La Campania… di Proposta Vini /Garantito IGP

Letture: 109
Il Logo del catalogo di Proposta Divini
Il Logo del catalogo di Proposta Divini

di Lorenzo Colombo

Sono ben quattordici le aziende campane presenti nel Catalogo 2015 di Proposta Vini, l’azienda di distribuzione di Pergine Valsugana, creata trent’anni fa da Gianpaolo Girardi.
Tutte le zone vinicole della regione sono infatti rappresentate, dalla provincia d’Avellino con i vini dell’Irpinia, a quella di Benevento, con i prodotti del Sannio, da quella di Caserta, con i vini dell’Aversano, a quella di Salerno, con i vini della Costiera Amalfitana e delle vallate dei Monti Picentini ed infine la provincia di Napoli, con i vini della zona Vesuviana, dei Campi Flegrei, della penisola Sorrentina e dell’Isola d’Ischia.
Sei di queste erano presenti a Bussolengo, presso il Montresor Tower Hotel, il 25 e 26 gennaio, in occasione della presentazione a clienti, operatori e stampa, dell’edizione 2015 del Catalogo.
Tra le centoquattordici aziende presenti in quell’occasione, con un numero imprecisato di vini in degustazione, ci siamo concentrati su quelle sei, assaggiandone tutti i vini disponibili.
Gli assaggi sono stati effettuati in modo palese presso i banchi dei produttori, quindi nessuna valutazione centesimale da parte nostra, ma solamente un’indicazione del nostro gradimento, così specificato:
*    da 82 a 84-85/100
**    da 85 a 87-88/100
***    da 88/100
Eccovi il nostro resoconto.
______________________
– Antica Masseria Venditti –
______________________
Situata a Castelvenere, in provincia di Benevento, offre un’ampia panoramica dei vini e dei vitigni del Sannio, Falanghina in primis, ma anche curiosità viticole, come la “Barbetta”, un’antica varietà locale chiamata erroneamente Barbera.

– Sannio Falanghina Doc “Assenza” 2013 (Senza solfiti aggiunti) *
Color giallo-paglierino intenso. Intenso al naso, sentori vegetali (fieno) e di buccia d’uva e di mela. Asciutto, decisamente sapido, bel frutto giallo, sapore di succo di mela, lunga la persistenza. Un vino particolare, che si scosta un poco dall’idea comune di Falanghina, comunque molto piacevole.

– Sannio Dop Barbera “Barbetta” Assenza 2013 (Senza solfiti aggiunti) *
Profondissimo il colore, quasi nero, unghia violacea. Intenso al naso, fruttato (ciliegie, prugne, more), note floreali che rimandano alle rose, accenni aromatici. Alla bocca è un’esplosione di frutta e d’aromaticità, tornano gli accenni di rose, buona la struttura e lunga la persistenza. Un vino piacevolissimo e facile a bersi.

– Sannio Dop Barbera “Barbetta” 2011 *
Profondo il colore, unghia violacea. Leggermente chiuso, s’apre quindi su note floreali (rosa) con note fruttate (ciliegia) in sottofondo. Sapido e fresco, con un bel frutto rosso e tannini ben presenti, lunga la persistenza. Ci è parso più espressivo al palato.

– Sannio Doc Aglianico “Marraioli” 2009 **
Color granato luminoso. Intenso al naso, floreale, sentori di violetta. Fresco, con bella vena acida, buona la trama tannica, fruttato-speziato, note floreali, molto lunga la persistenza. Dona proprio un’impressione di freschezza.

– Solopaca Rosso Doc “Bosco Caldaia” 2007 (Aglianico, Montepulciano, Piedirosso, cloni autoctoni) ***
Color granato intenso. Al naso presenta note terziarie di cuoio e spezie (chiodo di garofano), complesso. Molto elegante, con tannini importanti ma ben amalgamati, sentori di prugne con spezie dolci, lunga la persistenza su note di liquirizia amara. Complesso.

__________
– Caputalbus –
__________

Altra azienda del Sannio, situata a Ponte, i vitigni utilizzati sono Falanghina e Aglianico.

– Falanghina Spumante Brut “De Magia” (Metodo Charmat) *
Color verdolino scarico, luminoso. Fruttato, intenso, pulito, fresco. La freschezza è evidente anche al palato, spiccata la vena acida, sapido, con un bel frutto (pesca) ed una buona persistenza.

– Sannio Falanghina Doc – Sottozona Taburno “Dies Irae” 2013 *
Verdolino scarico, luminoso. Bel naso, elegante, con note dolci che rimandano alla pasticceria. Di discreta struttura, sapido, si coglie una pesca matura, lunga la persistenza. Interessante.

– Aglianico del Taburno Rosso Docg “Illunis” 2011 ***
Granato luminoso di buona profondità. Intenso al naso, elegante, accenni floreali di rosa, tabacco da pipa, note speziate. Morbido al palato, di buona struttura, equilibrato, elegante, tannini dolci, lunghissima la persistenza.

