Nebbiolo Prima: Largo al Roero!

Letture: 124
Nebbiolo Prima, i campioni
Nebbiolo Prima, i campioni

di Stefano Ronconi

Le nuove annate di Barolo, Barbaresco e Roero vengono presentate in questi giorni ad Alba e vedono protagoniste oltre 250 aziende che portano ai banchi di assaggio degli oltre 100 giornalisti di tutto il mondo circa 500 vini delle varie denominazioni.

La ventesima edizione di questo ormai tradizionale evento è infatti in programma dal 10 al 15 maggio presso il Centro Congressi di Alba, per l’occasione dedicato ad ospitare questa vera e propria maratona di degustazione.

La prima giornata di degustazione di Nebbiolo Prima ha visto protagoniste le circa venti aziende di   Roero che hanno portato le annate 2011 di Roero Riserva DOCG e 2012 di Roero DOCG; in totale 49 etichette di cui vi raccontiamo i ns. migliori 15 assaggi.

Nebbiolo Prima, i vini in degustazione
Nebbiolo Prima, i vini in degustazione
  • Malvirà – Roero Riserva DOCG 2011 Trinità

Il colore è granato quasi trasparente, gli aromi sono di arancia sanguinella ed ematici, l’assaggio rivela ricchezza ed eleganza, il finale è succoso e lungo.

  • Malvirà — Roero Riserva DOCG 2011 Mombeltramo

Il naso è più ritroso con sensazioni di frutto rosso, all’assaggio si apprezzano note agrumate e ricordi boisée, persistente e pulito.

  • Cascina Chicco – Roero DOCG 2012 Montespinato

Profumi di ciliegia e frutta rossa, in bocca si fa apprezzare per le note dolci e per il precoce equilibrio fra le note dure e quelle morbide.

  • Cascina Ca’ Rossa – Roero Riserva DOCG 2011 Mompissano

Olfatto speziato e balsamico, la beva è equilibrata, il finale convince nonostante l’impressione di alcool.

  • Generaj – Roero Riserva DOCG 2011 Bric Aut

Note balsamiche e di frutta matura in apertura, sorso ricco ed equilibrato, vino vigoroso e vitale, il tannino è ancora molto vivo.

  • Giovanni Almondo – Roero Riserva DOCG 2011

Profumi di incenso, qualche accenno di boisée, in bocca rivela un buon equilibrio e buona materia, garanzia di evoluzione positiva.

  • Ponchione Maurizio – Roero DOCG 2012

Qualche sbuffo boisée in apertura, poi rivela un sorso quasi salato, freschezza ancora integra, tannino di buona finezza.

  • Generaj – Roero DOCG 2012

Al naso si apprezza spezia dolce e goudron, l’assaggio rivela ricchezza di frutto e polpa, equilibrio, ancora giovane ed in crescita.

  • lli Rabino – Roero DOCG 2012

Speziato e con toni boisèe, in bocca è ricco di materia equilibrata da freschezza e tannicità, forse un filo alcoolico.

  • Filippo Gallino – Roero Riserva DOCG 2011

Ombroso e con toni terrosi, concentrato di aspetto, la beva si rivela agile, il sorso è ricco di materia, il finale agrumato e balsamico.

  • Marsaglia — Roero Riserva DOCG 2011 Bric d’America

Colore granato compatto, gli aromi sono di frutto maturo e spezie dolci, la beva è ricca, un lieve eccesso alcolico, non disturba, finale ampio e lungo.

  • Emanuele Rolfo Cà Di Cairè – Roero Riserva DOCG 2011

Naso leggermente rustico, in bocca svela una beva facile, con ricordi agrumati e note terrose, media lunghezza ma finale netto e pulito.

  • Demarie – Roero Riserva DOCG 2011

scuro e terroso, estrazione importante, alla ricerca di un equilibrio fra materia imponente e tannino fine.

  • Viglione Antonio E Figli – Roero DOCG 2012 Meo

Note tostate di caffè e cioccolato, assaggio fruttato con note dolci bilanciate da freschezza acida e tannini eleganti.

  • Bel Colle Roero DOCG 2012

Floreale e frutta matura al naso, in bocca rivela un tannino incisivo, freschezza e fruttato, prospettiva di evoluzione.

  • Negro Angelo E Figli Roero Riserva DOCG 2011 Sudisfà

Profumi di radici e erbe officinali, sorso agrumato e fresco, buona lunghezza e tannino elegante.