Tredici piatti davvero indimenticabili di questa estate indimenticabile

Letture: 210
Estate 2015
Estate 2015

I dieci piatti migliori dell’estate di due mesi da incorniciare? No, sono almeno tredici! Sfidiamo anche la cabala.
Si sta chiudendo una bellissima stagione per il turismo italiano. Tutto pieno, sembra di essere tornati al periodo che ha preceduto la tragedia delle Torri Gemelle. C’è tanto fermento anche nella gastronomia e i piatti migliori per me sono sempre quelli senza carne, nei quali la tecnica è al servizio della materia e non viceversa, materia vegetale e marina, autentica e non seriale, presentata nel modo più essenziale possibile.

13- IL GAMBERO ROSSO DI MARINA DI GIOIOSA IONICA

Gambero Rosso, spigola con chips di patata viola e carciofo
Gambero Rosso, spigola con chips di patata viola e carciofo

Sicuramente il pranzo di mare dell’anno, un incrocio perfetto di crudo e cotto, Jonio e Tirreno, pesce e ortaggi, pesce e pasta. Di tutti questa sontuosa portata che ci ricorda quanto sia buono il pesce azzurro ma la spigola tanto di più.

__________________________________________
12-VILLA CHIARA ORTO E CUCINA A VICO EQUENSE

Villa Chiara Orto e Cucina, triglie scottate legermente con salsa di ricotta, ricci di mare zucchine e alghe
Villa Chiara Orto e Cucina, triglie scottate legermente con salsa di ricotta, ricci di mare zucchine e alghe

La cucina frizzante e peperina di Faby Scarica mi è piaciuta molto. Questo piatto di materia, tecnica e coraggio è sicuramente quello che resta sopra ogni cosa di un bel pranzo sotto il pergolato di questa struttura.

______________________
11-KRESIOS A TELESE TERME

Kresios A tutto sgombro
Kresios A tutto sgombro (Foto Tommaso Esposito)

Giuseppe Iannotti ha tecnica che a volte sconfina nel virtuosismo, ma abbiamo goduto di una cena perfetta per musicalità, ritmo, cibo e atmosfera, sicché questo è il piatto che ci ha divertito di più anche per il gioco di consistenze. Quando si dice un piatto con le palle.

_______________________
10-ABBRUZZINO A CATANZARO

Abruzzino, carciofo
Abruzzino, carciofo

Il giovane dell’anno per l’Espresso non ci ha deluso quando siamo andati. Il piatto vegetale è quello che ci ha colpito di più mentre il padre Antonio diceva: “Io non sarei mai stato capace di portare a tavola un carciofo senza pesce o carne”.
_______________
9-MAMMA’ A CAPRI

Mammà, scorfano con peperoncini verdi e fagiolini su salsa di pomodoro
Mammà, scorfano con peperoncini verdi e fagiolini su salsa di pomodoro (Foto Francesca Marino)

Si fa presto a dire scorfano, ma quando questa carne tradizionalmente abbinata al pomodoro finisce nelle mani di Gennaro e Salvatore il piatto decolla, impenna.

_____________
8-SUD A QUARTO

Sud, gambero rosso guacamole, ricci e verdure
Sud, gambero rosso guacamole, ricci e verdure (Foto Francesca Marino)

Scoppiettante come sempre la cucina di Marianna Vitale che certo non poteva mancare in questo album di ricordi. Ci è piaciuta tanto la fusion orto mare unita all’acidità, alla sapidità e alla leggerezza del piatto.

________________________
7-DON ALFONSO A SANT’AGATA

Don-Alfonso-1890 Le verdure delle Peracciole
Don-Alfonso-1890 Le verdure delle Peracciole (Foto Teresa Mincione)

Sempre più sicuro Ernesto, sempre più importante il pionieristico discorso di puntare su materia prima tracciata e di propria proprietà che regala sapori inimitabili a piatti semplici ed essenziali come questo.

___________________________
6-RELAIS BLU A MASSA LUBRENSE

Relais Blu, La primavera...carpaccio di zucchine con insalata di verdure cotte e crude ed emulsione alle carote
Relais Blu, La primavera…carpaccio di zucchine con insalata di verdure cotte e crude ed emulsione alle carote (Foto Giustino Catalano)

La presentazione è un po’ barocca, risente della imponente influenza estetica esercitata da Nino Di Costanzo negli ultimi anni in Campania, ma il piatto esprime sapore e semplicità, anche essenzialità. Davvero una bella stagione anche per Roberto Allocca a cui va un bonus per aver dovuto sopportare Pagano e l’incantatore di Stelle.