– Beneventano Igt Aglianico “Quercus Domina” 2013 *
Granato-rubino, intenso e luminoso. Intenso al naso, floreale (rosa), fruttato, leggera riduzione. Di media struttura, fresco, piacevole, note aromatiche, torna il sentori di rosa, buona la persistenza.

___________
– Cenatiempo –

____________
Siamo ad Ischia, con i suoi vitigni locali: Biancolella, Forastera e Piedirosso.

– Ischia Biancolella Doc “Kalimera” 2013 **
Paglierino luminoso. Elegante al naso, di buona complessità, presenta note vanigliate e balsamiche. Di buona struttura, morbido ed al contempo decisamente sapido, accenni tannici, lunga la persistenza.

– Ischia Forastera Doc 2013 *
Paglierino con riflessi verdolini. Interessante al naso, intenso, sentori vegetali-fruttati, accenni sulfurei. Di media struttura, fresco, sapido, con bella vena acida, tornano le note sulfuree, buona la persistenza. Vi curioso, particolare.

– Ischia Bianco Superiore Doc “Lefkòs” 2013 (Biancolella 60%, Forastera 40%) *
Paglierino luminoso di media intensità, lance verdoline. Intenso al naso, con note vegetali che rimandano al fieno. Di buona struttura, morbido e sapido, buona la persistenza.

– Ischia Biancolella Doc 2013 *
Color paglierino. Di buona intensità olfattiva, si colgono sentori di frutta gialla e note d’erbe officinali. Media la struttura, sapido, note vegetali che rimandano al fieno, buona la persistenza.

– Epomeo Rosso Igp “Màvros” 2012 (60% piedirosso, 40% altri vitigni autoctoni) ***
Granato profondo e luminoso. Intenso al naso, frutta rossa speziata, tabacco dolce, accenni balsamico-aromatici. Di media struttura, buon frutto rosso, bella trama tannica, equilibrato, elegante, lunga persistenza su sentori di liquirizia dolce. Notevole.

– Ischia Rosso Doc Per’e Palummo 2013 *
Color granato di buona profondità. Buona l’intensità olfattiva, accenni aromatico-balsamici, sentori di rosa. Di media struttura, fresco, aromatico, piacevole la beva, lunga la persistenza.

_____________
– Ferrara Benito –
_____________

Situata in Irpinia, a Tufo, patria del Greco di Tufo, oltre a questo l’azienda coltiva gli altri due vitigni che danno vita alle Docg provinciali, ovvero Aglianico e Fiano.

– Fiano di Avellino Docg 2013 **
Color paglierino-verdolino luminoso. Bel naso, intenso fruttato (pesca e agrumi), con note mandorlate. Di buona struttura, morbido, spicca netto il frutto giallo, note d’agrume maturo, lunga la persistenza.

– Greco di Tufo Docg “Vigna Cicogna” 2013 *
Color giallo paglierino non molto intenso. Di media intensità olfattiva, un poco chiuso all’inizio, s’apre quindi con un bel frutto. Di buona struttura, molto sapido, fresco, con bella vena acida, elegante, lunga la persistenza.

– Greco Campania Igt “Due Chicchi” 2013 *
Verdolino luminoso. Intenso al naso, elegante, presenta affumicate. Di buona struttura, morbido e sapido, presenta un bel frutto giallo, lunga la persistenza su note d’agrume maturo.

– Greco di Tufo Docg 2013 *
Color giallo paglierino di media intensità, luminoso. Discreta l’intensità olfattiva, agrumato, sentori di frutta bianca. Intenso, fresco, sapido, con bella vena acida e lunga persistenza su sentori d’arancia.

– Taurasi Docg “Vigna Quattro Confini” 2010 ***
Color granato luminoso. Di buona intensità olfattiva, elegante, si presenta con accenni balsamici e sentori di legno dolce. Di buona struttura, elegante, balsamico, con legno ben amalgamato nell’insieme, notevole l’equilibrio gustativo, lunga la persistenza su sentori di liquirizia dolce e di tabacco da pipa.

– Irpinia Aglianico Doc “Vigna Quattro Confini” 2013 *
Granato-rubino luminoso. Di media intensità olfattiva, frutto rosso con leggera speziatura, accenni floreali (rosa). Fresco e sapido, mediamente strutturato, ritroviamo la frutta rossa speziata (ciliegia), bell’equilibrio gustativo e buona persistenza.

– Campania Aglianico Igt “Passo del Lupo” 2012 *
Color granato-rubino di media intensità, luminoso. Buona l’intensità olfattiva, note floreali (rosa), frutto rosso leggermente speziato. Media la struttura, fresco, con bell’equilibrio gustativo, buon frutto (ciliegia) con leggera speziatura, piacevolissima la beva.

__________
– La Sibilla –
_________

L’azienda è situata a Bacoli, in provincia di Napoli, nella zona del Campi Flegrei. Oltre a Piedirosso e Falanghina, risulta curioso il vitigno “Marsigliese”, di provenienza francese e somigliante, per alcuni aspetti al Tannat.

