Greco di Tufo, cinque bottiglie per cinque interpretazioni | Garantito Igp

Letture: 109
Il colore dei mosti: il Fiano e il Greco (Foto di Lello Tornatore)

In questi ultimi anni si è scritto molto di Fiano di Avellino e non a torto. Verifiche nel tempo e degustazioni coperte ne  hanno rivelato le qualità e la sua incredibile capacità di elevarsi nel tempo.
Come talvolta capita, però, la critica ha l’occhio del bambino: si concentra su quello che ha davanti perdendo di vista il reale nella sua complessità. E il Greco di Tufo, di gran lunga più venduto del Fiano, sembra quasi passare in secondo piano.
Quali sono le tendenze in atto? Si può parlare di una sostanziale omogeneità interpretativa? Il livello qualitativo e gustativo è sempre di altro profilo?
Prima di rispondere, dobbiamo specificare che restringiamo il campo alla docg riservandoci un secondo post sul Greco fuori dal Greco. Non solo nel Sannio infatti si trovano bottiglie capaci di reggere il confronto con chiunque (cito il Trois di Cautiero per tutti), ma anche nella stessa Irpinia ci sono alcune espressioni molto belle, da Cantina Giardino a Antico Castello, per non parlre della Calabria.

Restringendo però il campo alla piccola area di questa denominazione, possiamo individuare queste cinque tendenze che hanno però in comune molto cose, dalla sapidità alla mineralità sulfurea tipica del vitigno coltivato in terre ricche di zolfo, dalla esagerata freschezza al corpo solido, che lo rende un rosso travestito come dimostrano le analisi degli estratti che spesso lo avvicinano a un Piedirosso.

Un tipico grappolo di Greco di Tufo

1-Greco di Tufo 2012, Centrella. Tradizionale ruspante
Una piccola azienda cult molto amata dagli appassionati campani per la sua capacità di esprimere un Greco molto simile a quelli pre-metanolo, quando cioé non c’era l’abitudine di bere il colore bianco-carta. Non è certo un vino facilmente leggibile, ma molto efficace sul cibo. Esce con molta calma.

2-Vigna Cicogna Greco di Tufo 2013, Benito Ferrara. Tradizionale chic
Questa azienda sta al Greco come Clelia Romano sta al Fiano: l’ha fatto conoscere nella versione più artigiana negli anni ’90 e adesso, millesimo dopo millesimo, lavora con un protocollo collaudato che pur non rinunciando alla esuberanza sulfurea è più preoccupato di raggiungere equilibrio e leggibilità. Tra quelli che negli anni evolvono meglio.

3- Nova Serra Greco di Tufo 2013, Mastroberardino. Benchmark
Il riferimento indispensabile per capire l’annata grazie alla esperienza consoldata di un’azienda che ha contribuito a difenderlo e a rilanciarlo commercialmente. Nasce nel vigneto di Montefusco in un’area molto vocata e interessante. I sentori di minerali di zolfo sono più bilanciati dalle note fruttate di pesca gialla e albicocca, in bocca però è sapido, fresco, senza mediazioni piacione.

4-Greco di Tufo 2013, Torricino. Tradizionale moderno
Questa piccolla azienda alle porte di Tufo spinge verso la maturazione per avere un frutto più ricco e più protagonista. La qualità del terreno e la vinificazione attenta ne fanno ormai un riferimento molto interessante soprattutto al palato dove la spinta è inesauribile grazie all’acidità e al sentore salato che contribuisce ad allungarlo notevolmente.

5-Giallo d’Arles 2012, Quintodecimo. Moderno tradizionale
Del vitigno questa esecuzione che prevede l’uso del legno nella vinificazione conserva l’enorme energia che sempre esprime al palato. Il naso invece è quasi esclusivamente puntato sul frutto, pesca gialla e zafferano, sicuramente il più dolce dei cinque ma al tempo stesso con un contraltare in bocca di sapidità e freschezza che lo allinea agli altri quattro.

Pubblicato in contemporanea su
Alta fedeltà
Lavinium
Luciano Pignataro WineBlog
Vinealia
Winesurf

2 commenti

  • Mondelli Francesco

    (4 settembre 2014 - 07:25)

    Analisi come sempre interessantissima,ma sorge spontanea la domanda :se ne vende di più perché se ne produce più del Fiano o semplicemente perché è più richiesto?Comunque è un bel derby di coppa campioni!FM.

    • gp

      (4 settembre 2014 - 18:30)

      Se ne produce di più, nonostante l’area della denominazione sià più piccola di quella del Fiano d’Avellino.
      Dati recenti sulle due denominazioni si possono trovare sul sito http://www.campaniastories.it

I commenti sono chiusi.