Nove locali dove il baccalà diventa mito

Letture: 3423
Mussillo alla cichitto, un piatto della Tavola di Pulcinella

di Tommaso Esposito

C’è chi ormai lo prevede con certezza: è boom di baccalà. La tendenza sembra essere proprio il consolidamento sulla tavola degli italiani di piatti a base di questo pesce salato che vien d’Oltremari, come lo descriveva il purista Basilio Puoti nel suo vocabolario della lingua napoletana di metà Ottocento, e del suo analogo, lo stoccafisso, che invece viene essiccato ai gelidi venti dei fiordi nordici. I dati sono chiari: dalla Norvegia e dalla Finlandia il maggior export estero si dirige verso il Triveneto e la Campania.
Non a caso il Norwegian Seafood Council, l’ente fondato dal Ministero della Pesca norvegese, con l’avallo di Sua Maestà il Re Harald V di Norvegia, nomina ogni due anni gli Ambasciatori del Baccalà e dello Stoccafisso.

feudi-san-gregorio-paolo-barrale-ambasciatore-del-baccala

A dicembre 2014 è toccato a Paolo Barrale, cuoco del Marennà di Sorbo Serpico in provincia di Avellino, di essere insignito del prestigioso riconoscimento grazie alle sue ricette, ma soprattutto ai suoi “Cannelloni di Stoccafisso di Norvegia con salsa di vongole e tartufi di mare, limone e clorofilla di prezzemolo”.
Ma dove è possibile nella nostra regione sedersi a tavola per fare una full immersion tra mussillo e coroniello?

Partiamo da Napoli ricordando Antonella Rossi a Napoli Mia sulla Riviera di Chiaia da sempre metteva in carta il baccalà e speciali sono i suoi carpacci e le sue cotture al vapore.

Lo staff di Baccalaria a Napoli

Baccalaria, in Via Sedile di Porto, è la novità assoluta nata dall’idea di Toti Lange di affidare allo chef Vincenzo Russo il mandato di cucinare baccalà, soltanto baccalà.
Somma Vesuviana è la meta indiscussa per chi voglia fare un vero e proprio pellegrinaggio sulle tracce del sacro merlucio.

Enzo Nocerino Locanda Nonna Rosa Somma Vesuviana la genovese di baccala e le candele spezzate

Qui c’è la trattoria tradizionale ai Tre Pizzi Lo Smeraldo, ma c’è soprattutto Locanda Nonna Rosa dove bisogna prenotarsi almeno dieci giorni prima per essere sicuri di assaggiare il tegamino di stocco e patate o le candele spezzate a mano con la genovese di baccalà preparate da Enzo Nocerino.

o-scialatiello-salvatore-granato-il-patron

Salvatore Granato sta a Marigliano nel suo ‘O Scialatiello dove tra i fritti di ventresca e gli intingoli con pomodorino olive e capperi trionfa il mussillo alla brace più buono che si possa trovare in giro.

Laura e Luisa Iodice a Fenesta Verde di Giugliano

A Giugliano Luisa e Laura Iodice a Fenesta Verde vi faranno assaggiare l’impeccabile baccalà fritto alla napoletana di cui parla il Cavalcanti.

Antonio Petrillo a la Corte dei Filangieri di Candia

A Candia, terra irpina di nocciole e Fiano, Antonio Petrillo governa la sua Corte dei Filangieri. Qui assaggerete il baccalà alla pertecaregna, marenna tipica dei contadini saporita e gustosa grazie anche al peperone crusco fritto che la guarnisce.

il-moera-francesco-fusco-ravioli-di-patata-e-provola-baccala-e-polvere-di-olive-nere

Se poi si è stufi del solito paccaro con lo stocco, si può andare da Francesco Fusco a Il Moera di Avella e godersi i suoi ravioli di baccalà con provola e patate.

Biancobaccalà Malvi la cucina a vista
Biancobaccalà Malvi la cucina a vista

Alla rotonda di Arzano un locale cult dove davvero il baccalà accompagna tutto. Non a caso si chiama Biancobaccalà

Antonio Ruggiero Osteria del Baccala con lo staff

Una mezzora da Napoli via autostrada e si può raggiungere Vairano Scalo dove Antonio Ruggiero regna da Re nell’Osteria del Baccalà in cui si trova tutto, anche il quinto quarto dai ventricelli alle panzelle.

Enzo Di Fiore Pizzeria Bella Napoli Acerra

E infine c’è la pizza con scarola e baccalà. La più buona è il calzone al forno di Vincenzo Di Fiore nella sua Bella Napoli ad Acerra.

6 commenti

  • Alessandro

    (28 gennaio 2015 - 12:32)

    Comprendo che le ragioni di una recensione non possano tener presenti tutte le opzioni sul territorio campano, ed è giusto citare i ristoranti più in vista, ma il baccalà è il pesce dei poveri e delle aree interne che non potevano consentirsi il pesce fresco. Dunque in Campania il Baccalà è in Irpinia! Come non citare il mitico Jean-Paul, francese irpino, a Morra De Sanctis (ristorante di solo baccalà), o “il Vallone” a Grottaminarda insieme al Paradise a Carpignano. L’Irpinia è la Mecca del Baccalà. Pignataro….un articolo monotematico va assolutamente scritto!

  • Enrico

    (29 gennaio 2015 - 12:18)

    Come non citare anche la pizza col Baccalà di Totò e i sapori ad Acerra recensita anche su questo blog?

  • Tagliapietra

    (29 gennaio 2015 - 13:44)

    Alcuni li conoscevo già, altri li ho inseriti nella mia lista! :)
    Grazie dei consigli.

  • Denny

    (29 gennaio 2015 - 19:13)

    Vorrei segnalare un locale fuori regione ad Avigliano in provincia di Potenza l’Osteria Gagliardi che fa del baccala’ la pietanza principe del suo menu’ a cominciare da quello bollito servito con i peperoni crusch…..che meraviglia del resto in questa piccola cittadina che ha dato i natali ad Emanuele Gianturco si svolge anche una valida sagra dedicata al Baccala’.

  • Fabio La Montagna

    (30 gennaio 2015 - 02:10)

    Complimenti Vincenzo la tua pizza con la scarola ed il baccalà è un piatto fuori concorso, in bocca al lupo ed auguri per la prossima apertura!

  • Rachele

    (5 ottobre 2016 - 12:58)

    E Le Zendraglie?

I commenti sono chiusi.