Il Gragnano è una cosa seria! Sette etichette da non perdere

Letture: 1526
Penisola Sorrentina: Gragnano declinato in sette versioni.

di Sara Marte

Quotidiano, profumato, frizzantino, rigenerante, lieve, voluttuoso con la sua spuma soffice ed evanescente. Seducente Gragnano è cosa seria. Bello questo vino pieno di storia e fatica che mai, nonostante l’antica e gloriosa tradizione, ha avuto quella fastidiosa supponenza delle bottiglie da enofighetti. Ripidi e stretti i terrazzamenti, pendenze del 40% e pochi, pochissimi artigiani che sanno ancora arrampicarsi su queste vigne e conoscono le pergole come le loro tasche, dosando con perizia il difficile piedirosso, l’aglianico, lo sciascinoso e qui e lì varietà autoctone tra cui castagnara, tintore, s. francesco. Qui, sui vigneti dei Monti Lattari ci sali solo con piccole, piccolissime vetture perché di strade proprio non si può parlare e l’uva si raccoglie a mano e le viti si curano con la zappa.

Dai vigneti di Pimonte di Iovine 1890.

Poche chiacchiere e un mondo da raccontare ché, a tornare indietro nel tempo, a dir Gragnano si diceva tutto il vino di Napoli. Dopo che la moda, spietata nei suoi corsi e ricorsi, lo ha quasi dimenticato, torna oggi all’attenzione. Beviamo allora 7 bottiglie molto rappresentative: tutte 2013, meno che una. Sono facili da reperire ed il periodo pre-pasquale certamente aiuta poiché di largo consumo sulla tavola delle feste di affettati, formaggi e casatielli ed hanno un  costo contenuto. In media vanno dai 6 agli 8 euro.

Penisola Sorrentina Gragnano 2013, Grotta del Sole.

Parlare di Gragnano e della Doc Penisola Sorrentina è parlare di Grotta del Sole. Negli anni ’90 il lavoro, l’impegno, l’investimento e la grande intuizione di recupero di vocate aree della regione, ormai dimenticate, fu loro. Bottiglia intramontabile e caposaldo della produzione aziendale ci appare con questo bel colore rubino dai bagliori porpora, intenso e luminoso. Appena versato nel bicchiere, rilascia la sua spuma ed altrettanto in fretta, proprio come ci si aspetta, sparisce. Grande tocco tradizionale per questo sorso che si muove su linee morbide, sapido, fresco e gustoso. Nitidezza aromatica fusa in una beva di buono slancio. E’ sempre una certezza.

Penisola Sorrentina Gragnano 2013, Iovine 1890.

Iovine 1890: qui siamo di fronte a grandi maestri del Gragnano ed a una bella bottiglia base. La sottozona Gragnano della DOC Penisola Sorrentina include la città di Gragnano, Castellammare e Pimonte. Dal cuore di quest’ultima, con un retaggio familiare di generazioni di produttori di Gragnano, Aniello Iovine fa questo vino e fa sistema. Raggruppa storici agricoltori, oltre 30 conferitori, per bottiglie di grande impulso. Fugace la soffice spuma, sale al naso tipico e verticale, fiorito di viola e piccola frutta rossa turgida. Quello che lo contraddistingue è un sorso carezzevole ma al contempo sostenuto da una bella sapidità ed un tannino giustamente presente. Parla di equilibrio ed è diretto, fresco, lungo, moderno, composto. La bocca pulita ringrazia e si prepara ad un nuovo boccone. Un po’ fuori dal coro è la versione del Terra del Gragnano 2012. Rifermentato in bottiglia, è un Gragnano da attendere. Già, perché a mano a mano che sosta in bottiglia, uno/due anni, se ne apprezzano i sentori di terra, fragranti, minerali ed un complesso di toni più scuri, senza mai e poi mai snaturare la bevibilità e scorrevolezza di questo classico bicchiere. Tempra solida, bocca succosa, freschezza, per un sorso elegante e saporito.

Penisola Sorrentina Gragnano 2013, Borgo S.Anna

Nella ricerca in giro per enoteche troviamo questa piccola cantina di Lettere, sempre lì sui Monti Lattari: Cantine Borgo S.Anna. Mi affido solo alla degustazione per questa bottiglia da 4 euro, dico 4. Poco poco frizzante, come dovrebbe essere, apre con un tocco minerale, piccoli ribes rossi, sentori ematici ed erbe di campo. Il palato è maschio, con i suoi ritorni un po’ ruvidi e fruttati. Ha tannino presente e termina lungo, profumato e lievemente ammandorlato. Il tenore alcolico è di 11 gradi e mezzo e l’approccio è terragno.

Penisola Sorrentina Gragnano 2013, Cantine Astroni.

Cantine Astroni, che nei Campi Flegrei è portatore sano di piedirosso e falanghina, produce però un Gragnano davvero buono. Bel colore rosso rubino luminosissimo, ha un naso ben fuso, verticale, composto. Tutto è al posto giusto tra piccoli frutti rossi e fiori come la rosa. Il palato ha una grandissima sapidità, tratto croccante, sorso fresco e brioso. E’ un gran bel bicchiere attuale e versatile.

