Grotta di Futa 2007 Barbera del Sannio doc

Letture: 84

‘A CANCLL’ERA
Uva: barbera del Sannio
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Una delle novità sannite più belle di questo 2008. Parliamo dell’azienda agricola ‘A Cancll’era, secondo presidio enologico, dopo i rossi di Marisa Taffuri, nel paese famoso per la ceramiche e gli inconfondibili taralli. Un’azienda inserita in extremis nella ‘Guida completa ai vini del Sannio’ presentata sabato scorso a Cerreto Sannita: il contatto con Giuseppe Lavorgna, il giovane condottiero di questa nuova cantina, c’è stato mentre il lavoro stava prendendo la strada della stampa. Giuseppe e la sorella Imma (che si dedica al versante amministrativo) hanno preso in mano in prima persona il lavoro fin qui condotto dal papà Italo in compagnia della mamma Liliana: sono stati proprio loro a trasmettere ai giovani l’amore per questa terra. Il contatto del marzo scorso tuttavia non è passato inosservato, con l’esplosione registrata poi a fine agosto, in occasione della ‘Festa del Vino’ di Castelvenere. E’ allora – durante il banco d’assaggio riservato a barbera, coda di volpe e piedirosso – che abbiamo potuto apprezzare nella sua totalità la piacevolezza del ‘Grotta di Futa – Barbera Sannio Doc': annata 2007 con frutto di particolare spessore. Il nome è legato al territorio, preso in prestito dalla grotta che ha ospitato Filippo Lavorgna, leggendario fondatore del paese ai tempi delle orde saracene che distrussero la vicina Telesia. Per quanto concerne il calice va detto che si segnala per grande tipicità, in linea con quanto si riscontra nelle produzioni delle cantine castelveneresi: un assalto al naso di frutti rossi del sottobosco e viola, caratteristica che si riconosce con immediatezza anche al palato. Una nota dolce mai stucchevole accompagna bene il sostenuto tasso alcolico del vino, rendendo mai stancante la beva. Per questa prima annata dalla cantina che sorge in una delle zone più suggestive della campagna laurentina (siamo proprio alle porte della terra titernina, ai confini con Castelvenere e San Salvatore Telesino) sono state prodotte solo tre etichette rosse: insieme al barbera anche un Solopaca estremamente interessante, in attesa della maturazione completa dell’aglianico (che uscirà a ridosso delle feste natalizie). Insomma, una piccola realtà aziendale da monitorare costantemente.
Questa scheda è di Pasquale Carlo

Sede a San Lorenzello, via Tratturo Regio, 2
Telefono 0824.814268
Sito: http://www.acancllera.com
Email: info@cancllera.com
Enologo: Giuseppe Lavorgna
Bottiglie prodotte: 10.000
Ettari: 3 di proprietà
Vitigni: aglianico, barbera del Sannio, sangiovese, coda di volpe, trebbiano toscano