I fagioli di Sarconi e il canestrato di Moliterno

Letture: 112
I fagioli di Sarconi

Un viaggetto comodo per scoprire ai confini della Campania la Val d’Agri, la valle dei prodotti tipici: fagioli di Sarconi e canestrato di Moliterno in primo luogo, e poi ancora il vino della nuova doc, alcuni salumi e poi ancora miele, olio extravergine d’oliva e mele. Un piccolo comprensorio del gusto ben identificato e ancora sconosciuto, sul quale la Regione Basilicata ha investito molto e che costituisce una piacevole scoperta a chi vuole uscire dai depliant e dai franchising radical-chic.

Ci si arriva lasciando l’autostrada Salerno-Reggio a Polla, si gira a sinistra verso Atena Lucana (la cui uscita è chiusa ancora per lavori) e imboccando la superstrada Val d’Agri: da Napoli circa 170 chilometri in tutto. Una valle in cui una dozzina di comuni appollaiati sulle colline costituiscono le terrazze ricche alla vista e al gusto. Siamo proprio nel periodo giusto per i fagioli di Sarconi Igp (Indicazione Geografica Protetta) rivalutati dall’agenzia regionale: i produttori sono saliti da 12 a 42, gli ettari da 11 a 51, la produzione da 110 a 950 quintali. Il loro prezzo al chilo è intorno 10-12 euro nei negozi specializzati.

Li potete trovare da Domenico Belisario a Contrada Vallicarossa (tel. 0975.66280) di Sarconi, Michele Bove a via Mario Pagano di Villa d’Agri (tel. 0975.354062), Giovanni Di Trani a Contrada Ciciriello di Paterno (tel. 0975.65333). Tra le prescrizioni del disciplinare: la semina a giugno, la raccolta a mano, metodo biologico.
Il Consorzio di Tutela è presieduto da Terenzio Bove e si trova a Sarconi.

Canestrato di Moliterno

Moliterno ha il nome che spiega tutto: viene sicuramente dal latino “mulcrum” e vuol dire mungere. Cosa? Il latte alle pecore (70% minimo) e delle capre lavorato intero e crudo per fare il canestrato la cui produzione è consentita tra il 25 dicembre e il 30 giugno. La stagionatura avviene nei fondaci del paese per almeno tre mesi. Il riferimento è naturalmente il Consorzio di Tutela (tel. 0975.668061, 339.1234561) diretto da Antonio Pugliese. In paese trovate il formaggio, tra gli altri al caseificio La Prima (tel. 0971.955112), Donnarosa (tel. 0975.65390), e Maria Santoro (tel. 0975.67035).

A chi vuole fermarsi segnaliamo gli agriturismi Il Querceto a Marsicovetere (tel. 0975.69339), Vignola (tel. 0975.342511), Il Fagiolo d’oro a Sarconi (tel. 0975.66400), La Vecchia Fattoria a Moliterno (tel. 0975.67327) e Al Parcoverde a Grumento Nova (tel. 0975.65590). Per i salumi, tra cui un prosciutto da non perdere, l’indirizzo giusto è a Marsicovetere da Giocoli (tel. 0975.352074 e 314700) mentre a 300 metri dagli scavi romani di Grumentum e dal museo nazionale, New Ager (0975.65075) è l’azienda giusta per provare le mele della Val d’Agri.