Incontro a Teano, pardon, a Noli, tra Maffi e Passione Gourmet

Letture: 129
Franco il Trattore, Alberto Cauzzi e il Guardiano del faro

di Giancarlo Maffi

Questa non è una recensione. Chiaro?
E’ una cosa a metà fra gente che si è annusata sui blog, il più delle volte fanculandosi regolarmente, simpaticamente, antipaticamente.
Poi, come qualche volta succede, si è prodotta una strana chimica, causata dalle uova di Maffi.

Succede che il Guardiano del faro e due dei suoi vanno a mangiare da Lorenzo e si beccano la clamorosa maionese con le galline di Maffi fittate al Viani del Forte.
E al PRESIDENTE di PASSIONE GOURMET viene finalmente voglia di giocare un pochino, che quel blog, straordinario, vive di una seriosità a volte imbarazzante. Mi cita, nella recensione.
Si rilancia allora e si dice: vediamoci, a mezza via per tutti, in quel di Noli, all’hotel Vescovado da Giuse Ricchebuono che lì si è trasferito con la sua Fornace DI Barbablù, ristorante di Vado ligure. Portiamo anche un amico, dice Cauzzi al telefono, tale FRANCO IL TRATTORE, appunto un trattore in quel di NE di Coscenti, sopra Lavagna, Liguria orientale. Mi ricorda qualcosa e qualcuno quell’omaccione con i pantaloni a fiori. Ah, si è un amico di Lombardi, Vignadelmar.
In un modo o un altro, a stagioni alterne, Vignadelmar mi attraversa la vita…..

La chiesa di Noli

A questo punto, dato le stazze e i numeri, esagero. Amo esagerare. Mi faccio mandare 20, dico 20 chili di prodotti da Rivabianca, mozzarella ovvio ma anche ricotta e yogurt. Vediamo se lo chef ci inventa qualcosa e poi dobbiamo sfamare le famiglie che restano a casa speranzose.

E’ stata per me una bella e simpatica gita.
Ci siamo raccontati un po’ di cazzeggi, poco gossip che in fondo degli altri ci fregava nulla, a parte forse un passaggio ed un caro saluto al semi-seppellito LEONARDO CIOMEI , ormai forse ex- mah-boh-non si capisce nulla, persona secondo noi anche troppo civile, rimasto arrotato od appeso se volete ad una presunta infamia mai commessa. Processato e condannato dal piccolo Kim Il Sung di Pesaro

Kim Il Sung

Ricordati di noi, Leo, quando finalmente avrai trovato il coraggio di fanculare il Claudio Cecchetto della webgastronomia

Mangiare s’è mangiato anche molto bene ed anche no in certi passaggi (chi ha prodotto il piatto di pasta ha fatto harakiri credo, con quattro piatti rimandati indietro tout court, dice GDF ), superlativi i dolci, la ricotta di bufala ha fatto il suo dovere, ed anche alcune cosette, la palamita per esempio. Materia prima di ululante freschezza, pescata dalle tre barchette che vedete nella cartolina dalla finestra della sala da pranzo. Comunque in linea con i voti circolanti, per me diciamo 15,5/20 . Si è bevuto anche molto o comunque poco da molte bottiglie fatte freneticamente aprire dal nato sommelier GDF. Ora capisco tutto quel vorticare di bottiglie e di bicchieri nelle recensioni di passione gourmet !!
La meravigliosa ricerca OSSESSIVA COMPULSIVA del vino perfetto! Sarebbe piaciuto al Pignataro tutto questo baccagliare di cristalli !
Ce ne andiamo, alle quattro di un pomeriggio finalmente quasi estivo, ognuno verso i propri cavoli e Francone che accompagna GDF fino a Sanremo perchè con i cartoni di mozza al seguito affrontare il viaggio in treno era dura.
Bella giornata. Spero si possa ripetere, anche con più calma. Abbiamo tante cose da raccontarci….
Mi piace per questo giro di foto e slide show parole e musica di un pezzo di Lolli STRAORDINARIAMENTE adatto alla situazione di venerdì: HO VISTO DEGLI ZINGARI FELICI .
eravamo noi, ieri quegli zingari, da Giuseppe Ricchebuono alla Fornace di Barbablu.

IL VESCOVADO- LA FORNACE DI BARBABLU’
VIA AL VESCOVADO 13
NOLI (SV)

ANTICA TRATTORIA DEI MOSTO, da Franco il trattore
NE, località Coscenti
Piazza dei Mosto, 15

2 commenti

  • Giuseppe Grammauta

    (23 maggio 2010 - 16:14)

    Giancarlo speriamo di ripeterle queste non recensioni. C’è proprio bisogno di rilassarci un po’.
    So dove sei e aspetto i tuoi racconti.

  • Vignadelmar

    (24 maggio 2010 - 13:14)

    Accidenti, mi vedo citato in un post dove compare una nostalgica foto del “Grande leader” ed “Eterno Presidente”; lo sapevo che in fondo Maffi mi vuole bene, anche se evita accuratamente di venirmi a trovare !!!!
    Poi vedo Francone in splendida forma e mi commuovo davvero, noi insieme raschiamo i 300 kg……dai, non siate invidiosi……..
    Nulla a che vedere con il magrissimo Leo Ciomei, vecchio compagno di scorribande gastronomiche.
    .
    Ciao

I commenti sono chiusi.