__________________________
5-MARENNA’ A SORBO SERPICO

Marennà, riso, prezzemolo e cozze, salsa all’aglio dolce e limone confit
Marennà, riso, prezzemolo e cozze, salsa all’aglio dolce e limone confit (Foto Lello Tornatore)

A sorpresa, e contro la mia volontà politica, entra anche un risotto, ed è quello di Paolo Barrale non solo per la cottura, ma anche per la straordinaria spinta e la capacità di coniugare la tecnica ai sapori ancestrali napoletani. Una meraviglia che conferma il bel momento del nostro Paolone.

___________________________
4-IMAGO DELL’HASSLER A ROMA

Imago, Vermicelli di soia al sugo di ricciola e cozze
Imago, Vermicelli di soia al sugo di ricciola e cozze (Foto Albert Sapere)

Anche questa magnifica struttura sarebbe pronta per grandi riconoscimenti grazie anche ad una visione davvero internazionale che però non perde mai le sue radici italiane. Questo piatto è pazzesco per intensità di sapore e leggerezza. Il vermicello non fa altro che esaltare il ragù di mare. Pazzesco.

_________________________
3-TAVERNA ESTIA A BRUSCIANO

Taverna Estia, liquirizia e zucca
Taverna Estia, liquirizia e zucca

L’unico dolce di questa carrellata è di Francesco Sposito, un equilibrio assolutamente perfetto, l’abbinamento geniale, incredibile la sua lungimiranza sulla materia. Clap clap, clap

________________________
2-ROSSELINIS A RAVELLO

Rossellini's, la pasta e piselli con gambero viola
Rossellini’s, la pasta e piselli con gambero viola

Ci sono grandi aspettative per questa cucina e per la struttura e noi speriamo che si avverino perché le merita tutte. E’ suo l’unico vero piatto di pasta sconvolgente di questa estate. Michele Deleo è nella maturità ma non ha ancora esaurito la sua vena creativa.

______________________________
1- NIKO ROMITO A CASTEL DI SANGRO

Reale Casadonna Niko Romito, mandorla e misticanza alcolica
Reale Casadonna Niko Romito, mandorla e misticanza alcolica

Non basterebbe un libro per spiegare il primo posto: equilibrio, amaro, freschezza, gioco di consistenze, uso sapiente della mandorla (che abbiamo già visto replicato in giro), coraggio non solo di presentare il vegetale, ma il vegetale più povero, che mai avrebbe dignità di piatto se non ci fosse una nuova sensibilità sulla materia prima.

**************************
Bene, questa è stata la mia bella estate. E potete capire perché mi sposto sempre più malvolentieri:-)
Potrei aggiungere anche la pasta al forno di mia sorella con la quale mi sono arricreato a Ferragosto, ma qui si parla di ristorazione pubblica:-)
E voi, fringuelline e fringuellini? Avete bei ricordi?

4 commenti

  • Giancarlo

    (6 settembre 2015 - 17:20)

    si, salsicce e friarielli in mezzo al pane cafone…

  • Marco Contursi

    (6 settembre 2015 - 22:05)

    L’aragosta appena presa dal Paisà ad Agnone,la linguina alle cozze e aria di limone di Cetaria e il tubettone coi totani di Armandino(resta per me,il pezzo più (tristemente) bello scritto da me).Come Dolce senza dubbio la caprese con crema di fichi bianchi dello Sciabecco e il tiramisu antico di Mammagrazia.Come secondo,le alici fritte mangiate sul porto di pisciotta ieri sera…..che buone che erano….

  • michele

    (6 settembre 2015 - 22:38)

    concordo con marco!

  • Il Gastronauta

    (6 settembre 2015 - 23:23)

    Uno su tutti………x me Naturalmente …..

    mandorla e misticanza alcolica di Niko Romito !!!!

    Anche Francesco Apreda

    Imago, Vermicelli di soia al sugo di ricciola e cozze !!!!

I commenti sono chiusi.