Monte di Procida, Il Magone e la cucina di mare flegrea

Letture: 865
Acquamorta negli anni Cinquanta, dalla terrazza del Magone

di Romualdo Scotto di Carlo

C’è stato un tempo in cui il mare arrivava sin sotto queste terrazze.

Era il “lato delle femmine”, perché solo qui alle donne era consentito bagnarsi.

Il Magone, la terrazza

Oggi ci sono le banchine di Marina di Acquamorta, un ordinato porticciolo turistico da 500 posti barca. Siamo a Monte di Procida, ultimo lembo dei Campi Flegrei e trampolino ideale per le isole: Procida è a meno di dieci minuti, in poco più di mezz’ora si arriva a Ischia.

Il Magone

Una piccola sala luminosa, un terrazzino ed un balcone ammalianti: questo è “Il Magone”, da poco più di un anno alternativa di qualità alla ristorazione flegrea, troppo incline alla banchettistica. In cucina c’è Maria Scotto d’Abbusco, anni di lavoro nelle “cucine da incubo” degli yacht: «un’esperienza bellissima –ci confessa- che ti forma, ti costringe a lavorare da sola, in spazi strettissimi, con pochissimo tempo a disposizione ma dando sempre il massimo». Poi i passaggi da “Sud” di Marianna Vitale e alla “Locanda Liuzzi” di Cattolica, entrambi premiati dalla stella Michelin. Infine la scelta di tornare a casa e investire in questa avventura con i fratelli Mimmo e Francesca, che reggono la sala.

 

Acquamorta negli anni Cinquanta il ristorante Da Minicuccio

Bella sfida! A pochi passi, negli anni Sessanta, c’era “Minicuccio”, indimenticato interprete della cucina di mare flegrea. Poi son venute solo pizzerie e paninoteche. Eppure qui il pesce arriva direttamente dai piccoli gozzi dei pescatori montesi, ormeggiati proprio sotto questi balconi. E fa la differenza.

Lo vediamo nei calamaretti su salsa di peperoncini verdi: callosi ma delicati, il contrasto con i peperoncini ne valorizza la dolcezza.

Il Magone, calamaretti su salsa di peperoncini verdi

Consistenze centrate anche nell’insalata Posidonia, con morbidi sconcigli arricchiti da zucchine crude julienne, solo un goccio di olio  e limone a celebrare un riuscito matrimonio: da bissare assolutamente.

Il Magone, insalata Posidonia

Poi le cozze, che qui sono di casa, proposte alla brace. Scelta azzeccata; arrivano appena scottate, ancora ricche della loro preziosa acqua: un piacere di altri tempi, per chi è cresciuto mangiandole crude.

Il Magone, cozze alla brace

Con i primi lo sguardo va oltre il mare di Acquamorta.

Intensi e goduriosi i tagliolini bianchi e neri (sono gli “amorini” di Leonessa) all’aringa.

Il Magone, tagliolini all’aringa

Delicati gli spaghetti alle mandorle e colatura di alici.

Il Magone, spaghetti alle mandorle e colatura di alici

Si torna a casa con i secondi: la materia prima, eccellente, arriva praticamente all’uscio del locale.

Maria la tratta con rispetto, unendo semplicità e personalità. E si accende una piccola fiammella di speranza: nei Campi Flegrei si può far di meglio di linguine agli scampi e gamberoni alla brace!

i gozzi di Acquamorta

I calamari, freschissimi, sono proposti in una frittura che li lascia teneri e gustosi.

Il Magone, frittura di calamari

Anche la seppia, scottata alla brace, mantiene intatti sapori e umori.

Il Magone, seppia alla brace

Per chiudere, cheesecake al limone e semifreddo al cioccolato.

Il Magone, chesecake al limone

 

Il Magone, semifreddo al cioccolato

Piccola ma con spunti interessanti la carta dei vini.

Il conto, per un pasto completo, vini esclusi, arriva sui 40 euro.

E su questa terrazza vi verrà voglia di tornare…

 

Il Magone, il mare nel piatto

Il Magone

Via Marconi, 57

80070 Monte di Procida (Na)

Tel. 081.8682876 – 331.2104830

Aperto a pranzo e cena. Chiuso il mercoledì.

7 commenti

  • Alessandro Sepe

    (5 settembre 2014 - 13:05)

    …e con una recensione del genere, a firma pergiunta dell’amico Romualdo, nostro punto di riferimento,sarà il nostro prossimo appuntamento

    • Romualdo Scotto di Carlo

      (5 settembre 2014 - 16:52)

      Troppo buono, come sempre… :-)

  • Tommaso Esposito

    (5 settembre 2014 - 15:53)

    Finalmente. Una grande lettura della cucina flegrea e la proposta di un nuovo punto di riferimento. Grande Romualdo

    • Romualdo Scotto di Carlo

      (5 settembre 2014 - 16:53)

      grazie Tommaso! :-) ..ti aspetto in una delle tue prossime incursioni flegree…

  • Paolo Animato

    (5 settembre 2014 - 15:54)

    La lettura m’ha fatto venire il Magone.

    • Romualdo Scotto di Carlo

      (5 settembre 2014 - 16:55)

      ..eccolo, l’Animatus… ;-)

  • gennaro martino

    (5 settembre 2014 - 20:58)

    brava maria i sacrifici meritano soddisfazioni complimenti continua cosi’

I commenti sono chiusi.