Il Syrah Podere Bellosguardo e la bella storia di Luca Miraglia

Letture: 286
Syrah 2013 Podere Bellosguardo
Syrah 2013 Podere Bellosguardo

di Marina Alaimo

Esistono luoghi di incontri fortunati e Cap’alice, eno osteria napoletana, è sicuramente uno di questi. Nella stradina Bausan, che si cala ripidamente da via Filangieri alla Riviera di Chiaia, c’è un bel passaggio di quella tipologia di napoletani con i quali parleresti per ore. Gente dai pensieri vivaci, di cultura e concreta, discreta, mai chiassosa, dal cuore aperto, proprio come i padroni di casa Mario e Germana. Qui ho avuto il piacere di conoscere Luca e Lia Miraglia, persone squisite, dai modi cortesi ed estremamente socievoli.

Lui è un grande appassionato di vini, come molte persone che frequentano Cap’alice, e Lia lo segue puntualmente con discrezione. Insomma sono due bei napoletani solari ed eleganti che da una decina di anni si dedicano ai vigneti di famiglia in Toscana, nella valle del Casentino a nord di Arezzo. Il loro è il Podere Bellosguardo che, come suggerisce il nome, ha una splendida vista sulla valle. Fu il bisnonno di Luca, Nicola Miraglia, durante un viaggio di lavoro in Toscana nel ruolo di Direttore Generale del Ministero dell’Agricoltura e Foreste, a decidere di acquistare il podere per trascorrervi le vacanze estive con la famiglia.

Podere Bellosguardo
Podere Bellosguardo

Da qui la decisione di impiantare un vigneto è arrivata contemporaneamente ed in maniera scontata essendo un appassionato di vini e viticoltura. Così Luca, oltre ad ereditare Podere Bellosguardo, nel comune di Pratovecchio Stia, è diventato a sua volta un amante del mondo del vino che vive in maniera piena, maturando una certa cultura, vissuta sempre con leggerezza e voglia di condividere questa passione con altri. Insomma è uno che si fa voler bene, che se non lo vedi da tempo desideri incontrarlo per stappare una buona bottiglia e discuterne in serenità, senza menarsela e senza tanti giri di testa. Lia e Luca sono anche persone precise, particolare indispensabile per riuscire nell’intento di investire sul Syrah del bisnonno. Anche la coerenza verso se stessi, il proprio modo di essere così autentici, ha concesso loro di realizzare il proprio sogno. Il tempo ha dato loro ragione, senza forzare il corso delle cose, con pieno rispetto verso la natura dei boschi che circondano il vigneto e per l’antica casa colonica.

Podere Bellosguardo, la vigna
Podere Bellosguardo, la vigna

Il Syrah Bellosguardo si sta facendo apprezzare specie dopo la partecipazione della Fiera Fivi 2014. E la conferma determinante è arrivata dalla Guida ai Vini dell’Espresso che ha assegnato il punteggio di 16,50 al millesimo 2013, e di 16, 2 al 2012. Sono queste le due annate in commercio e la 2014 segna un passo avanti importante nell’interpretazione del territorio e nella piacevolezza del vino che punta maggiormente ad uno stile leggiadro, dal corpo sottile e slanciato. Nei profumi è terroso, il frutto di mora è in sottotono, elegante nei sentori floreali di viola e pepati. Insomma uno di quei rossi che invogliano a bere e ribere senza mai pentirsi di essere andati un po’ oltre. A presto Lia e Luca una lunga bevuta insieme a Cap’alice.

L’azienda Bellosguardo è in Località Santa Maria Poppiena (Ar) Tel. 340.8963808

Un commento

  • Fabio Panci

    (5 ottobre 2015 - 17:46)

    Degustato in una mini verticale proprio alla Fiera FIVI dello scorso Novembre a Piacenza, mi conquistarono alcune note al naso ed in bocca davvero molto interessanti quasi “rodaneggianti” (passatemi il neologismo). Sono davvero contento dei riconoscimenti arrivati dalle guide di settore, e faccio il mio personale in bocca al lupo alla gentilissima e squisita famiglia Miraglia.

I commenti sono chiusi.