La pastiera napoletana di Leopoldo, il classico dei classici

Letture: 430
La pastiera napoletana di Leopoldo
La pastiera napoletana di Leopoldo

La storia della pastiera è ormai nota a tutti. Questa è una ricetta che proviene da una delle pasticcerie storiche della città, Leopoldo dal 1940.

La ricetta è quella classica napoletana, il segreto è tutto nella passione che si mette in cucina, soprattutto quando si preparano piatti della tradizione napoletana.

 

La pastiera napoletana di Leopoldo

Ingredienti

  • PER LA PASTA FROLLA:
  • 400 gr di zucchero
  • 400 gr di burro
  • 200 gr di uova
  • 1 kg di farina
  • PER IL RIPIENO:
  • 800 gr di grano cotto
  • 1 kg di zucchero
  • 1 kg di ricotta di pecora
  • 600 gr di uova
  • 200 gr di cubetti di arancia candita
  • Acqua di fiori d’arancio

Preparazione

PER LA PASTA FROLLA
Mescolare tutti gli ingredienti con un’impastatrice o a mano, fino ad ottenere un composto omogeneo. Lasciare riposare l’impasto in frigo coperto da pellicola per una mezz’ora.
PER IL RIPIENO
Poiché il grano industriale è sempre precotto, mettetelo in una pentola, copritelo di latte, aggiungete una noce di burro e lasciare cuocere finché non si ammorbidisce del tutto. L’importante è mescolare frequentemente, per evitare che il grano si attacchi al fondo della pentola. Lasciate raffreddare. Nel frattempo amalgamare la ricotta con lo zucchero, lavorandola fino ad ottenere una crema. Aggiungete il grano, i canditi, l’acqua di fiori di arancio e infine le uova. Stendete la pasta frolla ed inseritela negli stampi, con queste dosi infatti vi verrà fuori più di una pastiera. Ricordatevi di metterne un po’ da parte per le strisce. Inserite il ripieno e rifinite le pastiere con strisce di pasta frolla incrociate. Mettete a cuocere in forno a 180° per circa un’ora.

2 commenti

  • Augusto

    (21 marzo 2016 - 22:46)

    Ma chi Leopoldo? In giro ce ne sono parecchi…chi è l’originale??

  • mari

    (22 marzo 2016 - 14:47)

    continuo a non capire perché osannate tanto questa catena di semilavorati

I commenti sono chiusi.