Italia, si respira di nuovo aria fresca e pulita. Studenti in lotta, spiazzati i ragionieri del governo

Letture: 51

Dopo 16 anni di soporifera apnea conservatrice e individualista, con comici all’opposizione di comici, in piazza la speranza e i sogni

Torino, volantinaggio a Terra Madre
Napoli, lezioni a piazza Plebiscito
E Pasolini con chi starebbe stavolta?

E Pasolini con chi starebbe stavolta? Ok, noi eravamo i figli di papà e loro i figli dei contadini. Ma adesso? A sinistra un futuro da precario e di schiavitù a cottimo esaltato come flessibilità dai conservatori. A destra uno stipendio fisso e pensione assicurata

Venezia, finalmente una cartolina decente
Napoli è sempre Napoli
Ma anche Milano è bella così: lezione a piazza Duomo

Con gli studenti: tagliate le spese militari all’estero, dimezzate il Parlamento, le Regioni centrali di spreco, i budget faraonici della Rai. Date soldi alla scuola, dignitosi stipendi agli insegnanti.
Protestate, protestate, protestate: i veri infiltrati e terroristi sono i venditori in grisaglia di edge found con l’auricolare e la capa pelata. La realtà non è mai stata così grigia e plumbea. Dopo tre o quattro generazioni cremate sull’altare della competitività c’è bisogno di nuovo umanesimo. Cambiare si può