Il meglio dell’Alto Adige al Merano Wine Festival 2013

Letture: 108
Merano Wine Festival 2013

di Maurizio Valeriani

Territorio vinicolo di grandissimo interesse, l’Alto Adige ha visto una crescita qualitativa esponenziale negli ultimi 10/15 anni, che l’ha condotto ad esprimere l’eccellenza italiana con particolare riferimento ai vini bianchi.

Quale migliore occasione allora, di giocare in casa, ed assaggiare la gran parte dei vini della provincia di Bolzano, presenti al Merano Wine Festival?

Vi sveliamo come di consueto la nostra Top Ten dei migliori assaggi:

1)    Gruner Veltliner Aristos 2012 – Produttori Valle d’Isarco : mineralità e sapidità sono le parole chiave del profilo organolettico di questo Veltiner che ha sentori di agrumi e frutta secca e chiude con note speziate. 92/100    http://www.cantinavalleisarco.it

2)    Kerner Praepositus 2012 – Abbazia di Novacella :  elegante, persistente, lascia sensazioni di mandorla e gesso, e ricordi fruttati. 92/100  http://www.abbazianovacella.it/it/cantina-vini/cantina-vini.html

3)    Sylvaner Sabiona 2011 – Produttori Valle d’Isarco: la permanenza per 1 anno sulle fecce fini gli conferisce struttura e piacevolezza. Note di pietra focaia si uniscono a toni agrumati e di mela verde. Fresco e profondo. 92/100 http://www.cantinavalleisarco.it

4)    Moscato Giallo Passito Serenade Castel Giovannelli 2010 – Caldaro : per niente stucchevole e tutto giocato su note agrumate, di melone e spezie. Fresco e sapido, lascia ricordi di frutta secca e macchia mediterranea. 92/100 www.kellereikaltern.com

5)    Gewürztraminer Am Sand 2011 – Lageder: strizza l’occhio ad un riesling, con agilità, snellezza, acidità e mineralità. Un biodinamico (certificato Demeter) molto ben realizzato. 91/100  http://www.aloislageder.eu

6)    Gewürztraminer Nussbaumer 2012- Tramin (Cantina del Termeno): sentori di frutta secca, spezie e petali di rosa per questo classico dell’Alto Adige, che finalmente abbandona la eccessiva opulenza, per focalizzarsi su freschezza e profondità. 90/100  www.cantinatramin.it

7)    Sauvignon Sanct Valentin 2012 – St.Michael Eppan:  frutta secca, agrumi ed erbe officinali sono i descrittori olfattivi, di questo complesso ed elegante sauvignon, che chiude con ricordi floreali e di macchia mediterranea. 90/100     www.stmichael.it

8)    Sauvignon De Silva 2007 –    Peter Sölva & Söhne: sapido e minerale, speziato e fresco, complesso ed elegante, pieno e persistente. Chiude con ricordi di agrume  e pietra focaia . Sei anni davvero ben portati . 90/100                     http://www.soelva.com/it/

9)    Moscato Rosa 1994 – Castel Sallegg: ritrovato per caso in cantina, dove era stato dimenticato, è stato imbottigliato di recente. Il vino è sorprendentemente integro, minerale, speziato, profondo ed ancora fresco e complesso,  90/100    www.castelsallegg.it/it/ 

10)  Sauvignon Quartz 2011 – Cantina di Terlano: questa etichetta rappresenta sempre una sicurezza nel panorama del Sauvignon italiano.
Note di gesso e pietra focaia accompagnano toni agrumati e di frutta esotica. Sapido, fresco e profondo. 90/100 http://www.cantina-terlano.com/it/

Merano Wine Festival 2013, alcuni dei vini altoatesini in degustazione

Da segnalare inoltre: