Ristorante Maxi del Capo la Gala a Vico Equense

Letture: 471
Maxi, candele spezzate con lattuga di mare tartufi di mare e bottarga

Ristorante Maxi Hotel Capo La Gala a Voco Eqiense
Via Luigi Serio, 8
Tel. 081.801.5757-(58)
www.hotelcapolagala.com

Aperto tutti i giorni, solo la sera da aprile a ottobre

di Barbara Guerra

Il Capo la Gala è un posto magico, sicuramente una delle strutture più belle della “Divin Costiera”, cenare nella splendida terrazza del Maxi, che affaccia sul mare di Vico Equense è sempre emozionante.

Non c’è più Danilo di Vuolo in cucina, che era stato lo chef per otto anni. E’ arrivato Oliver Glowig bistellato con il ristorante che porta il suo nome all’Aldrovandi a Roma.

Maxi, benvenuto

Il resident chef è Domenico Iavarone, secondo storico di Oliver ai tempi del Capri Palace e a Roma con un breve intermezzo da Gennaro Esposito.

Maxi, parmigiana di melanzane, zucchine e carciofi

La nuova squadra è al lavoro da qualche mese, da aprile per la precisione, come tutte le squadre ha avuto bisogno di un periodo di rodaggio, per essere pronti per la stagione estiva.

Maxi, totano e patate con pesto alle olive verdi

La sala è diretta dalla brava Giulia Tavolaro, che è una bella garanzia di professionalità ed eleganza.

I piatti sono tutti belli, le presentazioni piacevoli e l’accostamento degli elementi ricerca una linea di abbinamenti piena di personalità. Intelligente l’antipasto “verdura e frutta”, ben vengano in un territorio ricco di sontuosi orti la valorizzazione di ingredienti vegetali in piatti senza carne e senza pesce, in questo non manca né la piacevolezza né la golosità.

Maxi, verdura e frutta

Di altro genere, ovviamente il fegato grasso d’oca con sorbetto di cipolla rossa e lamponi, mi riferiscono di una cottura magistrale e del bel contrappunto di freschezza.

Interessante il piatto di candele spezzate con lattuga, tartufi di mare e bottarga che mi sembra una bella sintesi tra le peculiarità gastronomiche del territorio in una chiave originale che ben soddisfa ed intriga il palato. Il risotto è piacevole con una buona idea di fondo nell’accostamento di elementi intensi e ben dosati.

Maxi, bottoni ripieni di ripieni di pomodorini con alici alla colatura e fior di latte

 

Maxi, risotto con melanzane con gamberi rossi, pesto di pomodori e limoni

Gli altri primi ci lasciano qualche perplessità generale che comunque è comprensibile in una fase di avvio di una nuova linea di cucina, come ad esempio gli spaghetti alla Nerano che restituiscono in bocca una nota lattica eccessivamente opulenta.

Maxi, linguine con zucchine alla Nerano e ricci di mare

 

Maxi, triglia e calamari in tempura con verdure marinate e maionese allo zafferano

 

Maxi, fegato grasso d’oca con con sorbetto di cipolla rossa e lamponi

 

Maxi, pesca con zuppa di frutta

 

Maxi, coccole finali

 

Maxi, zeppoline

Sorbetti, coccole finali e zeppoline chiudono con gusto ed eleganza la cena in uno dei posti più belli d’Italia.

 


3 commenti

  • Marco Tondi

    (12 agosto 2014 - 14:56)

    Ciao Barbara,
    I tuoi racconti dei locali che visiti sono sempre molto precisi e professionali,ti fanno venire la voglia di andare subito a fare un’esperienza!
    Un caro Saluto
    Marco

    • barbara guerra

      (12 agosto 2014 - 21:51)

      Grazie Marco!

  • giancarlo maffi

    (13 agosto 2014 - 08:17)

    Troppi fiori. A me hanno rotto, nei piatti. I fiori si regalano, come inno alla bellezza di qualcuno che ci piace. Ps: brava Barbara :-)

I commenti sono chiusi.