– Campi Flegri Doc Falanghina “Cruna DeLago” 2012 **
Giallo paglierino intenso. Di buona intensità olfattiva, elegante, di buona complessità, leggere note macerative ed accenni di mandorla nel confetto. Sapido, complesso, tornano le note macerative unite a leggeri accenni ossidativi che rimandano alla buccia di mela, lunga la persistenza. Un vino particolare.

– Campi Flegri Doc Falanghina 2013 *
Giallo paglierino luminoso di buona intensità. Discreta l’intensità olfattiva, presenta note sulfuree. Di media struttura, sapido, sentori vegetali e di buccia di mela, discreta la persistenza.

– Campi Flegri Doc Piedirosso 2013 *
Granato luminoso. Discreta l’intensità olfattiva, sentori di frutto rosso speziato, note affumicate. Di media struttura, fresco, accenni balsamici e leggere note aromatiche, discreta la persistenza.

– Campi Flegri Doc Piedirosso “Vigna Madre” 2012 *
Color granato, intenso e profondo. Non molto intenso al naso, elegante, balsamico, sentori di tabacco e liquirizia. Di media struttura, con bell’equilibrio gustativo, sentori di bastoncino di liquirizia, lunga la persistenza.

– Campania Igt Rosso “Marsiliano” 2009 (marsigliese 80%, varietà autoctone 20%) **
Granato profondo. Intenso al naso, austero, un poco chiuso, note terziarie che rimandano al cuoio, legno speziato. Di buona struttura, complesso, sentori di cuoio e di liquirizia amara forte, lunga la persistenza.

__________
– Vadiaperti –

___________
Storica azienda Irpina, che altre alle già citate varietà Fiano, Greco e Aglianico, ha da sempre puntato sulla valorizzazione della Coda di Volpe, vinificata in purezza.

– Fiano di Avellino Docg “Aipierti” 2013 **
Verdolino scarico. Intenso al naso, minerale, elegante. Sapido, asciutto, verticale, molto elegante, buona la persistenza. Un vino notevole.

– Fiano di Avellino Docg 2013 **
Verdolino-paglierino. Discreta l’intensità olfattiva, fresco, elegante, si coglie un frutto bianco. Asciutto al palato, fresco, minerale, molto sapido, lunga la persistenza.

– Greco di Tufo Docg ” Tornante” 2013 **
Giallo paglierino. Al naso si colgono note vegetali che rimandano al fieno e sentori di buccia d’uva e di mela. Di buona struttura, asciutto, sapido, torna il sentore di buccia d’uva, lunga la persistenza.

– Fiano di Avellino Docg “Aipierti” 2008 **
Color paglierino carico. Note terziarie che rimandano agli idrocarburi, lunga la persistenza.

– Irpinia Doc Coda di Volpe “Torama” 2013 *
Color giallo paglierino. Pulito al naso, di media intensità, elegante, agrumato. Fresco, minerale, buona la persistenza, Un vino verticale.

– Irpinia Doc Coda di Volpe 2013 *
Color verdolino scarico. Media l’intensità olfattiva, buona l’eleganza, accenni affumicati. Asciutto, decisamente sapido, bella vena acida e buona persistenza. 83-84

– Greco di Tufo Docg 2013 *
Giallo paglierino. Buona l’intensità olfattiva dove si colgono frutta gialla e agrume maturo. Asciutto al palato, sapido, verticale, buona la persistenza. 83-84

– Igt Campania Aglianico 2012 *
Color granato di buona intensità. Intenso al naso, di buona eleganza, frutto rosso speziato. Discreta la struttura, note balsamiche (rosa) e di legno dolce, fresco, lunga la persistenza su sentori di liquirizia.

____________
– Montevetrano –
____________

Situata a San Cipriano Picentino, in provincia di Salerno, quest’azienda non ha bisogno di presentazioni, avendo ottenuto con il “Montevetrano” i più alti riconoscimenti internazionali.

– Igt Campania Aglianico “Core” 2013 **
Color rubino profondo. Bel naso, intenso, elegante, affumicato, con accenni balsamici. Buona la struttura, sapido, con trama tannica importante ma con tannini morbidi, frutto rosso maturo, liquirizia forte e lunga persistenza.

– Igt Colli di Salerno “Montevetrano” 2012 (Cabernet Sauvignon, Merlot e Aglianico) ***
Bellissimo il colore, rubino-purpureo. Di buona intensità olfattiva, pulito, elegante, legno ben dosato, sentori balsamici e leggere note affumicate. Elegante, equilibrato, il legno è ben fuso nell’insieme, lunga la persistenza su sentori di liquirizia dolce.

Garantito igp sei logo

Pubblicato in contemporanea su
Alta fedeltà
Lavinium
Luciano Pignataro WineBlog
Winesurf
Vinealia