Penisola Sorrentina Gragnano 2013, Sannino.

Sannino è una storica azienda di Ercolano. Qualche anno fa, in occasione di una divertente e informale prova tra differenti vini campani e pizza fritta, con la sua bottiglia di Gragnano, ha fatto la parte del leone. Certo, l’abbinamento Gragnano e pizza è un po’ come scoprire l’acqua calda, ma è sicuro che questo bicchiere, dalle note principalmente fruttate e dal tocco vellutato, sappia esprimere una lineare e beverina versione del Gragnano.

Penisola Sorrentina Gragnano 2013, Cantine Federiciane.

Infine Cantine Federiciane. Ha una piccola gamma di 5 vini, due di questi sono dedicati al Lettere ed al Gragnano.  Bella gagliarda monta la spuma e subito salgono tipici toni vinosi , soffi fruttati come quelli di bosco e sul fondo ricordi boisè. Al palato si presenta con un tocco molto morbido, giustamente amabile, avvolgente, orizzontale e sapido. Non termina molto lungo ma si mostra ordinato e un po’piacione. Beva godibilissima per uno stile fondamentalmente classico e garbato.

Così, se non vi fosse venuta voglia di questo bel bicchiere, servito fresco “a temperatura di cantina e non di frigo” come raccontò Mario Soldati, significa che non avete voglia di convivialità, di allegra spensieratezza, di una tavola della tradizione. Altrimenti compratene una bottiglia e condividetela e… Assicurati che sia Gragnano.Tu lo assaggi. Se è frizzante lo pigli, se no…desisti! [cit. Miseria e Nobiltà]

14 commenti

  • Lello Tornatore

    (29 marzo 2014 - 09:08)

    Ma che bel pezzo, Saretta!!! Da te aspetto qualcosa a questi livelli anche sui vini irpini…;-))

  • Andrea D'Auria

    (29 marzo 2014 - 09:41)

    IOVINE 1890 … i vinI del mio matrimonio … che altro per un gragnanese D.O.C.!

  • Gennaro

    (29 marzo 2014 - 10:23)

    Manca Mariano Sabatino! Sicuramente uno dei migliori Gragnano.

  • Un Gragnanese

    (29 marzo 2014 - 11:08)

    Mancano all’elenco solo le due cantine REALMENTE di Gragnano
    Balestrieri : http://www.vinibalestrieri.com
    Fontanella : http://www.vinicolagragnano.it
    giusto per serietà

  • Roberta.Raja

    (29 marzo 2014 - 11:37)

    I tuoi articoli” si fanno leggere” con facilità!

  • Nicola Ruocco

    (30 marzo 2014 - 20:54)

    Il miglior Gragnano DOC – ed io sono di Gragnano – è il Gragnano di Cantine Mariano Sabatino

    http://www.cantinemarianosabatino.it/vino_di_gragnano/gragnano.html

    • Tony Capobianco

      (31 marzo 2014 - 06:29)

      Gragnano Iovine, ottimo frizzante, apprezzato molto anche in Canada e gli Stati Uniti.

  • Fabio

    (1 aprile 2014 - 13:15)

    Per me Cantine Federiciane….il Migliore!!!

  • Marcello

    (13 aprile 2014 - 18:06)

    oì vin’ re sacicc’ e friariell’, se se….

  • eve

    (14 aprile 2014 - 10:12)

    grazie davvro. pezzi come questi non mi inibiscono e mi fanno davvero avvicinare al vino: la mia enoteca ha 3 delle bottiglie citate e le acquisterò per questi giorni di pasqua. grazie davvero!

  • gp

    (15 aprile 2014 - 04:48)

    il rosso&mosso, informale di suo, una bevuta che spesso accresce il proprio spessore dopo un paio di anni di saggio riposo in cantina. a me piace, invece, freddo di frigo.
    una postilla, il gragnano è in genere vino incostante, anno dopo anno varia il gusto e il profumo, anche di molto. ma sono cose poco approfondite dalla critica altolocata :-P

  • Denny

    (15 aprile 2014 - 17:52)

    E pensare che si presta benissimo anche ad un medio invecchiamento!
    Ne ho trovato in un supermercato un paio di bottiglie del 2009 e purtroppo essendo le ultime e non venendo riassortite le ho acquistate…beh che dire ancora uno spettacolo certo berle dell’annata in corso sarebbe il messimo ma mi devo accontentare di quando riesco a trovarle giù al nord…..carpe diem

  • gp

    (16 aprile 2014 - 05:22)

    appunto, due-tre anni di invecchiamento, in bottiglia, ma solo se l’annata promette molto in finezza e profumi. una di queste, per me è stata la 2011.

  • Giovanna

    (2 maggio 2014 - 02:04)

    Gragnano Sannino… semplicemente eccezionale! L’ho apprezzato in Germania, una gran bella scoperta!

I commenti sono chiusi.