Guida Vini Gambero Rosso 2011. Visioni da Sud: i Tre Bicchieri in Campania, Abruzzo, Puglia, Sicilia e Sardegna

Letture: 51
Daniele Cernilli

Ecco l’elenco dei premiati dalla Guida Vini 2011 del Gambero Rosso diretta a Daniele Cernilli

CAMPANIA

Centomoggia ’08 Terre del Principe 
Cupo ’08 Pietracupa 
Falerno del Massico Bianco V. Caracci ’08 Villa Matilde 
Fiano di Avellino ’09 Colli di Lapio 
Fiano di Avellino ’08 Ciro Picariello 
Feudi di San Gregorio Fiano di Avellino Pietracalda  ’09 
Fiano di Avellino Vigna della Congregazione ’08 Villa Diamante  
Cantine dell’Angelo Greco di Tufo ’09 
Greco di Tufo ’09 Pietracupa 
Greco di Tufo Tornante ’09 Vadiaperti 
Greco di Tufo V. Cicogna ’09 Benito Ferrara 
Montevetrano ’08 Montevetrano 
Taurasi ’06 Di Prisco 
Taurasi ’05 Perillo 
Taurasi ’06 Urciuolo 
Taurasi Radici ’06 Mastroberardino 
Taurasi Radici Ris. ’04 Mastroberardino 
Taurasi Vigna Cinque Querce Ris. ’05 Salvatore Molettieri 
Terra di Lavoro ’08 Galardi 

ABRUZZO
Iskra ’05 Marina Cvetic 
Montepulciano d’Abruzzo ’06 Valentini 
Montepulciano d’Abruzzo ’08 Villa Medoro 
Montepulciano d’Abruzzo Cerasuolo ’09 Valentini
Montepulciano d’Abruzzo Cocciapazza ’07 Torre dei Beati 
Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane
Zanna Ris. ’07
Dino Illuminati 
Montepulciano d’Abruzzo San Calisto ’07 Valle Reale 
Montepulciano d’Abruzzo Tonì ’07 Luigi Cataldi Madonna 
Montepulciano d’Abruzzo Vignafranca ’07 F.lli Barba 
Pecorino ’08 Luigi Cataldi Madonna 
Trebbiano d’Abruzzo ’08 Valentini 
Trebbiano d’Abruzzo Castello di Semivicoli ’08 Masciarelli 
Trebbiano d’Abruzzo V. di Capestrano ’08 Valle Reale 

PUGLIA

Castel del Monte Rosso V. Pedale Ris. ’07 Torrevento
Gioia del Colle Muro Sant’Angelo Contrada Barbatto ’07 Chiaromonte
Gioia del Colle Primitivo ’07 Polvanera
Masseria Maime ’08 Tormaresca
Nero ’07 Zecca
Primitivo di Manduria Es ’08 Fino
Primitivo La Signora ’07 Morella
Rasciatano Nero di Troia ’08 Rasciatano
Salice Salentino Rosso Donna Lisa Ris. ’06 Leone de Castris
Salice Salentino Rosso Selvarossa Ris. ’07 Due Palme

SICILIA

Cabernet Sauvignon ’08 Tasca d’Almerita 
Cartagho Mandrarossa ’08 Settesoli 
Cometa ’09 Planeta 
Etna Rosso ’07 Cottanera
Etna Rosso Archineri ’08 Pietradolce 
Etna Rosso Santo Spirito ’08 Terre Nere 
Etna Rosso Sciarakè ’08 Destro
Faro Palari ’08 Palari 
Harmonium ’08 Firriato 
Marsala Vergine Ris. ’81 Pellegrino 
Nero d’Avola Versace ’08 Feudi del Pisciotto 
Neromàccarj ’07 Gulfi
Sàgana ’08 Cusumano 
Saia ’08 Feudo Maccari 
Tancredi ’07 Donnafugata

20 commenti

  • marco contursi

    (6 ottobre 2010 - 15:32)

    il beneventano nessuna eccellenza come pure la costiera.Fior d’uva?Taurasi di Caggiano? così per dirne due a vol che non vedo….

  • luigi grimaldi

    (6 ottobre 2010 - 15:41)

    Credo che si sia sbagliato Pignataro: questa è la guida 2010!
    Che palle, ma per questi signori del Gambero non è cambiato nulla in questi anni?

  • Lello Tornatore

    (6 ottobre 2010 - 15:47)

    E Tecce, naturalmente per il Taurasi, dov’è?

  • ViK

    (6 ottobre 2010 - 15:52)

    Montefredane Rules!

  • domenico sarno

    (6 ottobre 2010 - 15:56)

    grazie a nome dei cilentani…la vergogna delle guide…prezzolati

    • Paolo De Cristofaro

      (6 ottobre 2010 - 15:58)

      signor Sarno, andiamoci piano cortesemente.
      dissentire sì, insultare no. grazie.

    • marco contursi

      (6 ottobre 2010 - 16:04)

      sei cilentano Domenico?comunque concordo con te sul fatto che il cilento sia spesso bistrattato dalle guide.

