Kissòs 2007 Falanghina Taburno doc

Letture: 143

CANTINE TORA
Uva: falanghina
Fascia di prezzo: da 10 a 15 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Francesco e Giampiero Rillo

La kermesse torrecusana in corso ci dà la possibilità di poter degustare, oltre alla varia gamma di etichette aglianico, anche altre chicche enologiche, come ad esempio questa bella falanghina prodotta da Cantine Tora. Kissòs, forte richiamo alla vite, è il nome dell’etichetta che a nostro avviso costituisce il prodotto di punta della giovane realtà aziendale.
L’annata in questione è la 2007 e va detto che l’etichetta viene prodotta solo nelle annate migliori. La raccolta avviene nella seconda decade di ottobre, con la selezione delle migliori uve tra i filari dell’azienda che si trovano a circa 350 metri di altitudine. In cantina una pressatura soffice e poi la lunghissima fase di fermentazione a bassissime temperature. Nel maggio scorso, quando per la prima volta i fratelli Francesco e Giampiero Rillo fecero degustare insieme a Michela Guadagno questo vino, avevamo da subito apprezzato il calice. Bevuto da solo.
L’altra sera, quasi per gioco, la bottiglia stappata è stata consumata tutta d’un fiato su delle linguine con pomodoro fresco, origano ed alici (fresche). Il calice è emerso alla grande, sorreggendo pomodoro e speziatura del piatto. Ingresso in bocca di estrema piacevolezza ma mai stucchevole, con la spinta acida che tuttavia deve lavorare non poco e fare a gomitate per sostenere l’elevato tasso alcolico e la struttura del vino. Il connubio perfetto tra grassezza e sapidità rende il vino particolarmente importante di godibile beva, quasi a voler nascondere il suo stato aristocratico.
Tutto quanto emerso al palato non ha fatto nient’altro che confermare ciò che emergeva alla vista e successivamente al naso. Il colore è giallo dorato, carico mentre si coglie l’estrema viscosità sulle pareti del calice. Il successivo impatto al naso è veramente un’esplosione: tanta frutta gialla matura per un ventaglio olfattivo di estrema complessità. L’altra bottiglia rimasta? Da provare su qualche saporito formaggio prodotto nell’areale del Taburno. Un perfetto abbinamento a “chilometro zero”.

Questa scheda è di Pasquale Carlo

Sede in Torrecuso – Località Tora II, 16
Tel. e fax 0824.872254
www.cantinetora.it
Enologo: Angelo Valentino
Ettari: 8 di proprietà
Bottiglie prodotte: 70.000
Vitigni: falanghina ed aglianico.