Riccardo Gentile a Ofena: vini abruzzesi d’autore

Letture: 318
i vini di Riccardo Gentile
i vini di Riccardo Gentile

di Andrea De Palma

La Valle di Ofena: una regione nella regione

Prosegue il mio viaggio nella Valle di Ofena – il forno d’Abruzzo, dove incontro Riccardo Gentile rampante trentottenne ma con alle spalle quasi vent’anni di esperienza nei vigneti, che già sfoggia esperienza e un approccio alla campagna da vecchio viticoltore disquisendo su metodi e tecniche con padronanza e convinzione.

Il padre, già sindaco di Ofena per varie legislature e grande esperto di uva, introduce Riccardo da subito nel mondo del vino. La prima bottiglia è prodotta nel 1995 dal padre ma c’è una testimonianza del 1903, ormai spoglia del colore ma molto significativa e a dimostrazione che questa famiglia non nasce dal nulla.

Riccardo Gentile
Riccardo Gentile

Oggi gli ettari vitati sono oltre dieci, ma la previsione è di aggiungerne altri.

Apriamo un po’ di bottiglie del suo magnifico “Vecchie Vigne” partendo dal 2009 che si mostra subito al naso con liquirizia nera fusa a frutto rosso leggermente in confettura. Riccardo mi conferma che l’annata è stata molto calda. I profumi vertono verso l’amarena cotta, tabacco e carrubo; al palato diventa esuberante, caratteristica comune a tutti i vini, attacca con acidità e tannini di rango che vengono equilibrati con la morbidezza del frutto, la chiusura è sapida e succulenta.

il primo imbottigliamento 1995
il primo imbottigliamento 1995

 

una bottiglia datata 1903
una bottiglia datata 1903

 

Rosato Pié della Grotta 2014 Gentile
Rosato Pié della Grotta 2014 Gentile

Il 2010 ha una marcia in più, in tutti i sensi, dalla pulizia ed eleganza di frutto fino alla bevibili tà. Dal bicchiere emergono sentori eleganti di tabacco dolce, liquirizia e frutto rosso il tutto ben integrato ad una spezia da legno ben dosato; al palato è l’equilibrio il tema dominante, sfoggiando da subito dei tannini vivaci e veri rinforzati e rinfrescati dall’acidità onnipresente, una vera sciabolata gustativa che si rinforza con note di rabarbaro associata al marchio di fabbrica, la sapidità e la mineralità: grande vino e che soprattutto lascia presagire una certa longevità.

Vecchie Vigne 2010 Gentile
Vecchie Vigne 2010 Gentile

Il 2011 entrerà in commercio ad ottobre, quindi per ora giudizio sospeso, ma già mostra i tratti di un grande purosangue.

È ovvio che sto parlando di vini ottenuti da Montepulciano, tutti hanno una macerazione in acciaio, maturazione in tonneau e poi barrique per ventiquattro mesi e almeno 12 mesi di bottiglia.

E, non finisce qui. Si perché Riccardo vuole mettere in mostra vecchie produzioni o prime esperienze, fuori commercio come il 2005 con vecchia etichetta chiamata Zeus, un Montepulciano da dove emerge da subito sia nei profumi che al palato una lavorazione molto artigianale ma corretto.

Zeus 2005 Gentile
Zeus 2005 Gentile

La vera sorpresa lo Zefiro 2005, sempre fuori commercio, frutto di una vendemmia anticipata e davvero un rosso di razza, da far invidia a molti produttori blasonati; dal naso emergono note di rabarbaro, caffè fuso al cioccolato, ciliegia nera e mirtillo, mancano note stanche di cuoio o altro che molte volte segnano i vecchi montepulciani; davvero un bel vino, soprattutto al gusto che sfodera dei tannini ancora uniformi e veri, e tanta acidità con la consueta sapidità; ottimo e Bravo Riccardo visto che è stato fatto con pochi mezzi e tanta passione.

Zefiro 2005 Gentile
Zefiro 2005 Gentile

 

Gentile Vini è in via del Giardino, 7 67025 Ofena (AQ) – tel. 0862.956618 – www.gentilevini.it