Greco di Tufo 2003 docg

Letture: 29

VESEVO
Uva: greco di Tufo
Fascia di prezzo: tra i 5 e i 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Ancora devo capire bene gli intrecci tra l’abbruzzese Farnese Vini, il fratello separatista della Feudi di San Gregorio, al secolo Mario Ercolino, e la nuova azienda, Feudi di San Marzano, che lo stesso Ercolino e Valentino Sciotti della Farnese hanno messo su in provincia di Taranto… Il sito della Vesevo è, per ora, ancora “in construction”!. Qualunque siano i legami tra questi ben noti personaggi del mondo del vino italiano, l’unica certezza è che questo Greco di Tufo sembra seguire (sarà pure solo un condizionamento psicologico?!) in modo netto ed inequivocabile lo stile Feudi. Al naso emergono insistenti note di banana e frutta tropicale con un sottofondo minerale molto sacrificato dall’esuberanza delle note esotiche, a tratti mielate, e da una sospetta dolcezza zuccherina, allo stesso tempo glicerica ed alcolica. Al palato l’acidità di sostegno non manca anche se non appare quella sferzante, tipica del vitigno. Un vino eseguto impeccabilmente ma che stenta ad emozionare e coinvolgere, lasciando più di qualche dubbio sull’interpretazione varietale. Le intenzioni di Valentino Sciotti e della Farnese mi sembrano le migliori e trattandosi di una azienda appena nata ci aspettiamo un graduale e più convincente messa appunto nell’approccio ai vitigni campani, strizzando un pò meno l’occhio al Nuovo Mondo e riservando maggior attenzione ad un’interpretazione più classica e rispettosa della tradizione locale.
Questa scheda è di Fabio Cimmino

Sede a San Potito Ultra, via del Selvatico, 33
Tel. 0825986535. Fax 0825.988926
Sito: http://www.vesevo.it
Email: vesevo@vesevo.it
Enologo: Marco Flacco e Mario Ercolino
Bottiglie prodotte: 200.000
Ettari: 37 in fitto
Vitigni: aglianico, falanghina, greco, fiano