Mangia sano…scegli Mediterraneo: l’Istituto Alberghiero “Vittorio Veneto” di Scampia e i prodotti campani di eccellenza

Letture: 449
i ragazzi dell’Istituto Alberghiero “Vittorio Veneto” di Scampia

A Scampia l’Istituto Alberghiero “Vittorio Veneto” fa il pieno di eccellenze campane. Grazie al progetto “Mangia sano…scegli Mediterraneo”, ideato dalle due insegnanti di scienze dell’alimentazione dell’istituto, Patrizia Zinno e Patrizia Nicolais, con la collaborazione di tutto il corpo docente ed il sostegno della preside Olimpia Pasolini e delle istituzioni, gli alunni hanno avuto la possibilità di entrare a stretto contatto con l’alta qualità del mondo enogastronomico campano attraverso visite guidate e workshop.

i prodotti di ‘Mangia sano…scegli Mediterraneo’

Dall’olio al vino, dal pane al latte Nobile, dalla mozzarella di bufala campana Dop al Provolone del Monaco, dalla mela annurca alla cipolla ramata di Montoro e tanto altro, tutto questo raggruppato in un excursus delineato dagli stessi allievi dell’Istituto Alberghiero. Durante la presentazione del progetto, gli alunni hanno accolto stampa e pubblico nella loro struttura scolastica, mostrando le loro capacità nel campo alberghiero, dall’accoglienza, passando per la sala, fino ad arrivare alla cucina.

i prodotti di ‘Mangia sano…scegli Mediterraneo’

 

i prodotti di ‘Mangia sano…scegli Mediterraneo’

Sempre più giovani negli ultimi anni mostrano interesse al mondo dell’enogastronomia e del turismo e questa struttura in particolare è una vera e propria oasi felice in uno dei quartieri difficili della città. Formare giovani che rappresentano il futuro e lo sviluppo di questo paese ancora si può.

i ragazzi dell’Istituto Alberghiero “Vittorio Veneto” di Scampia

Tanti i partners dell’agroalimentare campano che hanno aderito al progetto: tra le eccellenze l’olio extravergine Marulli etichetta blu di Monte della Torre, il pane e le focacce del maestro fornaio Stefano Pagliuca, i vini Podere Vecchio, Cantine Astroni e Cantine dell’Averno, il latte Nobile, il caseificio La Baronia, i frollini Galameo, il Porovolone del Monaco della Masseria Turuzziello, la pasta Garofalo, la cipolla ramata di Montoro, la Mela Annurca Campana Igp di Caserta, le torzelle de Gli Orti di Napoli, gli ortaggi e le verdure di Pietro Parisi e de “I giardini dell’Orco”, i pomodorini del piennolo Eligo.

 

Foto di Renato Aiello

Un commento

  • Sanfedista

    (5 dicembre 2014 - 21:02)

    Hanno in programma degustazioni aperte al pubblico?

I commenti sono chiusi.