  • beppe

    (6 ottobre 2010 - 15:59)

    sopportabile solo in virtù, o meglio, sotto la copertura del cosidetto pluralismo. Poi ognuno ha i suoi occhi per il resto…

  • domenico sarno

    (6 ottobre 2010 - 16:12)

    Signor De Cristofaro,scusi ma e’ che l’entusiasmo a volte mi piglia un po’ la mano….e’ stato solo un commento istintivo.Buon lavoro….

  • Angelo Di Costanzo

    (6 ottobre 2010 - 17:25)

    Se non ne fossi stato convinto sin dal suo primo assaggio dalla sua uscita sul mercato avrei fatto un applauso grosso così per aver premiato il Pietracalda dei Feudi, mi limiterò ad un complimenti! per la visione ampia sull’argomento Fiano e sue interpretazioni.

    Per tutto il resto, apprezzo molto il merito al Caracci ’08 di Villa Matilde.

    P.S.: possiamo esser pro e contro le guide, ma ne rimaniamo sempre affascinatissimi!

  • Diabolik

    (6 ottobre 2010 - 18:25)

    per Lello Tornatore….se non si inviano i campioni e NON SI CACCIANO I SOLDINI, niente Paradiso, tutti all’Inferno!!!

    • Lello Tornatore

      (6 ottobre 2010 - 21:40)

      Non capisco, e poi chi è Diabolik?

  • gp

    (6 ottobre 2010 - 18:25)

    Il Villa Diamante 08? Naso minerale e agrumato e bello; bocca equilibrata (però con un’acidità, per la verità, un po’ stemperata, il che *potrebbe* non piacere), sapida, con finale lungo di frutta secca e di fumé, che si addice al territorio. Un’ennesima sperimentazione.

  • gp

    (6 ottobre 2010 - 18:37)

    il lupo perde il pelo ma non il vizio…

  • pinuccio alia

    (6 ottobre 2010 - 18:52)

    . la Calabria completamente dimenticata. eppure a me che di vino vivo, non sembra che in questa terra non ci siano vini degni dei 3 bicchieri. non voglio far nomi. non serve. chi conosce i vini di Calabria i nomi li conosce bene.
    una proposta però voglio farla: per qualche anno non scriviamo più di vini.abbasiamo le luci.
    forse succederà che il vino si tornerà a bere.

  • gp

    (6 ottobre 2010 - 20:08)

    @pinuccio: oppure scriviamo una guida seria ai vini di calabria…

  • piergiovanni

    (6 ottobre 2010 - 21:23)

    In Calabria ci saranno 2 tre bicchieri (in basilicata 4), i nomi non sono ancora stati resi noti.

  • ENRICO MALGI

    (6 ottobre 2010 - 21:46)

    Tutto è relativo e soggettivo quando si stendono queste classifiche. Una cosa certa è che la Campania comunque è posizionata benissimo e per la prima volta, se non erro, ha superato pure la Sicilia nel numero dei tre biccchieri e, quindi, risulta essere la capofila meridionale e questo non è poco…Abbracci.

  • rosario mattera

    (7 ottobre 2010 - 09:55)

    Credo che il dato imporatnte, fatto rilevare anche da enrico malgi, sia appunto la crescita della Campania fra le regioni del sud, anche se consordo anch’io sul fatto che altri areali, penso al sannio o al cilento, qualche considerazione in più forse l’ avrebbero meritata.
    Per il resto mi sembra una guida molto political correct, nel senso di un giusto mix tra nomi storici ed emergenti: Si poteva fare di meglio? Non lo so, ognuno di noi ha il suo vino del cuore e quindi immagino all’uscita di ogni guida i vari guelfi e ghibellini schierarsi sulla bontà o meno di questa o quella guida.
    Infine un ultima considerazione, non credete che ormai per come viaggia il vino sul web le guida abbiano fatto il loro tempo? Così come il vecchio classico rappresentante con tanto di valigetta a cercare di vendere vino come se fosse il folletto…

  • Angelo Di Costanzo

    (8 ottobre 2010 - 00:25)

    Cara Giulia, attenzione a non confondere e generalizzare, Il problema non è e non sarà mai chi vende, ma chi compra! Lasciamo stare i loghi comuni…

    Se devo curarmi una malattia specifica non vado dal medico di famiglia per risparmiare i soldi della visita specialistica, c’è il rischio di rimanerci.

    Sulla valigetta degli assaggi lasciamo stare, altro luogo comune e fanatismo che piace tanto agli americani. Ognuno è libero di pensarla come vuole, ma come si dice dalle mie parti O’pesce fete da’capa…

    Off Topic – P.S.: che sta per Pubblicità a questo Sito;
    Chiedetevi cos’era la comunicazione del vino – in Campania – prima di questo wineblog e soprattutto quello che sarà tra qualche tempo “della gastronomia” – qualcuno se n’è reso conto? – quando la mappatura in atto messa in campo da Luciano sarà organica al fenomeno di rinascita che tutti auspicano ma che molti balbettano a mettere in atto. Guardare avanti non è da tutti!

I commenti sono chiusi.