Mozzarella di bufala campana dop: caseificio Colonne di Castel Volturno

Letture: 384
Caseificio Colonne, i Nobis a lavoro

di Antonella D’Avanzo

Artigianalità, tradizione alla terza generazione, passione, genuinità e sicurezza, questa è la mozzarella di bufala campana dop del caseificio Colonne di Castel Volturno.

La storia di questo caseificio inizia con Nicola Nobis, il capostipite, quando negli anni ‘50 lavorava come casaro presso un caseificio a Marcianise; qui lo segue suo figlio Giovanni e verso la fine degli anni ‘90, dopo una provata esperienza, nasce il primo caseificio di famiglia a Melito (Na) con una lavorazione totalmente artigianale.

Con il trascorrere del tempo intensificano la produzione, il mercato si amplia e nella gestione del caseificio entrano i tre figli di Giovanni. Ad un certo punto decidono di trasferirsi in un territorio dop, rilevando una struttura già esistente a Castel Volturno  mantenendo sempre lo stesso nome. Un trasferimento sentito per avere la certificazione dop usufruendo così del marchio entrando a far parte nel Consorzio di Tutela, in modo da dare maggiori garanzie al consumatore con un prodotto tracciato e certificato.

Caseificio Colonne, fase di lavorazione della mozzarella dop

Al caseificio, tra la trasformazione del latte, la gestione, il marketing e le vendite a lavoro troviamo l’intera famiglia Nobis: i tre giovani fratelli, Marco, Nicola e Francesco guidati dal papà Giovanni.

Caseificio Colonne, la mozzatura

Le mozzarelle, le trecce, i bocconcini dop, vengono prodotti con latte di bufala proveniente da allevamenti selezionati e controllati situati in zone limitrofe, per applicare il concetto di filiera corta.

 

Foto di Antonella D’Avanzo

 

Caseificio Colonne

via Domitiana km 33,700 Castel Volturno (Ce)

Telefono e fax: 0823 851302

Sito web: www.caseificiocolonne.it

Mail: info@caseificiocolonne.it

Orari di apertura: dal lunedì alla domenica 08,00 – 21,00

Visitabilità dell’azienda: per gruppi e su appuntamento