Guida Amalfi: ristoranti e vini da non perdere

Letture: 210
Amalfi, il Duomo

di Marina Alaimo

Amalfi è abitata da un popolo fiero che ha saputo scrivere una storia importante a difesa della propria autonomia e di una duratura egemonia sulle tratte commerciali via mare.

Isolata dalle vie di terra dalla barriera dei Monti Lattari ha dovuto scegliere la via dell’acqua per inseguire le proprie ambizioni commerciali ed espansionistiche. Infatti gli amalfitani sono stati rinomati navigatori e pescatori che celebrano ogni anno il proprio forte legame con il mare attraverso la spettacolare regata storica dei galeoni nel mese di giugno. Su terrazze strappate faticosamente alla roccia gli amalfitani hanno impiantato abilmente la vite ed i limoni, disegnando un paesaggio unico e mozzafiato. Imperdibile è quindi una visita al limoneto storico nella Valle dei Mulini dell’az. agr. CATA (www.cata.amalfi.it via delle Cartiere 55, tel.089 872334) produttrice di limone sfusato amalfitano e di un ottimo limoncello.

Sarà una esperienza unica ed indimenticabile recarsi nei vigneti nella vicina Tramonti, dotati di piante centenarie di tintore pre fillossera:

Tenuta San Francesco via Solficiano 18  loc. Freccia,Tramonti (SA), tel. 089 876748 www.vinitenutasanfrancesco.it

Gaetano Bove

Monte di Grazia via Orsini 36 Tramonti (SA), tel. 089 876906 www.montedigrazia.it

Alfonso Arpino

Az. Agr. Reale via Cardamone 75 Tramonti (SA). Tel. 089 856144 www.aziendaagricolareale.it

Luigi Reale

 

Amalfi è anche regno del gusto con la sua pasticceria golosissima e una ristorazione rinomata. La famosa delizia al limone potremo assaggiarla al caffè storico Pansa (piazza Duomo Amalfi, tel. 089 871065 www.pasticceriapansa.it) dove saremo rapiti dalla bellezza degli arredi di fine ottocento e dai tanti prodotti offerti.

Divertente e distensivo è lo shopping lungo le stradine del centro ricche di negozietti e botteghe caratteristiche. La ceramica locale da Milleunaceramica via Capuano 36.

Il pane e la pizza a taglio nel vecchio panificio Apicella via Lorenzo D’Amalfi 27.

Per acquistare del buon pesce fresco c’è la pescheria C.I.C.A. in via Vescovo Pimenio 6.

Per mangiare avremo solo l’imbarazzo della scelta. Proprio sulla spiaggia nel vecchio bagno di famiglia con vista sul mare Gianpaolo Esposito conduce il ristorante Marina Grande (www.ristorantemarinagrande.com via della Regione 4 Amalfi, tel. 089 871129) proponendo una cucina contemporanea con il pescato della costa ed offre ancora un buon servizio spiaggia.

Gianpaolo Esposito patròn del Marina Grande

Dentro il porto c’è il famoso ristorante Lido Azzurro con cucina tipica di mare ( www.ristorantelidoazzurro.it Lungomare Cavalieri 5 Amalfi, tel. 089 871384).

Antonio Pisani, alias Bijoux

Raffinata ed esclusiva è la cucina del ristorante La Caravella di Antonio Dipino (www.ristorantelacaravella.it via Matteo Camera 12 Amalfi, tel. 089 871029), primo stellato in Campania.

Antonio Dipino

Per dormire le offerte sono tante. Delizioso è l’hotel Villa Lara immerso tra i limoneti (www.villalara.it via delle Cartiere 1 Amalfi, tel. 089 8736358).

All’insegna  della bellezza  Hotel Santa Caterina s.s. Amalfitana 9, tel. 089 871012 www.santacaterina.it

Poco distante da Amalfi a Furore è possibile dormire a prezzi contenuti all’agriturismo Sant’Alfonso in una vecchia casa colonica con ristorante (www.agriturismosantalfonso.it via Sant’Alfonso 6 Furore SA, tel. 089 830515.

Gran dormire e mangiare, ancora, nella vicina Conca dei Marini al Convento Santa Rosa, sapientemente restaurato, dove in cucina c’è Christoph Bob (Via Roma, 2 Tel. 089.8321199 monasterosantarosa.com).

Per gli amanti della cucina tradizionale, alla portata di tutti, imperdibile a Pogerola la trattoria delle sorelle Rispoli nata nel 1947.