Guida Michelin 2015, conosciamo tutte le stelle del Sud: materia prima irraggiungibile, tecnica moderna e tanto cuore

Letture: 242
Michael Ellis, Direttore Internazionale Guida Michelin

Le stelle del Sud nella Guida Michelin 2015: da molti anni ormai l’ex Regno delle Due Sicilia segna punti luminosi nella cartina geografica della gastronomia internazionale. C’è la Penisola Sorrentina, è vero, ma non solo. La Campania è la terza Regione per numero di stelle, la provincia di Napoli la seconda in Italia. C’è dunque un vento del Sud che inzia a soffiare? Sicuramente l’attenzione è cresciuta da quando la tradizione e la materia prima si sono coniugate alle tecniche moderne e all’aggiornamento delle giovani generazioni.
Il mangiare del Sud è caratteristico, intimamente legato al territorio e alla memoria degli abitanti, ancora coniugato allo scorrere delle stagioni e delle ricorrenze (anche se la pastiera ormai si trova tutto l’anno), si basa su grassi di origine vegetale, sull’orto e sui prodotti del mare. In tutta Italia e nel Mondo si moltiplica la presenza di cuochi del Mezzogiorno al lavoro in strutture di primo piano.
Del resto in questi anni è la civiltà dell’olio che preme verso il Nord, così come quella della pasta e del pomodoro. I fondi bruni arretrano, i piatti si colorano di verde e di rosso.
Ecco allora chi le storie delle stelle del Sud, quasi tutte visitate nel corso degli anni da questo blog. Per leggerne basta cliccare sul nome in neretto.

 

Niko Romito, Reale Casadonna a Castel di Sangro

Niko Romito

 

Don Alfonso a Sant’Agata sui Due Golfi

Alfonso e Mario Iaccarino

Torre del Saracino a Vico Equense

Gennaro Esposito

Taverna Estia a Brusciano

Francesco Sposito Taverna Estia – Brusciano (Napoli) Linguine alle alghe marine con aglio, olio e peperoncino


Quattro Passi a Massa Lubrense

lo Chef Antonio Mellino con la sua creazione e una magnum di Cuvée Louise 1990

Capri Palace a Capri

Andrea Migliaccio con il direttore Ermanno Zanini

Mosaico dell’Hotel Manzi a Ischia

Nino Di Costanzo

 

_________
CAMPANIA
_________

Oasis-Sapori Antichi a Vallesaccarda

Nicola Fischetti

 

Marennà a Sorbo Serpico

Paolo Barrale, chef di Marennà

 

Kresios a Telese Terme

Giuseppe Iannotti

 

Le Colonne a Caserta

Rosanna Marziale

Vairo del Volturno a Vairano Patenora

Lo chef Renato Martino

Il Riccio a Capri

Salvatore Elefante

 


Indaco dell’Hotel Regina Isabella a Ischia

Pasquale Palamaro

Taverna del Capitano a Marina del Cantone

Mariella e Alfonso Caputo

Relais Blu a Massalubrense

Roberto Allocca

 

Il Comandante dell’Hotel Romeo a Napoli

Salvatore Bianco

 

Palazzo Petrucci a Napoli

Michele Leo e Lino Scarallo

 

Sud a Quarto

Marianna Vitale

Il Buco a Sorrento

Peppe Aversa con lo staff

 

Terrazza Bosquet a Sorrento

Nicoletta Gargiulo e Luigi Tramontano

President a Pompei

Paolo Gramaglia e la moglie Laila

 

L’Accanto a Vico Equense

Vincenzo Guarino

Antica Osteria Nonna Rosa a Vico Equense

Peppe Guida

 

Maxi a Vico Equense

Domenico Iavarone e Oliver Glowig (Foto Lorenza Vitali Witaly

 

Mammà a Capri

Salvatore La Ragione

 

La Caravella ad Amalfi

Antonio Dipino

Locanda Severino a Caggiano

Vitantonio Lombardo

 

Il Papavero a Eboli

Fabio Pesticcio

Il Faro di Capo d’Orso a Maiori

Pio, Luigi e Pierfranco Ferrara

 

Casa del Nonno 13 a Mercato San Severino

Raffaele Vitale

Le Trabe a Paestum

Peppe Stanzione

 

La Sponda a Positano

Matteo Temperini

Zass dell’Hotel San Pietro a Positano

Alois Vanlangenaeker (a sinistra) con Nicoletta Gargiulo e Luigi Tramontano

Rossellinis a Ravello

Michele Deleo

 

Il Flauto di Pan a Ravello

Giorgio Vuilleumier con Giovanni De Vivo

_________
ABRUZZO
_________

Magione Papale a L’Aquila

William Zonfa – immagine tratta da www.abruzzolive.it

Villa Maiella a Guardiagrele

Arcangelo Tinari

Al Metrò a San Salvo

i fratelli Fossaceca

La Bandiera a Civitella Casanova

Marcello Spadone e sua moglie Bruna – immagine tratta dal sito www.labandiera.it

Café les Paillotes a Pescara

Davide Pezzuto


_______
PUGLIA
_______

Il Poeta Contadino ad Alberobello

Il patròn Leonardo Marco

Pashà a Conversano

Maria e Antonello Magistà

Angelo Sabatelli a Monopoli

Angelo Sabatelli

Umami ad Andria

Felice Sgarra

Già Sotto l’Arco a Carovigno

Teodosio Buongiorno

Al Fornello-da Ricci a Ceglie Messapica

Vinod tra Antonella e Rossella Ricci

________

CALABRIA
________

Antonio Abbruzzino a Caranzaro

Antonio Abruzzino

Dattilo a Strongoli

Caterina Ceraudo – foto di Giulia Cannada Bartoli

Gambero Rosso a Marina di Gioiosa Jonica

Riccardo Sculli – immagine tratta da www.calabriagood.it

L’Approdo a Vibo Marina

Agostino Bilotta

Un commento

  • Giuseppe De Tursi

    (10 novembre 2014 - 17:00)

    Congratulazioni a tutti, La Calabria che crede e lavora.

I commenti sono chiusi.