Un Cartizze entra tra i grandi Cru d’Italia: il Vigna La Rivetta di Villa Sandi nel gotha dei vini italiani

Letture: 120

 

Dopo tanti premi nazionali e internazionali, il “Vigna La Rivetta”, Cartizze della celebre azienda Villa Sandi, entra a far parte dei Grandi Cru d’Italia. Un riconoscimento prestigioso che colloca l’etichetta della maison di Crocetta del Montello nel gotha della produzione vitivinicola nazionale e ribadisce la crescita di un’area, quella del Conegliano-Valdobbiadene Prosecco Docg, ormai apprezzata dai winelover di tutto il mondo.

Una scelta, quella del Comitato dei Grandi Cru d’Italia, che premia il lavoro di un’azienda da anni all’avanguardia sia per gli standard qualitativi proposti che per l’attenzione posta nella promozione del territorio.

“Per noi è certamente un motivo di orgoglio entrare a far parte di una elite così esclusiva – ha commentato Giancarlo Moretti Polegato, proprietario della cantina – e uno stimolo a fare sempre meglio. La collina del Cartizze da tempo rientra nel gotha dei grandi terroir a livello mondiale e il fatto che il nostro “Vigna La Rivetta” sia l’unico Cartizze nell’ambito dei Grandi Cru d’Italia rappresenta, oltre che un onore, una bellissima responsabilità”.

Valdobbiadene Superiore di Cartizze DOCG Spumante La Rivetta

La storia dei Grandi Cru d’Italia è recente ma già molto importante e annovera tra le sue fila alcuni dei più celebri nomi del mondo vitivinicolo italiano. Il Comitato, infatti, seleziona soltanto produttori in grado di esprimere etichette di altissimo livello da almeno 20 anni. Alla base un lavoro capillare di incrocio dei dati delle maggiori guide di settore nazionali e internazionali che finisce con il premiare soltanto quelle aziende in grado di esprimere etichette capaci di mantenere costante un’altissima qualità nel tempo.

“Una sorta di dream team del vino italiano – ha concluso Moretti Polegato – dove sono rappresentati tutti i principali territori del Vigneto Italia. Un vero e proprio fiore all’occhiello per la produzione nazionale che, a mio giudizio, fa delle aziende coinvolte delle importanti ambasciatrici del Made Italy di qualità. E anche per questo l’inserimento del nostro Cartizze in un simile contesto assume un valore fondamentale per l’intero territorio”.

Un commento

  • Giulio Cantatore

    (9 giugno 2014 - 12:46)

    Siamo stati 3 giorni a Maggio in giro per i vigneti tra Valdobbiadene e Conegliano , consiglio a tutti di fermarsi in zona anche per un fine settimana , ottima accoglienza da parte di tutte le aziende sia piccole che di grandi dimensioni, si nota un grande fermento in zona , c’è tanta professionalità e tanta ricerca sia agronomica che in campo enologico messa a disposizione di tutti quelli che vogliono approfondire e scoprire il vero Prosecco e naturalmente il Cartizze (fatevi spiegare Le Rive), un plauso anche al Consorzio di tutela del Prosecco.
    Poi se siete fortunati a capitate proprio nel Vigneto La Rivetta di Villa Sandi in piena zona Cartizze , e magari come e capitato a noi sorseggiando il loro cru allora potreste restare seduti per diverse ore ammirando lo spettacolo che si presenta davanti hai vostri occhi.

I commenti sono chiusi.