Greco di Tufo Docg 2013 – Tenuta del Meriggio | Vincitore a Radici del Sud 2017

5/8/2017 398
Greco di Tufo Docg 2013 Tenuta del Meriggio Vincitore a Radici del Sud 2017
Greco di Tufo Docg 2013 Tenuta del Meriggio Vincitore a Radici del Sud 2017

di Enrico Malgi

Sono bastati pochi attimi, dopo aver parlato con lui, per capire che Bruno Pizza è un vero appassionato ed intenditore di vino. La sua azienda, Tenuta del Meriggio, si trova sulla Serra di Montemiletto a circa 550 metri di altezza proprio a cavallo dei due areali del Greco di Tufo e del Taurasi. Il nome scelto è emblematico, perché vuole richiamare la pacata e dolce atmosfera che si crea in questi ameni e silenziosi luoghi durante i pomeriggi estivi, quando durante la “controra” il tempo qui sembra fermo ed immobile e l’aria è pervasa da un’antica magia. Cantina attrezzatissima e produzione vinicola di qualità rappresentano il fiore all’occhiello di questa azienda, che pur giovanissima è riuscita ad inserirsi in poco tempo nell’élite regionale.

Controetichetta Greco di Tufo Docg 2013 Tenura del Meriggio Vincitore a Radici del Sud 2017
Controetichetta Greco di Tufo Docg 2013 Tenura del Meriggio Vincitore a Radici del Sud 2017

Alla recente edizione di Radici del Sud il Greco di Tufo Docg 2013 è stato premiato con la prima posizione assoluta da parte dei giudici dei Wine Buyers. Solo acciaio e vetro per la maturazione del vino. Gradazione alcolica di dodici e mezzo. Prezzo finale della bottiglia di 14,00 euro.

Colore affastellato da un giallo paglierino carico, quasi dorato. Bouquet espansivo, complesso e traboccante poi di una spiccata personalità aromatica, che esprime finissime fragranze fruttate di agrumi, di ananas, di albicocca, di mela cotogna e di pesca. In aggiunta poi a sfumature speziate di cannella e di chiodi di garofano ed a svolazzi di fiori bianchi. In sottofondo si annusano anche piacevoli effluvi sulfurei e minerali. Palato connotato da un frutto maturo ed armonico. Bocca fresca, morbida ed elegante. Registro succoso, sapido e vivace. Vino nel complesso vibrante, ammaliante, aggraziato e dinamico. Grip reattivo. Il finale si presenta persistente ed ammandorlato e soddisfa pienamente la beva. Da preferire su piatti di mare, come gli spaghetti allo scoglio, risotto alla pescatora ed orata al sale.

 

Sede a Montemiletto (Av) – Contrada Serra 79/81A
Tel. 0825 962199 – Cell. 346 3060060
info@tenutadelmeriggio.itwww.tenutadelmeriggio.it
Enologo: Carmine Valentino
Ettari vitati: 17,50 – Bottiglie prodotte: 60.000
Vitigni: aglianico, greco, fiano, falanghina e coda di volpe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *