Monopoli, Masseria Spina di Angelo Sabatelli

Letture: 119
Masseria Spina di Angelo Sabatelli

Viale Aldo Moro, 27
Tel. 080.802396
Cell.340.5101419
www.masseriaspina.com
Sempre aperto

Torniamo un anno dopo a Masseria Spina da Angelo Sabatelli e lo troviamo consolidato e tranquillo: nel frattempo ha raggiunto  buoni risultati, tra cui la stella Michelin e il primo posto in Puglia nella Guida Espresso. Con la proprietà della Masseria è stato trovato l’equilibrio che all’inizio mi sembrava potesse venire meno da un momento all’altro e che invece adesso ci consente di smentire ogni voce di spostamento.

Masseria Spina, la mise en place

La cucina non è fondamentalmente cambiata, si è consolidata e ha la giusta cornice nelle due ampie sale in pietra dove ogni dettaglio è curato nei particolari dalla moglie di Angelo, Laura Giannuzzi. La monumentale carta, ben curata da Giovanni Tortora, è ampia giustamente prende le mosse in ogni sezione sempre dalla Puglia, bollicine comprese come è giusto che sia.

Nell’aperitivo ricco di sfizi e divertimenti tutto l’estro e l’esperienza accumulata a Giacarta,  Hong Kong, Shanghai e alle Mauritius.

Masseria Spina, i grissini
Masseria Spina, aperitivo. Involtini di verdure

 

Masseria Spina, aperitivo. Bon Bon di dentice

 

Masseria Spina, aperitivo. Fioroni e capocollo

 

Masseria Spina, aperitivo. Calamari

 

Masseria Spina, aperitivo. Pan brosche

 

Masseria spina, aperitivo. Taralli

Gli antipasti sono di stile pugliese, ossia una vera e propria portata e non uno starter che deve fare salivare in attesa del pranzo vero e proprio. Da queste parti il primo ha sicuramente la sua importanza ma non è gerarchicamente più importante come avviene altrove. Ecco allora due antipasti completi e molto golosi.

Masseria Spina, ricciola, crema soffice di patate affumicate, capperi e croccante di amaranto

 

Masseria Spina, uovo in salsa di piselli, tartufo nero e fonduta di cacio

Di gran gusto ho trovate i due primi, anche il risotto con tartufo e zafferano ben eseguito anche se decisamente poco territoriale.

Masseria Spina, tortelli di fave con aglio forte

 

Masseria Spina, pasta mista e fagioli con cozze e cime di rapa

Abbastanza centrata la pasta mista con i fagioli, le cozze e le cime di rapa anche se con una salatura da regolare.

Masseria Spina, orecchiette con ragù e fonduta di canestrato

Da manuale le orecchiette con il ragù e il canestrato di Moliterno.

Masseria Spina, i vini: Champagne Charles Ellner e Etna Rosso Quota 600 Graci

Dolci moderni, modernissimi, a cominciare dal pre-dessert di frutta e ortaggi fresco e di alleggerimento.

Masseria Spina, Pre dessert: gelato di limone con frutta e verdura

 

Masseria Spina, dolce con i lampascioni

 

Masseria Spina, dolce di cioccolato e gelato alla vaniglia
Masseria Spina, dolci

Insomma, una esperienza assolutamente completa e interessante, ricca di idee e di spunti creativi mai banali o, peggio, caricaturali. Quello che deve essere rafforzata, a nostro giudizio, è una maggiore attenzione alla materia prima di territorio.

A cominciare proprio dalle carni ma soprattutto la necessità di far occupare maggiormente i piatti dalla vera, grande ricchezza regionale: ortaggi, verdure e legumi che fanno la differenza con cucine ugualmente bene impostate e ricche di esperienza come questa.

Il futuro della cucina pugliese è infatti nel suo passato, ci riferiamo alla qualità eccelsa delle materie prime, dal quale l’alta gastronomia non si deve affrancare, proprio come è già avvenuto in Campania e Sicilia, dove il grande salto è stato possibile proprio per la capacità di diventare protagonista del recupero agricolo della materia prima.