Linguine al nero di seppia

Letture: 223
vermicelli al nero di seppia

di Marina Alaimo

E’ questo un piatto classico, povero  e veloce della cucina di mare napoletana. Quella dove non si butta via niente e quindi, una volta comprate le seppie, si conservano le sacche del nero per preparare un primo gustosissimo e di grande effetto anche se abbiamo ospiti a tavola. In questo periodo dell’anno le seppie sono sempre presenti e freschissime sui banchi delle pescherie. Anche il generosissimo albero di limoni continua a regalare i suo frutti meravigliosi, simbolo solare, gioioso e profumatissimo della cultura mediterranea. A noi napoletani piace tantissimo piantare alberi di limoni, sia in giardino  che in terrazzo e si vedono sempre con  maggiore frequenza anche sui balconi. Riuscire ad avere qualche limone appena colto renderà speciale il nostro piatto di vermicelli, o anche spaghetti, al nero di seppia.

Vermicelli al nero di seppia

Ingredienti per 4 persone

  • 320 gr di linguine, vermicelli o spaghetti, anche spaghettoni
  • 3 sacche freschissime di nero di seppia
  • 250 gr. di seppie
  • 1 spicchio di aglio
  • Un limone freschissimo
  • Olio extravergine di oliva
  • Foglioline di menta fresca

Preparazione

Pulire bene le seppie, spellarle e raccogliere con delicatezza le sacche del nero e metterle da parte. In una padella grande far rosolare 8 cucchiai di olio evo con l’aglio intero e appena schiacciato, versarvi le seppie ben asciugate e tagliate a tocchetti piccoli e rosolare per 2 minuti. Nel contempo cuocere i vermicelli o spaghetti o anche spaghettoni in abbondante acqua salata. In una ciotola stemperare in pochissima acqua di cottura della pasta il nero delle seppie e versarlo nella padella con il sugo di seppie amalgamando bene. Colare la pasta bene al dente con un paio di minuti di anticipo e ultimare la cottura saltandola nella padella con il condimento delle seppie e del nero, 2 gocce di limone a testa e, se necessario, aggiungere dell’acqua di cottura della pasta. A fuoco spento aggiungere 3 foglioline di menta tritate e la buccia del limone grattugiata facendo attenzione a non grattugiare anche la parte bianca che risulta amara.

Vini abbinati: Greco di Tufo Vigna Cicogna 2011 di Benito Ferrara

Un commento

  • Bohemeenoristorante

    (20 novembre 2013 - 16:54)

    Sembrano davvero speciali queste linguine al nero di seppia. Bisogna come dici giustamente tu, non buttare via niente, e usare anche le parti che sembrano meno utilizzabili di ogni alimento, anche delle seppie. Chiaramente l’importante è la freschezza del pesce. Il nero delle seppie è davvero rinomato e conferisce un tocco e un sapore unico.

I commenti sono chiusi.