Greco di Tufo 2003 Petilia

Letture: 109

PETILIA
Uva: greco di Tufo
Fermentazione e maturazione: acciaio

I fratelli Roberto e Teresa Bruno conducono ormai saldamente questa azienda nel cuore della nuova docg Greco di Tufo. Siamo ad Altavilla, crosta di zolfo sotto le vigne, una quarantina di ettari vitati che lentamente stanno entrando in produzione. La vinificazione è assolutamente tradizionale, solo in acciaio, il frutto valorizzato rispetto agli anni precedenti da una potatura spinta sulla pianta e dal clima siccitoso della scorsa estate dove anche da queste parti, contrariamente al solito, il caldo si è fatto sentire. Produmi floreali, freschezza ancora eccessiva, una spalla molto forte. Un bianco lungo, tradizionale che registra il miglioramento di questa azienda ben conosciuta dagli appassionati ma per fortuna ancora lontana dallo star system da parvenue ormai dilagante in Italia. E anche testa sulle spalle: siamo appena poco sopra i 5 euro per un bianco da spendere sui piatti della Terra delle Sirene alla faccia di quel vecchio pervertito di Norman Douglas.

Sede ad Altavilla Irpina, via Orni, 6
Tel. e fax 0825.991696
Email: petilia@interfree.it
Enologo: Roberto Bruno
Bottiglie prodotte: 80.000
Ettari: 40 di proprietà
Vitigni: greco di Tufo, fiano di Avellino, aglianico