L’Acqua Pazza a Ponza, cucina fuori dalla banalità turistica

Letture: 220
Acqua Pazza, ricciola e zucchine alla scapece

di Albert Sapere

Ponza è la maggiore delle Isole Ponziane, l’arcipelago comprende Gavi, Zannone, Palmarola, Ventotene e Santo Stefano.

Un posto che vive principalmente di pesca e di turismo. Come tutti i posti turistici con una stagione molto corta, vive di una ristorazione deludente, spesso dozzinale che in tre quattro mesi deve ripagarsi delle spese dell’intero anno e i discorsi di qualità sono l’ultimo dei pensieri.

Acqua Pazza, i grissini

 

Acqua Pazza, il pane

In questo contesto sicuramente l’Acqua Pazza assomiglia ad fascio di luce nel buio più assoluto.

Aperto nel 1989, quest’anno ha festeggiato i 25 anni di attività, a gestirlo dal primo giorno sono i  coniugi Gino Pesce e Patrizia Ronca.

Una cantina invidiabile, fatta di tante etichette con una proposta Internazionale importante, che riesce ad andare anche indietro nelle annate.

Il pescato è veramente sopra le righe, i pensieri per valorizzarlo sono quelli giusti, tecnica ma con moderazione, abbinamenti dettati dal buon gusto, come le presentazioni dei piatti.

Una cucina essenziale, semplice ma mai banale, con un doppio filo conduttore: il pescato ponzese e l’orto della pianura Pontina.

Il savoir-faire di Gino in sala, un servizio molto garbato e di mestiere, la magia di una cena a vista sul porticciolo di Ponza,  possono essere degli altri motivi veramente validi per regalarsi una visita a Ponza e all’Acqua Pazza.

Gli immancabili fritti iniziali, un marchio di fabbrica del ristorante oramai, ben predispongono il commensale, perché ben fatti e di grande golosità.

Acqua Pazza, il benvenuto

Un doppio assaggio, il polpo e i gamberi, sono il riassunto della filosofia di cucina, niente è sopra le righe tranne la qualità del pescato, molto convincenti.

Acqua Pazza, polpo patate e fagiolini

 

Acqua Pazza, gamberi, mango, ricci di mare maionese all’arancio

Gli spaghetti con i ricci di mare sono goduriosi, carnali, colpiscono alla pancia rassicurano e allo stesso tempo sollecitano le papille con una sapidità che diventa il filo conduttore di un piatto sinuoso e seducente.

Acqua Pazza, spaghetti ai ricci di mare

Gli ziti cacio e pepe, zucchine e pesce bianco, varia in base la pescato del giorno, è un piatto complesso con tante piccole sfumature e tanti piccoli contrasti, in particolar modo un utilizzo giusto del formaggio, in piccole quantità, in modo da non coprire gli altri elementi.

Acqua Pazza, ziti cacio e pepe con zucchine e pesce bianco

Il piatto del viaggio è la ricciola con le zucchine alla scapece. La ricciola è alta tre dita, la cottura è perfetta, la nota acetosa delle zucchine induce al riassaggio della ricciola più e più volte, delizioso.

Acqua Pazza, il vino

I dolci sono rassicuranti, con abbinamenti classici, ben fatti come la piccola pasticceria.

Acqua Pazza, caffè cioccolato e liquirizia

 

Acqua Pazza, coccole finali

Acqua Pazza

Piazza C. Pisacane, 10

Ponza

Tel. 0771.80643

www.acquapazza.com

Apertura: aprile – ottobre tutti i giorni

Nei mesi da giugno ad agosto apertura solo a cena