Greco di Tufo 2010 docg Donnachiara |Voto 85/100

Letture: 72
Greco di Tufo 2010 docg Donnachiara (FotoPigna)

Vista 5/5. Naso 24/30. Palato 26/30. Non Omologazione 30/35

Da quando i crudi mare sono diventati di moda c’è ancora più bisogno di Greco di Tufo, il bianco potente incapace di dare sensazioni esaltanti al naso ma totalmente rinfrescante e appagante in bocca.
Il segreto del suo successo, a ben vedere, è proprio questo: quell’uso pratico di cui spesso si dimenticano i critici, tradendo l’uso mediterraneo di abbinare sempre il cibo al vino.

Banalità esemplari, ma è importante verificarle di volta in volta, come è accaduto giovedì scorso nel ristorantino Cotto&Crudo, ultimo nato alla Rotonda, così i salernitani chiamano la loro unica vera piazza storica, mini distretto gourmet più che dignitoso e comunque fuori dalla tragedia del precotto e del surgelato che si consuma nel resto della città.
In vetrina i vini di Donnachiara, la cantina di Montefalcione della famiglia Petitto seguita da Ilaria e curata da Angelo Valentino: stile elegante, mano sicura. Nella solita disfida annuale tra il Fiano e il Greco abbiamo preferito decisamente il secondo: fresco, di corpo, lungo, un buon equilibrio tra lo stile moderno e il marker minerale di territorio che alla fine lascia poche concessioni piacione. L’annata 2010 è sicuramente più favorevole grazie all’andamento delle piogge, iniziate a ottobre proprio mentre si cominciava a raccogliere il fiano. Donnachiara è una realtà sempre più importante nel panorama irpino, grazie alla passione e alla determinazione di Ilaria esprime buona personalità, la cantina è da non perdere se amate il design moderno e non quello gigioneggiante di mattoncini e barrique finto retrò.
Su tutti i piatti di pesce, citiamo i paccheri con fagioli di Controne, cozze e scuncigli, il robusto spiedino di pesce, l’insalata di polpo e patate, il Greco ha sgrassato e rinfrancato il palato in un abbinamento da manuale. Un grande bianco insomma, da serbare per le prossime feste di Natale, da esigere quando fate i conti con la nostra bella cucina di mare.

Sede a Montefalcione, via Stazione Tel. 0825.977135. www.donnachiara.it
Enologo: Angelo Valentino. Bottiglie prodotte: 50.000. Ettari di proprietà: 10. Vitigni: aglianico, fiano, greco, coda di volpe