Piazzetta Milù a Castellammare e la cucina di Cristoforo Trapani

Letture: 245
Piazzetta Milù, via Schito 42

di Albert Sapere

Ho conosciuto Cristoforo Trapani in una sera piena di neve a Rivoli. Io ero a cena al Combal.zero, cena veramente deliziosa da Davide Scabin, sicuramente la migliore di quell’anno, invece il giovane cuoco originario di Meta di Sorrento stava completando uno dei suoi percorsi formativi.

E’ la seconda volta che ceno a Piazzetta Milù, la prima giusto un anno fa mi aveva lasciato delle perplessità, luci e ombre. Vicino ad una tecnica notevole e un paio di guizzi interessanti, qualche idea forse troppo confusa e dei piatti quasi mai legati al contesto territoriale.

La seconda volta segna una crescita decisa. In quello che ho mangiato c’era appartenenza territoriale, maggiore personalità e la confusione via via svanisce, qualche ombra rimane, probabilmente nel suo futuro rimarrà solo qualche peccato di gioventù, ma il tempo ci dirà se è così.

Il merito della crescita di Cristoforo è da attribuire sicuramente al suo talento e caparbietà, ma anche alla famiglia Izzo, che gli ha affidato la cucina e lo ha lasciato tranquillo, consentendo di esprimersi, qualche volta anche di sbagliare, oggi una fortuna per pochi cuochi. Sicuramente questa liason ha fatto e farà molto bene a entrambi.

In sala Emanuele è una solida certezza, diventa sempre più bravo, la mamma e Valerio lo assecondano, lo accompagnano, tanti sorrisi e poche sbavature.

Piazzetta Milù, aguglia e triglia fritta con scorza d’arancio

Avvio molto convincente l’aguglia e la triglia fritta convincono, asciutte, la buccia di arancia lo rende profumato, bene così.

Piazzetta Milù, via Schito 42

Il piatto del viaggio. Tecnica, territorialità, eleganza gustativa, essenzialità e gioco. Il carciofo è simbolo di festa in questo Territorio. Il fumo delle foglie esterne del carciofo e le erbe aromatiche portate a parte sotto una campana servono a ricordare l’odore dei classici carciofi che si trovano a ogni angolo di strada in Penisola. Piatto ricco di spunti tecnici, dalla pancetta liquida alla spugna di prezzemolo, interessante.

Piazzetta Milù, uovo, ragù e parmigiano

Piacione, goloso, ben fatto, lasciare spazio anche alla pancia non è un peccato mortale.

Piazzetta Milù, polpo e patate

Rivisitazione personale di un piatto classico campano, la cottura del polpo avviene prima sottovuoto e poi scottato a fuoco forte, ricerca e tecnica nell’utilizzo delle patate, un’acidità più marcata nella maionese di polpo avrebbe fornito maggiore brio ed un carattere più deciso al piatto.

 

Piazzetta Milù, risotto aria di mare e ostrica

Il risotto è veramente risotto, a queste latitudini non è quasi mai così, la scelta del riso acquerello invecchiato sette anni sicuramente aiuta. Il gusto marino, iodato, ritorna tutto al palato. Ben fatto è meglio di ben detto.

 

Piazzetta Milù, pasta e fagioli con triglia, scorfano e prezzemolo secco

Mare e orto con un sottofondo di pasta secca, da buon terrone, spesso sono preparazioni che adoro, ma in questo caso tendevano a coprirsi a vicenda.  Magari trattare questo piatto più come una minestra di pasta, più brodosa per intenderci, aiuterebbe a trovare l’equilibrio perfetto.

 

Piazzetta Milù, ziti alla genovese

Una versione elegante, delicata e allo stesso tempo decisa, di un grande classico della cucina tradizionale napoletana, centrato.

 

Piazzetta Milù, raviolo di laticauda e crumble di cioccolato

Morbido, fin troppo, la crema di formaggio ingrassa, il crumble di cioccolato non apporta il cambio di ritmo sperato, il raviolo era ben fatto. Non mi è piaciuto insomma, capita.

 

Piazzetta Milù, pre dessert

Tra i dolci il babà era notevole, per elasticità e bagna, davvero molto buono,  carina  l’idea del cappuccino e cornetto, meno nelle mie corde gli altri dolci.

Piazzetta Milù, babà

 

Piazzetta Milù, cheesecake alle banane

 

Piazzetta Milù, cappuccino e cornetto

 

Piazzetta Milù, tiramisù

 

Piazzetta Milù, piccola pasticceria

A 27 anni, aumentano le luci e restano poche ombre.

 

Piazzetta Milù

Castellammare di Stabia, Corso A. De Gasperi 23

Tel. 081 871 5779

Chiuso domenica sera e mercoledì tutta la giornata

www.piazzettamilu.it

2 commenti

  • Giustino Catalano

    (27 gennaio 2015 - 12:21)

    Essendo di famiglia, da padrino di Cristoforo mi piace di ricordare che un grande contributo alla crescente capacità espressiva di Trapani, oltre alla famiglia Izzo, è dato anche dai suoi genitori che dietro le quinte silenziosamente sostengono una passione così grande da tanti anni.
    Sono certo, e parla la mente e non il cuore, che questo ragazzo ci darà lustro e immagine.
    L’ho sempre ritenuto un talento e credo che diverrà un grande talento.
    Solo attraverso il sacrificio silenzioso e la grande forza di volontà si ottengono grandi risultati e Cristoforo ha entrambe le cose.
    Sul raviolo che ho mangiato deve esser capitata una scivolata sugli equilibri perchè quello che ebbi a provare io aveva sia cambio di ritmo che buon equilibrio tra farcia e fonduta. Va rifatto e migliorato.
    Mai arrendersi.
    Cristoforo Memento audere semper!

  • raffaele

    (28 gennaio 2015 - 00:38)

    quella sera da scabin , dormivano a pragelato ! ricordo solo che il casellante alle 1 e 30 di notte con 30 cm di neve sull autostrada , mi disse in torinese stretto ” guagliu’ ma do iate , sit sciem ! arrivammo sani e salvi dopo tre ore , a dormire nel palazzetto olimpico ! e c’ero anche da cristoforo poche sere fa , grande cena , dopo aver visitato l orto a vis Schio

I commenti sono chiusi.