Napoli, Pizzeria Gorizia al Vomero

Letture: 197
Antonio Grasso e i suoi collaboratori

di Dora Sorrentino

Una prima parte della storia della pizzeria Gorizia al Vomero è stata raccontata, ma non è del tutto completa se non si parla della sede, anch’essa storica, di Via Albino Albini, sempre al Vomero. Nel 1962, quando il quartiere collinare cominciava a popolarsi e a via Cilea vennero costruiti i primi palazzi, la zona risultava ancora poco abitata, isolata. Per cui fu chiesto a Salvatore Grasso, proprietario della già nota pizzeria Gorizia in via Bernini, di aprire una sede da quelle parti per movimentarla, per valorizzarla e far sì che le persone si convincessero a comprar casa in quella che poi diverrà una delle strade più trafficate della città.

 

Pizzeria Gorizia in Via Albini

A raccontarcelo è uno dei figli di Salvatore, Antonio, che si occupa della pizzeria insieme ad Edoardo Perna, e con il fratello Salvatore Antonio (non è un gioco di parole, si chiamano davvero così) anche della sede di via Bernini. Stesso Dna, quindi stessa scuola di pensiero, che ha fatto sì che la pizzeria Gorizia diventasse la pizzeria di riferimento di tutto il quartiere, dei clienti affezionati che la frequentano assiduamente. Due anni fa, sono stati celebrati i cinquant’anni della pizzeria di via Albini e per i festeggiamenti, da una vecchia rubrica sono stati tirati fuori i numeri di telefono dei clienti storici, che sono stati i protagonisti principali dell’evento. Ad occuparsi della preparazione dell’impasto è proprio Antonio, che lo realizza secondo la tradizione di famiglia con una lievitazione che va dalle otto alle nove ore. Per il buon nome della pizza, Antonio è disposto a tutto, per questo ci tiene a controllare personalmente tutto il percorso fino alla realizzazione del prodotto finale.

Antonio Grasso

Tra le pizze più richieste, naturalmente quelle classiche, di taglia piccola (al Vomero piace così) con il cornicione ben pronunciato. Una delle ultime nate è la pizza Stella: al centro un cuore di margherita con mozzarella di bufala e pomodorino fresco contornato da cinque calzoncini con ripieno classico, dolce (fior di latte, ricotta e prosciutto cotto), Gorizia (provola e melanzane), natalizio (scarole, olive e capperi), Vomerese (friarielli, provola e salsiccia).

Pizzeria Gorizia, preparazione della Margherita

 

Pizzeria Gorizia, la Margherita

 

Pizzeria Gorizia, la pizza Stella (immagine tratta dalla pagina Facebook del locale)

Un’idea conviviale, che soddisfa i palati più diversi. Gorizia è anche ristorante e ben noti sono soprattutto i dolci, come la zuppa inglese.

Pizzeria Gorizia, la sala superiore

La sede di via Albini è dotata anche di una sala superiore attrezzata per eventi e degustazioni.

 

Pizzeria Gorizia

Via Albino Albini, 18/20

Napoli

Tel: 081.5604642

www.pizzeriagorizia.it

 

Foto di Dora Sorrentino

2 commenti

  • angela

    (8 maggio 2014 - 14:59)

    Quante pizze mangiate qui, e quanti pranzi aziendali per gli auguri di Natale….

  • errico

    (13 maggio 2014 - 17:28)

    Eccezionale in tutti gli aspetti(cucina, cortesia e qualità)
    E’ la sede sociale della Compagnia dei Mormagnann

I commenti sono chiusi.