Le degustazioni di Assoenologi Campania: lo Chardonnay

Letture: 127
la degustazione di Chardonnay di Assoenologi Campania
la degustazione di Chardonnay di Assoenologi Campania

di Roberto Di Meo*

Ancora un altro importante momento di approfondimento e confronto professionale per Assoenologi Campania, che giovedì 19 febbraio si è riunita presso il ristorante Casa del Nonno 13 a Mercato San Severino.

Casa del Nonno 13, la sala
Casa del Nonno 13, la sala

Le antiche sale del ristorante, sono state scelte per organizzare la prima di diverse degustazioni a tema, che si svolgeranno durante tutto l’anno, per approfondire la conoscenza di alcuni vitigni, autoctoni ed internazionali, attraverso la valutazioni di vini selezionati nelle aree di produzione più rappresentative.

Lo Chardonnay è stato il primo protagonista di questa serata sensoriale. E’ sicuramente il vitigno più coltivato nel mondo e pertanto appartiene a quel ristretto gruppo degli “ubiquitari”, così definiti perché capaci di esprimere caratteristiche qualitative e produttive costanti.

Sono stati degustati alla cieca 11 vini.

la degustazione di Chardonnay di Assoenologi Campania, i vini
la degustazione di Chardonnay di Assoenologi Campania, i vini

Sei le etichette dei vini stranieri e cinque quelle italiane.

Yarden Galilee-Galiläa Chardonnay 2012 Golan Heiights Winery Israele

Domaine Des Malandes Chablis 2012

Domaine Laroche Chablis 2013

Domaine Servin Chablis Grand Cru Les Preused 2011

Domaine Jean-Marc Brocard Chablis Grand Cru Les Clos 2007

Cloud Bay Marlborough Chardonnay 2012

Alois Lageder Lowengang Chardonnay 2011

Elena Walch Chardonnay 2013

Gaja&Rey 2012

Antinori Tormaresca Pietrabianca Chardonnay 2012

Donnfugata Contessa Entellina Chardonnay La Fuga 2013

Dalla degustazione è emerso come il fattore climatico e territoriale sia preponderante nel determinare le caratteristiche organolettiche del vino Chardonnay. Nelle aree più calde note di frutta più matura, buona struttura ed equilibrio.

I vini provenienti invece da climi più freddi sono risultati più freschi, caratterizzati da un profilo olfattivo tendente ai fiori bianchi, alla frutta a polpa bianca e al balsamico.

Interessante è stato notare come in molti di questi vini l’apporto della barrique abbia arricchito il profilo organolettico con note di acacia e frutta esotica.

La degustazione è stata accompagnata dall’ottima cena dello chef Raffaele Vitale con un’accurata selezione di piatti tipici della cucina tradizionale del territorio.

la degustazione di Chardonnay di Assoenologi Campania, alcuni momenti della preparazione della cena
la degustazione di Chardonnay di Assoenologi Campania, alcuni momenti della preparazione della cena

Il tutto curato da Luigi Sasso, il sommelier responsabile di sala di Casa del Nonno 13.

*Presidente Assoenologi Campania