La Buca dei Ladroni ad Arpaise, grandi bottiglie di vino su ricette sannite

6/7/2017 1.6 MILA
La Buca dei Ladroni - L'insegna
La Buca dei Ladroni – L’insegna

di Tiziano Terracciano
Rieccoci al confine tra Sannio e Irpinia, stavolta su territorio Beneventano e precisamente ad Arpaise, un paesino di circa 750 abitanti posto ad un’altitudine di 400 metri e circondato dalla natura verdeggiante che, pur essendo agli inizi di luglio, al tramonto dona una piacevole frescura tanto che preferiamo accomodarci all’interno del locale anziché sotta al gazebo esterno. A primo colpo d’occhio non si riesce a capire dove sia l’Osteria in quanto, pur essendo all’inizio del corso principale del paese, l’insegna si mimetizza tra l’edera della ringhiera di un bel villino d’epoca al piano terra del quale è stato ricavato il locale.

La Buca dei Ladroni - Interni
La Buca dei Ladroni – Interni

Veniamo accolti dall’ospitale e affabile Pino, il proprietario, che si siede a tavola con noi per illustrarci il menu e per precisare che i prodotti utilizzati provengono tutti dal territorio circostante che, come detto, essendo ai confini, abbracciano peculiarità sia dell’Irpinia che del Sannio. Pino è anche un appassionato di vini e assaggia e sceglie personalmente i vini che propone come “vino della casa” ai propri clienti. Come di consueto scegliamo un bel Rosso proveniente da Guardia Sanframondi e per aperitivo assaggiamo una Falanghina locale con delle note fruttate molto accentuate rese ancor più piacevoli da una inusuale corposità (Pino ci dice che siamo intorno ad una gradazione del 15%).

La Buca dei Ladroni - Il Vino
La Buca dei Ladroni – Il Vino
La Buca dei Ladroni - La Collezione di Vini
La Buca dei Ladroni – La Collezione di Vini
La Buca dei Ladroni - La Collezione di Vini.jpg
La Buca dei Ladroni – La Collezione di Vini.jpg

Cominciamo quindi con l’antipasto composto da una Frittatina di dolcissime Cipolle locali, scioglievole Prosciutto Crudo di Venticano, Lardo sempre di Venticano stagionato in erbe varie tra cui spicca piacevolmente il Rosmarino, Ricottine sempre provenienti da Venticano (che, come ci fa notare Pino, prima venivano servite in canestrini naturali di vimini ma che ora per le leggi attuali devono essere poste nella plastica per “motivi igienici”, motivi che però spesso si scontrano con le belle tradizioni!) e per finire uno sfizioso tegamino tenuto caldo da una candela e contenente una Zuppetta di fagioli Cannellini esaltati dal buonissimo Olio extra vergine di oliva proveniente da Ceppaloni e dal profumatissimo Origano di Montevergine.

La Buca dei Ladroni - La Frittata di Cipolle
La Buca dei Ladroni – La Frittata di Cipolle
La Buca dei Ladroni - Il Prosciutto di Venticano
La Buca dei Ladroni – Il Prosciutto di Venticano
La Buca dei Ladroni - Il Lardo di Venticano
La Buca dei Ladroni – Il Lardo di Venticano
La Buca dei Ladroni - Le Ricottine
La Buca dei Ladroni – Le Ricottine
La Buca dei Ladroni - Il Tegamino di Cannellini
La Buca dei Ladroni – Il Tegamino di Cannellini
La Buca dei Ladroni - Il Pane
La Buca dei Ladroni – Il Pane

Come primo piatto assaggiamo dei Cavatelli fatti in casa con Pancetta paesana e Pistacchi, serviti con a fianco una ciotolina di Pecorino Romano. Ho assaggiato alcuni cavatelli con il pecorino sopra, ma a dire il vero ho preferito mangiarli senza il formaggio in quanto si distinguevano meglio i sapori della pancetta e dei pistacchi.

La Buca dei Ladroni - I Cavatelli con Pancetta Paesana e Pistacchi
La Buca dei Ladroni – I Cavatelli con Pancetta Paesana e Pistacchi

Per secondo prendiamo delle costolette di Agnello paesano alla Falanghina che sprigionano un profumo e dei sapori eccezionali bilanciati perfettamente con un pizzico di peperoncino e qualche pomodorino. E, giusto perché ci avevamo messo il pensiero, assaggiamo un prelibato Caciocavallo di Castelfranco in Miscano alla piastra con dell’inebriante Tartufo conservato sott’olio.

La Buca dei Ladroni - L'agnello alla Falaghina
La Buca dei Ladroni – L’agnello alla Falaghina
La Buca dei Ladroni - Il Caciocavallo di Castelfranco in Miscano alla piastra con Tartufo
La Buca dei Ladroni – Il Caciocavallo di Castelfranco in Miscano alla piastra con Tartufo

Concludiamo con un gustoso Spumone artigianale proveniente dalla vicina Ceppaloni e con un bel liquore artigianale alla Mela Annurca, di quelli con l’ottimale gradazione alcolica e che non sanno solo di zucchero!

La Buca dei Ladroni - Lo Spumone artigianale
La Buca dei Ladroni – Lo Spumone artigianale
La Buca dei Ladroni - Il liquore alla Mela Annurca
La Buca dei Ladroni – Il liquore alla Mela Annurca

Osteria “La Buca dei Ladroni”
Corso Paolo Emilio Capone, 1
82010 Arpaise (BN)
Tel 0824 46699

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *