I vini da non perdere > nel Lazio
9

I Pampini ed Il Bellone a Latina

20 novembre 2012

Vincenzo Oliveto

di Paolo Mazzola

Siamo sul litorale laziale, in provincia di Latina, fra Borgo Piave e Nettuno, a 2 Km dal mare, dove si trova l’azienda i Pampini nata nel 1999 ad opera di Carmen Iemma e Enzo Oliveto, già capitano di marina ;  il nome deriva dallo stato in cui i coniugi trovarono la vecchia proprietà con pampini cioè tralci di vite sparsi un po’ ovunque ed  in abbandono . I coniugi Non hanno recuperato i vigneti della vecchia proprietà ed hanno reimpiantato totalmente per  6,5 ettari condotti a cordone speronato,  in biologico con certificazione dal 2004.  I terreni sono limosi/sabbiosi e argilloso silicei e sono a livello del mare; le rese dagli 80 ai 120 q.li/ha per il Bellone, più basse per le uve da vitigni internazionali, in particolare per il Cabernet Sauvignon; l’enologo è Carlo Roveda.

Azienda I Pampini

L’azienda produce  circa 12.000-15.000 bottiglie di vino, la maggior parte  da vitigni internazionali, Cabernet Sauvignon, Syrah e Merlot, 1 ettaro invece è dedicato al Bellone uva autoctona di questa zona che, ricorda Enzo, entrava spesso nel taglio tradizionale del Frascati per dare struttura, colore ed acidità.

Bellone 2011

Il primo  a produrre vino da uve Bellone in purezza e credere nella valorizzazione del vitigno è stato proprio Enzo Oliveto; oggi nell’area di  Cori vi sono Carpineti, tra l’altro anche con il Brut, possibile per l’ acidità tipica del le uve di questo vitigno  e Cincinnato (ottimo il brut da Bellone) fra le cantine più grosse a credere nella sua valorizzazione.

Due le etichetta dell’azienda dedicate a quest’uva:  il Bellone e il Maroso.

Filari ordinati 4000 piante ettaro a cordone speronato

Questo vitigno in zona è denominato anche Cacchione  perché produce tanti germogli, con bassissima fertilità basale, con il 1°occhio sterile, in collina, cioè nella zona di Cori è denominata uva pane, con acino dalla buccia spessa, quasi croccante.

Bellone 2011: annata calda,  da tener presente comunque che sul litorale si realizzano  buone escursioni termiche, a vantaggio del corredo aromatico del vino prodotto.  13 °alc. la gradazione, ed un’acidità sui 6,5 g/l.Bel colore vivace giallo paglierino, sensazioni olfattive intense, che sono frutto dell’annata e della raccolta  probabilmente in leggera surmaturazione, soprattutto se rapportate a quelle tipiche del vitigno che sono abbastanza contenute.  Agrumi, pompelmo ed arancio e  confettura di mele i descrittori principali, in sottordine sensazioni floreali di tiglio. Al palato si rivela  l’altra caratteristica tipica  oltre all’acidità abbastanza sostenuta, la struttura assolutamente non banale. Quindi un vino fresco e strutturato, con intensa persistenza aromatica. Veramente interessante!!

 

Vigne de I Pampini

Bellone 2010: Annata meno calda della precedente e comunque uve raccolte a  maturazione giusta. Medesimo colore giallo paglierino, sensazioni olfattive di intensità abbastanza contenuta, floreali innanzitutto, di tiglio e biancospino e fruttate,  agrumi e  pera bianca, seguite da note balsamiche. Al palato rivela una complessità superiore al precedente e alla freschezza e alla buona struttura si aggiunge una non  comune sapidità.

Bellone 2012: Da serbatoio di fermentazione conferma struttura ed acidità sostenuta. La raccolta 2012 , effettata dall’8 settembre,  a parere di Enzo dovrebbe fornire un vino più equilibrato  nelle sue componenti aromatiche per le buone escursioni termiche che si sono realizzate.

Maroso 2010: prodotto in 1000 bottiglie,  un blend fra vino  affinato in barrique e in acciaio.

Abbiamo poi partecipato alla festa del Vino Novello 2012, prodotto da uve Syrah. Il pranzo, molto originale proposto da Carmen Iemma e  dalle Cuoche Cuocarine  prevedeva polenta pasticciata, castagnaccio, maiale al forno e tanti altri piatti tipici.

Il pasticciaccio e la zuppa di lenticchie

Una vera realtà artigiana alle porte di Roma!!!

Marta, Marcello ed il Novello 2012

Domenica 18 Novembre alle ore 11 e30, c/o il parco  Aldo Moro a Ciampino  l’azienda “ IPampini” sarà protagonista di un laboratorio sul Bellone annate 2010 e 2011 e sul Novello 2012 al l Mercato della Terra di Ciampino.

 

Azienda Vitivinicola Biologica I Pampini  

Strada Foglino 1126 Località Acciarella

04100 Latina 

Tel e fax 0773643144

info@ipampini.it    www.ipampini.it


9 Commenti a “I Pampini ed Il Bellone a Latina”

  1. Roberto scrive:

    Bene, giustissimo dare spazio a realtà contadine, di valore e piene di passione.
    ;-)

  2. Paolo Mazzola scrive:

    Sarebbe divertente una piccola degustazione sul Bellone…magari Augusto Marchetti…

    • …e perche’ no di vero cacchione ….ricordatevi che il bellone e’ un igt lazio e viene coltivato in tutto il lazio…
      il cacchione e’ solo DOC NETTUNO ……..
      vi aspettiamo nella nostra enoteca in via dei frati n. 58
      Nettuno.
      a presto

  3. Valerio Rosati scrive:

    Io ricordo che un paio d’anni fa ad un banco d’assaggio mi aveva colpito molto il rosè da uve Syrah.

  4. gaspare scrive:

    latina è una provincia relativamente nuova. ha una zona “storica” a nord, quella di cori ed una a sud, quella di terracina. aprilia, in parte, ha buoni suoli. per il resto, ovviamente, tutta l’area bonificata, per la fertilità e per lo scarso drenaggio, non si presta alla viticoltura, se non per la produzione di vini leggeri e/o da spumantizzare.
    i pampini è un’azienda che ho testato in alcune occasioni. buoni vini, ma c’è sempre da affinare il tiro

  5. Paolo Mazzola scrive:

    A mio avviso cì sono diverse potenzialità che stanno emergendo nella regione, mi riferisco all’area viterbese del grechetto ormai consolidata, ma anche del Violone e non solo con alcune cantine interessanti, c’è l’area del Cesanese con Olevano, Piglio e Affile che sta man mano trovando una strada decisa verso la definitiva valorizzazione del vitigno, l’area di Cori con il Nero Buono ed il Bellone vitigno coltivato con buoni risultati anche nelle zone marine di cui sopra e l’area del moscato di Terracina. Tanti vitigni autoctoni interessanti alcuni già ben valorizzati ed altri come il Bellone ed il Nero Buono che stanno iniziando un percorso virtuoso. Un’immagine diversa del solito Lazio stereotipato e sfigato pieno di vitigni internazionali …c’è chi vuol vederla e chi invece no…..

  6. Paolo Mazzola scrive:

    Ovviamente senza dimenticare alcune cantine dell’area del Frascati, e la valle del Comino.

  7. Luca scrive:

    Ciao Paolo, quale aziende consigli nella valle del comino?

    Grazie

  8. Paolo Mazzola scrive:

    Articolo su Poggio alla Meta fra qualche giorno.