Cinque osterie di Roma che piacciono a Slow Food

Letture: 1967
Le Chiocciole 2017 a Roma
Le Chiocciole 2017 a Roma

di Virginia Di Falco

Eccola, come ogni anno, pronta all’appello della stagione delle Guide.
La Guida delle Osterie d’Italia  Slow Food nel 2017 esce sostanzialmente con la stessa filosofia dei trent’anni precedenti, ma rimarcando con più forza l’elemento della cucina che recupera le tradizioni e la cultura del territorio. Molto più – sottolineano i curatori Marco Bolasco ed Eugenio Signoroni – di quella soglia dei 35 euro che era uno dei criteri di ingresso. La spesa contenuta resta sicuramente uno dei parametri della guida, ma – a partire dall’attribuzione delle Chiocciole – l’attenzione è tutta spostata sul carattere identitario, quotidiano, di queste tavole.

In attesa dunque di poter spulciare le novità 2017 (la Guida sarà in libreria a partire dal 28 settembre) diamo volentieri una ‘ripassatina’ alle cinque osterie di Roma che nell’ultima edizione hanno confermato la Chiocciola.

Armando al Pantheon, l'amatriciana
Armando al Pantheon, l’amatriciana

Partiamo da quella di più vecchia fondazione, Armando al Pantheon, accanto ad uno dei monumenti più belli della capitale da ben 55 anni e una bella eredità di cucina tradizionale portata avanti dalla famiglia Gargioli. Rispetto più che filologico delle ricette romane: alle loro origini storiche Claudio ha addirittura dedicato un «Menu letterario», libro interessante e curioso di ricerca gastronomica e racconti da vecchia osteria.

Armando al Pantheon, il libro delle ricette
Armando al Pantheon, il libro delle ricette

Un’altra vecchia conoscenza di Slow Food (Marco Bolasco fu tra i primi a parlarne) l’osteria Da Cesare al Casaletto, che di una trattoria degli anni Sessanta ha recuperato la sede e, soprattutto, lo spirito, aggiornando lievemente ma sempre con rispetto, i piatti della cucina romanesca. L’atmosfera è molto accogliente, tanto in sala che – quando è stagione- all’aperto sotto il pergolato, e l’offerta dei vini sempre aggiornata.

Da Cesare, la minestra broccoli e arzilla
Da Cesare, la minestra broccoli e arzilla

A due passi due da Campo de’ Fiori, in pieno centro turistico, resiste eroicamente un altro baluardo della tradizione: Al Grappolo d’Oro. E resiste non solo sul fronte della cucina di una volta, quella quotidiana che segue un po’ il calendario settimanale un po’ il mercato; ma anche per l’atmosfera slow e la ricerca di prodotti del territorio (impossibile non provare l’abbacchio, ad esempio).

Al Grappolo d'Oro, lo scottadito
Al Grappolo d’Oro, lo scottadito

Osteria del Velodromo Vecchio. E poi c’è l’osteria verace di quartiere, anche questa una vecchia conoscenza di chi da sempre ama lo stile slow: pochi tavoli, arredo semplice, la dimensione del ‘cibo lento’ importante quasi quanto quella delle chiacchiere tra amici fatte durante il pasto. Anche qui trovate tutto il manuale classico della cucina romanesca interpretato sempre con garbo e competenza.

Velodromo Vecchio, la coda
Velodromo Vecchio, la coda

E chiudiamo con il fuoriporta, l’Osteria del Borgo a Cesano, dove tutto, dal sorriso dell’oste all’arredamento old style, ricorda le vecchie osterie di una volta. E’ qui, infatti, da 85 anni, con il suo legno scuro, il camino di pietra nella sala centrale e i tanti ricordi alle pareti. Nulla di artificiale e artificioso e un’impressione di genuinità che accompagna dall’inizio alla fine, anche negli affollati pranzi della domenica. Una cucina autentica, a partire dalle ricette che ormai a casa non si ha più il tempo o la conoscenza per farle.

Osteria del Borgo, cotiche e fagioli
Osteria del Borgo, cotiche e fagioli

Un commento

  • barbara_k

    (28 settembre 2016 - 09:52)

    ci sarebbe molto altro da dire in realtà sui nomi che slowfood continua a inserire in guida anno dopo anno su Roma. cesare al casaletto, buono, ma dopo i fasti dell’inizio il livello non è più lo stesso, anche nei cavalli di battaglia. osteria del velodromo, forse valida 10 anni fa, ma da tempo è ampiamente fuori dai radar di chi cerca un indirizzo di cucina tradizionale romana che sia affidabile. Osteria del Borgo, ok, per carità, cucina e ingredienti di livello, ma è proprio la celebrazione di quella rusticità artificiale e artificiosa, e un po’ leccatina, ottima per attirare la clientela della Cassia. Ricette autentiche,sì, e poi a fianco una selezione di carni da super gastrofighetti. che mi va bene per carità, ma non capisco cosa centri con lo spirito della chiocciola

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>