nel menù un tributo alla manifestazione che tante emozioni mi ha regalato. E anche conoscenze, come quella con la sommelier Alessandra Veronesi, con cui si è instaurato immediatamente un feeling eccezionale, come se ci conoscessimo da sempre!”.

Alessandra Veronesi, sommelier nel suo laboratorio, e Deborah Corsi

Incontrarsi e riconoscersi; è proprio così che il Made in Italy deve andare avanti, facendo ‘sistema’ tra le realtà e le menti di qualità, attraverso strette di mano sincere, scambi proficui, prodotti di prima scelta. “Nel nostro settore è importante accogliere e ascoltare tutti i commenti” – prosegue Deborah – Durante la giornata sono sempre dietro i fornelli ma a fine serata mi piace sempre uscire dal mio ‘regno’ e parlare con i clienti; tutti possono regalarti un parere e ciascuno può farti pensare e crescere. Quando le critiche sono costruttive e non fini a se stesse rappresentano un grande sostegno, un modo per evolversi. Lo vivo anche in famiglia; i primi che devo conquistare sono mio marito Emanuele e mia figlia Michelle, una bimba di dieci anni e mezzo. Lei è cresciuta in cucina ma non è una mangiona, e proprio per questo è più difficile da accontentare. Ecco che diventa fondamentale aggiungere alla tradizione un pizzico di fantasia, senza snaturare il territorio: il mio parla di mare, e non poteva essere altrimenti a due passi dal Tirreno, che ci regala un pesce azzurro meraviglioso, e che mi piace preparare come la storia insegna. L’Italia ha un substrato che va rispettato e onorato, ai fornelli e in tavola. Il pesce è una scoperta continua e anche per questo mi piace aggiornare continuamente il menù rispettando la stagionalità e la creatività!”.

Deborah sta accumulando le energie in vista del periodo più impegnativo dell’anno: “Sta ormai iniziando il ‘7su7’, fino a metà settembre saremo impegnati tutti i giorni della settimana. E’ faticoso ma gratificante; in ogni caso non mi dimentico di creare, sto studiando un piatto con verdure essiccate e colorate in modo da realizzare uno scenografico mix di coralli che racchiude capesante e altri pesci. Il mio grande sogno è quello di creare un piatto che risulti a metà tra scultura e pittura, lavorando con i pennelli;  il palato va accontentato ma anche l’occhio vuole la sua parte”. Sarà un successo, non ho dubbi; qualcosa mi dice che il prossimo laboratorio Salotti del Gusto di Deborah si chiamerà “ Michelangelo”…d’altronde, quando c’è il genio…! Non ci resta che aspettare che Deborah e Salotti del Gusto stupiscano insieme ancora una volta; perchè, ricordatelo, “two Cors is megl che uan”…!

Deborah Corsi e Raffaella Corsi

La Chef Deborah Corsi ha partecipato a Salotti del Gusto Artimino sabato 26 aprile realizzando il laboratorio “La Fata Turchina” con un menù a base di pesce azzurro in abbinamento ai vini Lugana Doc di Bulgarini, Evien Moscato Secco di Ressia e Gavi Docg Pisè di La Raia. Il “salotto” è stato presentato dai giornalisti Claudio Mollo e Paola Barbetti, trasmesso da Rai 2 Costume e Società e raccontato in una dinamica intervista su Rtl 102.5.

 

lo staff del ristorante

Deborah Corsi

Chef Ristorante “La Perla del Mare”

via della Meloria 9

San Vincenzo ( LI)

Tel. 0565.702113

info@laperladelmare.it

http://www.laperladelmare.it/