I single mangiano carne, spendono il doppio e sprecano il triplo

Letture: 70

L'attrice Dalila Di Lazzaro

Dopo San Valentino, San Faustino patrono dei single, consumatori svantaggiati rispetto alle coppie nella spesa per gli acquisti alimentari. Un nucleo familiare composto di una sola persona spende infatti – calcola la Coldiretti – il 64% in più rispetto alla media delle famiglie italiane.


La spesa media per alimentari e bevande di un single è di 304 euro al mese, superiore del 64% rispetto ai 185 euro al mese destinati alla tavola da ogni singola componente di una famiglia tipo italiana formata da in media da 2,5 persone. I motivi della maggiore incidenza della spesa sono da ricercare – prosegue la Coldiretti – nella necessità per i single di acquistare spesso maggiori quantità di cibo per la mancanza di formati adeguati che comunque anche quando sono disponibili risultano molto più cari di quelli tradizionali.
A incidere sulla spesa mensile dei single sono nell’ordine carne (63 euro), l’ortofrutta (59 euro), pane, pasta e derivati dai cereali (51 euro), latte, yogurt e formaggi (41 euro), bevande (29 euro), pesce (25 euro), zucchero, caffè (24 euro) e per ultimo oli e grassi (12 euro). A incrementare la spesa media del singolo, anche l’elevata presenza di sprechi, almeno il triplo rispetto a quelli di una coppia.