Greco di Tufo Quattro Venti docg 2014 Petilia

Letture: 178
Greco di Tufo Quattro Venti Docg 2014 Petilia
Greco di Tufo Quattro Venti Docg 2014 Petilia

Azienda Agricola Petilia
Uva: greco
Fascia di prezzo: 18,00 euro in enoteca
Fermentazione e maturazione: acciaio
Vista 5/5 – Naso 26/30 – Palato 26/30 – Non omologazione 30/35

Si dice che “tre” sia il numero perfetto e difatti tre sono i fratelli Bruno dell’Azienda Agricola Petilia (piccola nuova patria in greco) di Altavilla Irpina: Roberto, Carmine e Teresa. E tre sono anche i vitigni autoctoni soltanto a bacca bianca che sono allevati: greco (in massima parte), fiano e falanghina dal 1999, anno della prima vendemmia, per un’agricoltura biologica non certificata. La passione, l’amore ed il rispetto per il territorio ed il costante impegno profuso, uniti ad un’eccellente materia prima disponibile, hanno portato al conseguimento di pregevoli e prestigiosi risultati in riconoscimenti ed in vendite.

All’ultima edizione di Radici del Sud con solo due etichette presentate i fratelli Bruno hanno conseguito due ottimi piazzamenti: secondo posto assoluto con il Fiano di Avellino e replica con il Quattro Venti Greco di Tufo Docg 2014, premiato dalla giuria nazionale con la seconda piazza ex aequo.

Solo acciaio e vetro per la maturazione del vino, che raggiunge i tredici gradi alcolici.

Controetichetta Greco di Tufo Quattro Venti Docg 2014 Petilia
Controetichetta Greco di Tufo Quattro Venti Docg 2014 Petilia

Bel colore giallo dorato nel bicchiere, con effetti leggermente verdolini ai bordi. Il bouquet è ampio e complesso, in cui emergono subito profumi fruttati di agrumi, di mela verde, di albicocca, di nocciole ed essenze sulfuree e minerali, seguiti poi da un’evidente chiosa odorosa di fiori bianchi, di vegetali e di miele. Bocca ampia, ospitale e fragrante, ricca di sensazioni tattili sapide e di rimembranze fruttate già percepite al naso. Tesa l’acidità che esprime una voluttuosa freschezza palatale. Vitalità gustativa dinamica e strutturata, quasi quanto un vino rosso e senza indulgere in morbide ruffianerie. Finale pulito, elegante e persistente. Ottimo prezzo. Da spendere su piatti  di pesce e/o di carne bianca e rossa e formaggi. Prosit!

Questa scheda è di Enrico Malgi

Sede ad Altavilla Irpina (Av) – Contrada Pincera – Località Campofiorito
Tel. 0825 991696 – 998235 – Fax 0825 998915
teresa.petilia@gmail.itwww.aziendaagricolapetilia.it
Enologo: Roberto Bruno
Ettari di proprietà: 26, di cui 20 vitati – Bottiglie prodotte: 120.000
Vitigni: greco, fiano e falanghina