Greco di Tufo 2009 docg Cantina Bambinuto

Letture: 148
Greco di Tufo 2009 Cantina Bambinuto (foto di Sara Marte)

Uve: greco
Fermentazione e maturazione: acciaio
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro

Lo proviamo dopo un anno circa dall’ultimo assaggio e il risultato è proprio in linea con le attese. Già l’anno scorso, in visita in cantina, chiacchierando con Marilena Aufiero e l’enologo aziendale Antonio Pesce ne avemmo da dire un gran bene. Io, in tendenza con me stessa, ho cominciato da un po’a conservare campioni particolarmente graditi in ordine sparso per la pura curiosità del loro domani. Parliamo qui del guizzo di un annetto, niente di che, e intanto ci apriamo questa bella bottiglia di Greco di Tufo 2009 della Cantina Bambinuto.  Tutto lavorato in attenzione e territorio per questa piccola produzione irpina.


Bisogna venire in azienda, qui a Santa Paolina e parlare con Marilena per comprendere il cuore di tale realtà. Grande determinazione e volontà da vendere ed il lavoro su 4 ettari di vigneto su terreni prevalentemente argillosi e posti tra i 400 e i 500 m s.l.m. Nasce da prima l’impegno in vigna, ma trova grande slancio nelle nuove generazioni della famiglia Aufiero che, nel 2006, decidono di dedicarsi a tempo pieno al vino. Del Greco troviamo una doppia versione: Il “Picoli”, chiamato così dalla difficile vigna da cui provengono esclusivamente le uve ed il Greco di Tufo “base”. A questo “dove e come” ci aggiungi un divertito rapporto schietto e sanguigno con Antonio Pesce e una buona dose d’ironia ed il quadro è completo.

Antonio Pesce e Marilena Aufiero in vigna (foto di Sara Marte)

Ma torniamo alla nostra bottiglia. In degustazione è una vera forza per un rapporto qualità prezzo invidiabile. Bello il colore, luminoso e vivace, ricco e consistente che già introduce ad una buona materia. Così il naso sale minerale e gradevole, frutta e ancora frutta, certamente a pasta gialla abbastanza matura, su tutti la pesca. E’ di buon equilibrio con sentori ben fusi e al contempo intensi. Il sorso avvolge bene il palato. Ricco, con una forte carica alcolica ed un’acidità presente. Assieme all’evidente sapidità sa tener testa a quella sensazione pseudocalorica regalando un sorso equilibrato, con un ritorno minerale piacevole. Il tutto è abbastanza lungo e riconoscibile.  Papà Aufiero mi disse scherzando che la sua foto non la pubblicano mai, anche se lui nei campi ci lavora e come! Allora ecco la foto promessa, siamo certi che a Marilena farà sorridere; queste in fondo sono solo sciocchezze da comunicatori mentre loro fanno il vino, quello autentico.

Raffaele Aufiero (foto di Sara Marte)

Questa scheda è di Sara Marte

La Cantina Bambinuto è in via Cerro, 18 a Santa Paolina in provincia di Avellino. Tel. 0825 964634. cantinabambinuto@libero.it Ettari: 4. Enologo: Antonio Pesce. Uve: aglianico, fiano e greco.

11 commenti

  • mario hutter

    (11 giugno 2011 - 09:25)

    Sono un soddisfattissimo cliente dell’eccezionale Cantina Bambinuto e dal momento che ho assaggiato i loro prestigiosi vini prodotti con grande perizia e passione mi sono reso conto dell’enorme bontà che abbiamo al Sud .La Cantina Bambinuto come lei sa produce altri prestigiosi vini le sarei grato se in seguito mostrerebbe un suo autorevole parere anche su qualche loro rosso . La seguo da molto tempo ed i suoi consigli sono quantomai preziosi .Un saluto da un ammiratore del suo fantastico blog .Hutter Mario

  • alessandro selvaggio

    (11 giugno 2011 - 11:10)

    Quali sono le differenza tra il Greco Picoli e il fratello “innominato”? E’ previsto anche la versione spumante di uno dei due? sarei cuorioso di provarlo!
    Complimenti al signor Aufiero che, finalmente fotografato e pubblicato, mostra nel modo più semplice e bello la passione per la propria terra!

    • Luciano pignataro

      (11 giugno 2011 - 12:13)

      Il Picoli è una selezione di uve vendemmiate un po’ più tardi

    • marilena

      (11 giugno 2011 - 12:14)

      IL greco Picoli viene vendemmiato circa 10 giorni dopo il greco base, viene (come l’altro greco) criomacerato e fa sosta per circa sei mesi sulle fecce, colore e struttura ( vol. 14.50) più intensi, sul mercato esce più tardi, infatti la vendemmia 2009 la stiamo adesso promuovendo. Stiamo realizzando uno spumante di greco col metodo classico, devo dire molto particolare richiama lo stile del greco Picoli e, ne verranno prodotte pochissime bottiglie.Sei il benvenuto in cantina per assaggiare i nostri vini.

      • mario hutter

        (11 giugno 2011 - 16:59)

        premetto che io preferisco il rosso ma..davanti ad una bottiglia di PICOLI c’è da rivedere le preferenze .piace anche a chi piace solo il rosso . ECCEZIONALE

  • antonio

    (11 giugno 2011 - 12:23)

    Conosco bene l’azienda e in modo particolare Marilena o meglio la grande passione per i sui vini. Complimenti al blog perchè mette in evidenza delle realtà belle e poco conosciute, e complimenti a Marilena per l’impegno e l’entusiasmo che trasmette attraverso i suoi vini.

  • federico

    (11 giugno 2011 - 12:32)

    Complimenti, I ragazzi bambinuto rispecchiano una bella realtà, fatta di grande lavoro, di grande semplicità e umiltà, e una grande passione , e come sempre il duro lavoro viene sempre premiato. Ho avuto modo di assagiare il greco base ed è veramente notevole. Continuate così.

  • ^Angel^

    (11 giugno 2011 - 15:53)

    Sembra l’ideale per il pranzo di domani! Spero di trovarlo nell’enoteca dove mi rifornisco di solito! =)

  • michele d'argenio

    (11 giugno 2011 - 19:52)

    tanta passione un attenta professionalità portano a prodotti particolari.
    molto bene per i greco assaggiato a napoli.
    ma la cosa che piu’ mi entusiasma è il distillato ………….colpo di genio

  • marilena

    (12 giugno 2011 - 09:58)

    Grazie di cuore a tutti.

I commenti sono chiusi.